Aiuta senzatetto con raccolta fondi da oltre 250.000 dollari

Una ragazza americana ha lanciato una raccolta fondi per aiutare un senzatetto che le aveva comprato della benzina, arrivando a oltre 250.000 dollari.

Il ragazzo

Una ragazza americana del New Jersey, Kate McClure, 27 anni, aiutata da un giovane senzatetto, Johnny Bobbitt jr, 34 anni, a comprare la benzina per la sua auto, ha lanciato per lui una raccolta fondi sul sito GoFundMe e in soli dodici giorni è arrivata ad oltre 250.000 dollari, corrispondenti a più di 175.000 euro.

L’offerta è stata raggiunta per il giorno del Thanksgiving, il Giorno del Ringraziamento, che è stato celebrato giovedì 23 novembre, e Johnny ha potuto trovare una stanza in un hotel per due mesi, comprare da mangiare e dei vestiti.

L’incontro

Aiuto reciproco

Il giorno in cui ha incontrato Johnny, Kate era davvero angosciatissima, perchè si è accorta che la sua auto non aveva più benzina: lei non aveva soldi con sé e ha telefonato al suo fidanzato, Mark, perché andasse a darle una mano. Nel frattempo le si è avvicinato il senzatetto, che le ha raccomandato di non preoccuparsi, di non lasciare la sua auto, perché non sarebbe stato sicuro, intanto sarebbe andato lui a piedi al distributore di benzina più vicino, a comprargliela: “Fidati di me”, le ha detto. Infatti l’ha aiutata, spendendo gli ultimi 20 dollari – 17 euro – che gli restavano. Ma da quel momento la sua vita è cambiata.

La svolta

Il giovane

Kate ha raccontato che, appena ha potuto, ha restituito a Johnny il 20 dollari della benzina, poi gli ha regalato una giacca, un cappello e calze di lana, vista la stagione fretta. Inoltre gli dava soldi ogni volta che lo incontrava. Man mano i due sono entrati più in confidenza e il giovane senzatetto le ha raccontato la sua storia: era stato un marine, un pompiere e un paramedico, prima di finire in miseria 18 mesi fa, dopo aver avuto anche problemi di droga. Aveva una fidanzata e un cane, poi è rimasto solo. Commossa, Kate ha allora deciso, insieme al fidanzato Mark, di lanciare per il povero giovane che l’aveva aiutata, un crowdfounding attraverso il sito GoFundMe, una raccolta fondi per aiutare l’ex marine a rimettersi economicamente in sesto: la sua intenzione era quella di raccogliere 10.000 dollari – pari a 8.400 euro -, quel tanto che sarebbe bastato a Johnny per trovare un appartamento, una macchina, e a coprire da quattro a sei mese di spese per sopravvivere. Tuttavia la cifra raccolta l’ha sorpresa e ha sorpreso lo stesso destinatario dell’offerta. Ora Johnny potrà dormire i primi due mesi in un albergo nella vicina Philadelphia e già quando la cifra totale era ben lungi dall’essere raggiunta, ha potuto comprarsi dei vestiti, del cibo e quanto di essenziale per vivere.

Oltre a Kate e a Mark sono state 7.000 le persone che hanno voluto aiutarlo e ora è lui che pensa in futuro di devolvere denaro in beneficenza. Intanto però spera di trovare un lavoro, magari presso un magazzino della celeberrima azienda Amazon, nella città di Robbinsville.

Questa è una storia che fa davvero piacere leggere, tanto più che manca solo un mese a Natale: il gesto di Kate, ma anche quello dell’ex senzatetto Johnny, che ha speso i pochi soldi che gli rimanevano per aiutare la ragazza in difficoltà, scaldano il cuore.

Scritto da Alessandra Boga
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ritenzione idrica: combatterla con magnesio e potassio

Michael Kors .it: scopri la nuova collezione

Leggi anche
  • razzismo europeiRazzismo e LGBTQ+ agli Europei: da #takingtheknee alla fascia di Neuer

    Razzismo, comunità LGBTQ+ e discriminazioni agli Europei: numerosi episodi hanno suscitato le polemiche dell’opinione pubblica.

  • vaticano contro ddl zanVaticano contro il ddl Zan: la Santa Sede rompe il silenzio

    Il progetto di legge contro l’omotransfobia non è conforme con il Concordato tra Italia e Santa Sede, questo è quanto dichiara la Santa Sede in una nota all’ambasciata italiana

  • pandemia bambine mutilazioni genitaliPandemia e mutilazioni genitali: aumentano i casi sulle bambine

    Nei Paesi del Terzo mondo i casi di mutilazioni genitali alle bambine sono sensibilmente aumentati con la pandemia di Coronavirus.

  • victoria secret angeliVictoria’s Secret dice addio ai suoi ‘angeli’: il rebranding dell’azienda

    L’azienda Victoria’s Secret si rivoluziona completamente, dicendo addio alle supermodelle dette ‘angeli’ per fare posto ad una femminilità inclusiva.

Contents.media