Dieta con magnesio e potassio: i benefici e gli alimenti da preferire

Potassio e magnesio sono minerali da integrare in una dieta bilanciata: quali sono i vantaggi e in quali alimenti si trovano maggiormente?

Ti sei messa a dieta per perdere qualche chilo di troppo? Non trascurare i sali minerali. Un regime ipocalorico spesso è accompagnato da stanchezza, irritabilità e sbalzi di umore ma la causa non è solo psicologica. La carenza di minerali come magnesio e potassio sono elementi da tenere in considerazione in una dieta bilanciata, come integrarli?

Dieta con magnesio e potassio

Potassio e magnesio carenti sono causa di malumore ma anche di crampi muscolari e cali di pressione. Accusare questi disturbi è tipico di chi cambia velocemente e radicalmente alimentazione perseguendo magari qualche dieta miracolosa, ma può capitare anche a chi presta più attenzione e crede di mangiare sano. Associando molta attività fisica a temperature esterne elevate, possiamo andare incontro a perdite importanti di sali minerali soprattutto a causa della sudorazione. Potassio e magnesio sono tra questi e sono sostanze che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare.

L’idratazione è fondamentale ma non sufficiente.

L’assunzione di magnesio migliora il metabolismo con ovvi vantaggi per il peso forma ma è utile anche contro i crampi mestruali. Il fabbisogno di magnesio è pari a 300 mg al giorno. Detto questo, bisogna specificare che questo minerale è presente in numerosi cibi, primi tra tutti la verdura a foglia verde. Lo possiamo trovare però anche nei legumi, nella frutta secca e nei cereali integrali.

La dieta del magnesio può essere integrata anche da semi di zucca, quinoa, mandorle e salmone.

Il potassio è un vero e proprio toccasana per la regolarità dei valori della pressione. Il nostro fabbisogno di questo minerale, secondo le linee guida internazionali, è di 2 grammi circa al giorno. Possiamo trovarlo soprattutto in banane, albicocche, agrumi, cavoli, patate, fagioli, soia e piselli. Ottime fonti di potassio sono anche i pomodori, che, grazie al licopene sono considerati anche tra i migliori cibi antiossidanti.

In linea di massima, con tre porzioni quotidiane di frutta e due di verdura è possibile soddisfare al meglio il fabbisogno di potassio.

La carenza di potassio è indotta anche da una carenza di magnesio. Associati a vitamine del gruppo B, questi elementi aiuteranno a ridurre la sensazione di stanchezza e affaticamento aiutandoci così ad affrontare la dieta in salute e, magari, anche con buon umore.

Scritto da Evelyn Novello
Tag
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Candida, come riconoscerla e cosa fare: consigli e rimedi naturali

Iperidrosi: quali sono i rimedi naturali più efficaci?

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.