Essere single ai tempi del Coronavirus: gli aspetti positivi e negativi

| |

Essere single o con il fidanzato a distanza non è per niente facile, soprattutto se il problema è la noia. Ecco alcuni consigli.

Essere single ai tempi del Coronavirus non è per niente facile. L’hashtag del momento è #iorestoacasa ed è un obbligo seguirlo. C’è chi è fortunato ed è in compagnia in casa: dei genitori, coinquilini, il fidanzato. C’è anche chi ha un compagno, ma abita in un altro comune e quindi ormai si tratta di una relazione a distanza, ma c’è chi sta vivendo a pieno questa quarantena e quindi la solitudine che la accompagna e queste persone sono proprio i single. Vediamo quindi cosa possono fare i single durante la quarantena.

Essere single in quarantena: aspetti positivi e negativi

Essere single durante questo lungo mese di quarantena ha dei vantaggi, come avere la totale libertà nei propri spazi e la libertà nella gestione del proprio tempo libero. Però ci sono anche dei lati negativi, che molto spesso sovrastano quelli positivi, tra cui la solitudine dovuta dalla mancanza di un compagno.

Ci sono anche dei vantaggi per coloro che hanno il fidanzato o la fidanzata in un altro comune.

Non si rischia, ad esempio, di mettere a repentaglio la relazione, convivendo h24 tra quattro mura in maniera forzata. A volte infatti, un po’ di distanza può solo far bene. I lati negativi invece sono sicuramente legati alla mancanza e alla solitudine, perché si desidera tanto avere qualcuno in giro per casa con cui parlare e condividere questa brutta esperienza. Se la relazione è robusta come si pensa, resisterà anche a questo momento di distanza.

Coronavirus, essere single: cosa fare

Per i cuori liberi è sicuramente un momento duro. Le persone single, pur di parlare con qualcuno e sfogare la rabbia o la noia, chiamano continuamente amici e parenti per poter conversare un minimo. La noia prevale sullo scorrere del tempo rendendolo lento e veramente brutale. I single cercano qualcosa da fare e, perché no, qualcuno di nuovo con cui parlare.

Single

Potrebbe essere il momento giusto per scaricare qualche app di incontri, come Tinder. Non ci si deve vergognare, soprattutto in queste circostanze. Si potrebbe avere l’opportunità di conversare e di allenarsi per un futuro corteggiamento fuori dalla quarantena. Dato che, ora come ora, la realtà online è l’unica sfera sociale che abbiamo, provare non nuoce.

Ovviamente, chi è single è molto più bravo nel praticare l’arte di stare da soli. Come abbiamo anticipato, si possono organizzare videocall tra amici e fare un video-aperitivo all’ora in cui lo si andava a fare nella vita reale, oppure un bel pranzo telematico. Potrebbe essere un’occasione divertente per stare un pò in compagnia e per svagarsi, anche se in modo alternativo.

Quindi, armatevi tutti di app per videochiamate e state in compagnia dei vostri amici il più possibile e, perché no, conoscete anche persone nuove virtualmente. É uno dei pochi modi per combattere la noia e per fare in modo che questa quarantena passi più in fretta, senza mai lasciare i propri amici.

Scrivi un commento

1000

Cinema da casa: film cult proiettati sui palazzi durante il Coronavirus

Coronavirus in coppia: la convivenza forzata durante la quarantena

Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.