Nadia Toffa ha un malore, su Wikipedia la data di morte

Nadia Toffa si è sentita male questo pomeriggio verso le 13.45 a Trieste, dove si trovava per lavoro. Ha avuto un malore nella hall dell’albergo di cui era ospite, ed è stata immediatamente soccorsa e portata in ospedale.

Subito dopo essere stata soccorsa e appena arrivata al pronto soccorso all’ospedale Cattinara di Trieste, le condizioni di Nadia Toffa sono subito apparse molto gravi, e la conduttrice de Le Iene è stata ricoverata in terapia intensiva con prognosi riservata.

Arrivato, subito dopo la tragica notizia del ricovero di Nadia Toffa, un comunicato da parte della redazione de Le Iene che sostiene la presentatrice: “La nostra Nadia non è stata bene. Ci stiamo tutti prendendo cura di lei. Vi terremo informati.”. A seguito di questi momenti convulsi e movimentati, succede l’impensabile.

Su Wikipedia, infatti, la pagina dedicata alla conduttrice viene aggiornata e danno la povera Nadia già per morta: “Nadia Toffa (Brescia, 10 giugno 1979 – 2 dicembre 2017) è stata una conduttrice televisiva italiana, nota per la partecipazione al programma televisivo di Italia 1 Le Iene.”.

Nadia Toffa

Wikipedia e la data di morte di Nadia Toffa

Ovviamente, come c’era da aspettarsi, questa notizia falsa e che nessuno si è premuato di verificare, ha fatto il giro della rete, provocando sdegno in moltissimi utenti, feriti dal fatto che non si può assolutamente divulgare il falso.

su Twitter moltissimi i messaggi di condanna, eccone alcuni:

“Questo è il mondo che abbiamo voluto? Vado su Wikipedia e scopro che Nadia Toffa è morta oggi.”.

“Uno Scherzo di pessimo gusto per Nadia #Toffa , l’idiota #sciacallo che su Wikipedia gioca con la vita altrui e la da per morta, il tutto subito corretto…”.

“Qualche figlio di una sgualdrina ha già aggiornato Wikipedia scrivendo che è morta. Che schifo il web.”.

Nadia Toffa si sente male, Wikipedia la dà per morta.”.

“Chi è l’idiota che ha aggiornato la pagina @Wikipedia di #NadiaToffa ?? Che gente inutile esiste!!! Forza Nadia”

“Uno Scherzo di pessimo gusto per Nadia #Toffa , l’idiota #sciacallo che su Wikipedia gioca con la vita altrui e la da per morta, il tutto subito corretto… “

“Quando scrivi su wikipedia e, sapendo che domani è domenica, ti porti avanti col lavoro…”

Wikipedia dice che è morta, speriamo che questa fake invece le allunghi la vita e la faccia stare bene! Forza #NadiaToffa, ti arrivi il pensiero di noi tutti per tornare più forte di prima!”

“qualcuno su Wikipedia aveva aggiornato la pagina di #NadiaToffa dandola già per morta. gesto irrispettoso nei confronti della Iena… ancora più solidarietà per lei.”

Compreso l’errore, su Wikipedia, dopo alcune ore, qualcuno ha provveduto a fare le dovute correzioni e la pagina è stata portata allo stato originale, con indicata la sola data di nascita. Che questa macroscopica svista porti bene a Nadia Toffa? Lo si spera vivamente. E soprattutto ci si augura che possa stare bene al più presto.

Scritto da Alice Scolamacchia
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Bossari: ‘Il Grande Fratello è stato la mia rinascita’

Gf Vip, piovono striscioni sui finalisti. Bossari commosso

Leggi anche
  • Sanremo Giovani 2021 amiciSanremo Giovani 2021, in gara anche due ex concorrenti di Amici

    Tra i 46 artisti di Sanremo Giovani 2021, che si esibiranno il prossimo 15 dicembre, ci saranno anche due ex allievi di Amici: di chi si tratta?

  • Amici 21 anticipazioni settima puntataAnticipazioni Amici 21, nella settima puntata ci sarà una new entry

    Nella scuola di Amici una nuova sfida coinvolge Mattia, che è stato eletto il più bello della scuola. Ospite Michele Bravi e tanti i colpi di scena.

  • Karakaz: chi sonoChi sono i Karakaz: tutto sulla band di X Factor 2021

    Karakaz: chi sono i ragazzi della band della squadra di Hell Raton a X Factor 2021.

  • Marco Tocchini: chi èChi è Marco Tocchini, il ballerino di Ballando con le Stelle 2021

    Marco Tocchini, il nuovo ballerino che fa parte del cast di Ballando con le Stelle 2021, in onda su Rai 1 ogni sabato in prima serata.

Contents.media