Il giorno dopo lo stupro, la risposta social alle parole di Grillo

Ha fatto il giro del web e dei TG il video di Beppe Grillo che difende il figlio dall'accusa di stupro e non sono mancate le risposte e le critiche.

Le ultime dichiarazioni di Beppe Grillo hanno destato alcune perplessità e vere e proprie indignazioni. Grillo, in difesa del figlio Ciro accusato di stupro di gruppo, registra un video in cui si chiede perché la presunta vittima ci abbia messo 8 giorni per denunciare.

La risposta arriva, più forte che mai, dal mondo dei social dove si è diffuso l’hashtag #ilgiornodopo.

Il giorno dopo lo stupro

Cos’hanno fatto le vittime di violenza il giorno dopo averla subita? Alcune sono andate a scuola, altre al cinema con le amiche, altre ancora a dare un esame all’università. C’è poi chi è andata a fare la spesa o chi ha continuato una relazione con l’aggressore non percependo la gravità del fatto.

Spesso denunciare non è facile, così come non lo è parlare dell’accaduto con qualcuno, a volte anche solo il riconoscere di avere subito una violenza è il passo più difficile, soprattutto si la si subisce in tenera età.

Si tende a voler dimenticare, provando a cancellare dai propri ricordi ciò che è successo, per vergogna o per non dover rivivere quei momenti terribili. E così, c’è chi denuncia lo stupro giorni dopo, settimane, mesi o anni dopo.

E c’è chi non la denuncia mai per timore di ritorsioni. Ma questo Beppe Grillo non sembra averlo capito, anzi, le sue parole incarnano tutte le fondamenta della cultura dello stupro.

Nel video che il fondatore del Movimento 5 stelle ha registrato in difesa del figlio si chiede come mai la presunta vittima ci abbia messo 8 giorni per denunciare e definisce il figlio e i suoi amici “quattro coglioni ma non quattro stupratori”. Di seguito, uno stralcio del discorso di Grillo.

Mio figlio è su tutti i giornali come uno stupratore seriale insieme ad altri tre ragazzi. Voglio una spiegazione perché un gruppo di stupratori seriali, compreso mio figlio, non sono stati arrestati? Perché non li avete arrestati? La legge dice che gli stupratori vengono presi e vengono messi in galera e interrogati in galera o ai domiciliari […] Perché vi siete resi conto che non è vero niente che c’è stato lo stupro, non c’entrano niente. Perché una persona che viene stuprata la mattina, al pomeriggio va in kitesurf, e dopo otto giorni fa una denuncia, vi è sembrato strano. È strano.

E poi non c’è un avvocato o sono io, il padre, che parlo e difendo mio figlio, c’è il video! C’è un video, c’è tutto il video, passaggio per passaggio, e si vede che c’è la consensualità, il gruppo che ride, che sono ragazzi di 19 anni che si stanno divertendo, che sono in mutande, e saltellano col pisello così perché sono quattro coglioni, non quattro stupratori, e io sono stufo che son due anni! E se dovete arrestare mio figlio che non ha fatto niente, allora arrestate anche me, perché ci vado io in galera!

La vicenda è intricata e spetterà alla magistratura fare luce sul caso, intanto però non si possono non commentare le parole dell’ex comico. A farlo, tra le prime, è stata Eva Dal Canto, 29enne di origini toscane che ha lanciato l’hashtag #ilgiornodopo “perché le/i sopravvissuta allo stupro e alle violenze raccontino quanto drammaticamente sia normale e diffuso non aver denunciato immediatamente” scrive nella didascalia del post. Lei il giorno dopo è andata a scuola e ammette di aver preso consapevolezza di quanto accaduto anni dopo e di non aver mai denunciato.

Leggi anche: Violenza sulle donne nel 2020: i dati non sono incoraggianti

La ragazza che avrebbe subito violenza da Ciro Grillo e dai suoi amici il giorno dopo è andata a fare surf e dalle parole di Grillo senior si possono notare alcuni fattori che da anni accompagnano e alimentano la cultura dello stupro quali la negazione dell’accusa (non c’è stato uno stupro) e la delegittimazione della vittima o victim blaming (perché non ha denunciato subito se è stata stuprata?). Insomma, come se la colpa in qualche modo fosse ancora della ragazza.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Eva Dal Canto (@alias_cwalpole)

Le risposte a Grillo

Il video di Grillo è diventato subito molto chiacchierato e criticato, non solo dalle altre vittime di violenza, ma anche da personaggi noti e appartenenti al suo stesso Movimento. A Il Giorno è la deputata Federica Daga che commenta le parole dell’ex comico dicendo: ”

Io ringrazio che ci sia il codice rosso, che consente alle donne di denunciare anche dopo sei mesi dal fatto, mentre io ho avuto solo tre mesi e infatti non ho potuto denunciare tutto quello che mi era successo. Mi dispiace per Beppe, la giustizia è lenta e io sono in causa da cinque anni

C’è poi Patrizia Cadau, consigliera M5S al Comune di Oristano che su Facebook scrive:

Il video di Beppe Grillo […] è imbarazzante almeno per una ragione. In un passaggio Grillo sostiene che la presunta vittima non sia credibile per il fatto di avere denunciato lo stupro dopo otto giorni. Chiunque abbia a che fare con le vittime di abusi sa che la rimozione del trauma, la vergogna e il senso di colpa scatenati dalla violenza sono il muro insormontabile che le separa dalla denuncia

In definitiva, non si vuole definire il figlio di Grillo colpevole o innocente, questo compito spetterà a chi di dovere, ma solo commentare delle discutibili modalità di difesa che arrivano a colpevolizzare una vittima, o anche solo presunta tale, di “aver denunciato tardi” e per questo di non essere credibile. Frasi del genere contribuiscono solo a giustificare gli aggressori. Il risultato è il permanere di quella cultura che vede chi subisce violenza come “chi se l’è andata a cercare” o come chi “si sta inventando tutto”. Il risultato è normalizzare una violenza.

Leggi anche: Clubhouse bombing: la nuova forma di violenza sulle donne

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Elisa Proietti (@proietti_eli)

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Giornata Mondiale della Terra 2021, anche la moda cambia rotta

Chi era Vladimir Nabokov: storia dell’autore russo

Leggi anche
  • nuove abitudini adolescenti covidNuove abitudini degli adolescenti nell’era Covid: cybersex e solitudine

    Tra solitudine e social network, gli adolescenti hanno cambiato le loro abitudini con l’inizio della pandemia e ora una ricerca ne svela i risultati.

  • colombia cosa succedeCosa succede in Colombia: il Paese sudamericano protesta contro la riforma fiscale

    L’economia colombiana, già in declino da tempo, stava per subire un’ultima batosta finale con la riforma fiscale proposta dal Presidente Iván Duque Márquez che ha causato scontri e misure repressive.

  • omotransfobia legge zanOmotransfobia e legge Zan, cos’è e perché è importante parlarne

    La legge Zan contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo è stata da poco calendarizzata in Senato, cosa prevede e quali critiche ha riscosso?

  • Denise Pipitone, Piera Maggio a Chi l'ha vistoDenise Pipitone, Piera Maggio a Chi l’ha visto: “Dopo anni dovete parlare”

    Il caso Denise Pipitone è riapparso con alcuni elementi contro Jessica Pulizzi e la madre Anna Corona, Piera Maggio lancia l’appello “Fatevi avanti”.

Contents.media