Chi è il Covid manager: requisiti e responsabilità di questa nuova figura

Non solo nelle relazioni e nella quotidianità, il Coronavius ci ha costretto a cambiamenti anche sul lavoro: scopriamo la nuova figura professionale.

Il Coronavirus ci ha costretto a nuovi modi di adattarci alla quotidianità. In molti casi abbiamo dovuto cambiare le nostre abitudini e addirittura il modo di relazionarci. Anche l’ambiente di lavoro, inevitabilmente, non è sfuggito a questi cambiamenti. È nata, per esempio, una nuova professione, quella del Covid Manager.

Una figura che a causa dell’emergenza sanitaria ancora in atto, sembra essere sempre più richiesta.

Ma chi è il Covid Manager? Di cosa si occupa? E soprattutto, quale sarebbe il suo percorso formativo? Andiamo a scoprire qualcosa di più riguardo a questa nuova figura professionale, nata per rendere l’ambiente di lavoro un luogo più sicuro in tempo di pandemia.

Chi è il Covid manager: requisiti e responsabilità

Quella del Covid Manager è una nuova figura professionale richiestissima già nella Fase 2 della pandemia soprattutto nelle aziende e negli uffici.

Luoghi in cui, per via dell’elevato numero di dipendenti, è diventato necessario avvalersi di un professionista con il compito di riorganizzare il lavoro, nel rispetto delle nuove norme anti contagio.

Per formare i Covid Manager, durante la pandemia, si sono svolti dei corsi di formazione specifici. Le nuove figure professionali hanno dovuto imparare le norme anti contagio, le nuove modalità per igienizzare l’ambiente lavorativo, e come comportarsi in caso di riscontro di Coronavirus nei dipendenti.

La cosa fondamentale per il Covid Manager è conoscere protocolli e decreti. Per questo motivo un individuo con una formazione nelle risorse umane, o che sia comunque esperto nella sicurezza aziendale, sembra essere il candidato ideale per svolgere questo ruolo.

covid manager

Corso e competenze per questa nuova figura professionale

Questo nuovo ruolo richiede all’individuo che andrà a ricoprirlo autorevolezza ed elasticità nell’apprendimento delle nuove leggi e dei protocolli di sicurezza. Il compito del Covid manager non si ferma solo al monitoraggio della sicurezza, ma deve essere in grado di gestire situazioni di stress ed imprevisti che possono capitare soprattutto in un luogo di lavoro in cui si è inevitabilmente a contatto con altre persone.

La formazione avviene maggiormente online. Circa 40 ore di lezioni che andranno ad approfondire le disposizioni diramate dal Governo in materia di protezione individuale e collettiva. Non solo, il candidato verrà formato anche sul virus stesso, sulle modalità attraverso cui si trasmette e su come prevenire il contagio. Quella del Covid manager sembra essere diventata una figura fondamentale ormai, ed ha anche gradi responsabilità.

Scritto da Arianna Giago
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Covid o influenza: come distinguere i sintomi e non confondersi

Cosa guardare su Netflix a ottobre 2020: tutte le nuove uscite

Leggi anche
  • donne investimenti criptovaluteDonne e investimenti: cresce l’attenzione per le criptovalute

    Nonostante la presenza maschile sui mercati finanziari sia ancora in maggioranza, negli ultimi anni sono aumentate le donne che investono online

  • come diventare più creativa sul lavoroCome diventare più creativa sul lavoro: 5 consigli utili

    Lo sapevi che la creatività è una qualità che si può acquisire? Creativi ci si può nascere ma anche diventare: alcuni consigli utili per essere sempre più creative.

  • sessismo casinoIl problema del sessismo nel mondo dei casino online

    L’industria del gioco d’azzardo, negli ultimi anni, affronta sempre più accuse di sessismo e molestie 

  • aumentano donne che investono in borsaAumentano le donne che investono in borsa: eToro, azioni Yoox e consigli

    Nel 2020 c’è stato un forte incremento di donne che hanno investito in borsa e fatto trading online: vediamo i dettagli di questa attività.

Contents.media