GF, ecco cosa ha scritto sulla maglia Luigi Favoloso

Grande Fratello, svelato il mistero della frase scritta sulla maglietta da Luigi Favoloso.

Luigi Favoloso è il secondo espulso di questa quindicesima edizione del Grande Fratello. A costargli la squalifica sarebbe stata una maglietta, da lui indossata, con su scritto una frase a sfondo sessista. Ma cosa c’era scritto realmente su questa maglia?

La frase della maglietta

Barbara D’Urso non ha voluto rivelare le parole per cui Luigi è stato espulso. La conduttrice si è limitata a sottolineare che la scritta era pesantemente sessista.

A Favoloso è stato imposto l’assoluto divieto di proferirla. Lo stesso vale per i ragazzi in casa.

L’Italia intera però si chiede cosa ci fosse realmente scritto su questa maglietta. Sui social è subito partita la caccia alla frase.

La risposta però sembra già essere stata trovata: su Twitter è comparso un misterioso post di un ragazzo che avrebbe la soluzione a questo mistero.

“Mia madre è nella redazione del Grande Fratello e mi ha detto che Favoloso sulla maglia ha scritto ‘torna in cucina‘”. L’insulto, sarebbe stato rivolto a una donna del team autoriale che aveva negato all’ex (o forse ancora fidanzato) di Nina Moric altre sigarette.

Se si trattasse della verità, il motivo dell’espulsione del napoletano apparirebbe alquanto futile se posto in relazione a tutto ciò che il ragazzo ha fatto/detto da quando è entrato al GF.

Episodi che, malgrado la loro gravità, erano rimasti quasi completamente impuniti.

Le parole della D’Urso e le scuse

Barbara D’Urso ha così motivato l’espulsione di Luigi: “Durante la notte Luigi Favoloso, erano le quattro di mattina, ha fatto qualcosa d’incredibile e inaspettato. Per una sua personale protesta per le sigarette, ha preso una maglia bianca e sopra ha scritto con il rossetto rosso“.

La scena non è stata vista dai telespettatori perché accaduta durante lo stacco della diretta.

Gli unici a sapere cosa sia realmente accaduto sono i concorrenti e gli autori.

“Avremmo potuto fare finta di niente, invece riteniamo che tale comportamento debba essere comunque sanzionato”, ha voluto fare chiarezza la presentatrice.

Una volta arrivato in studio Luigi ha subito fatto mea culpa. “Sì è vero ho scritto una cosa brutta – ha ammesso – purtroppo non me la fate dire e non posso spiegare bene. Ci tengo a precisare che quella cosa era rivolta ad una donna in particolare e non a tutte. Non era una cosa generica”.

I sospetti della rete

Questa faccenda della maglietta a buona parte del web non appare ben chiara.

Fioccano i commenti che dicono che questo teatrino sia stato magistralmente architettato dalla redazione del programma per far fuori Luigi e salvare la faccia del reality.

Una mossa per cercare di resistere alle pressioni del Codacons e a evitare che ulteriori sponsor possano decidere di ritirarsi.

Su Instagram, alcuni giorni fa è comparso un post in cui già si preannunciava l’uscita del ragazzo dal gioco. A quanto pare, tutto era già stato scritto.

Scritto da Alice Sacchi

Scrivi un commento

1000

GF: Favoloso vuole lasciare, Barbara D’Urso lo squalifica

GF, Selvaggia Lucarelli contro la coppia Moric-Favoloso

Leggi anche
  • ali yagci chi èChi è Ali Yagci: biografia e vita privata dell’attore turco

    Ali Yagci è l’attore turco che interpreta Osman nella soap opera turca Daydreamer – Le ali del sogno. Cosa sappiamo di lui?

  • cosa guardare su netflix luglio 2020Cosa guardare su Netflix a luglio 2020: film e serie tv

    Cosa guardare su Netflix a luglio 2020? Tutte le serie tv e i film in uscita.

  • Bruno Vespa: chi èChi è Bruno Vespa: curiosità e vita privata del conduttore

    Giornalista, conduttore e scrittore. Bruno Vespa è ormai popolarissimo nella televisione italiana, ma cosa si sa della sua vita privata?

  • Cristiana dell'anna: chi èChi è Cristiana Dell’Anna, l’attrice di Gomorra e Un posto al sole

    Curiosità, ultime news e vita privata di Cristiana dell’Anna: la giovane attrice napoletana famosa per Un Posto al Sole e Gomorra.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.