Dieta circadiana: cos’è, benefici e menu settimanale

Volete iniziare a mangiare meglio e dimagrire ma non sapete come fare? Provate con la dieta circadiana.

Quante volte abbiamo provato a mangiare meglio senza ottenere risultati? Oppure quante volte cerchiamo di ridurre le porzioni? Niente paura! A questo problema c’è una soluzione e si chiama dieta circadiana: vediamo qui di seguito cos’è e un esempio di menu settimanale.

Dieta circadiana: che cos’è?

La dieta circadiana è un tipo di dieta dissociata che si concentra sulle variazioni ormonali del nostro organismo nell’arco di un’intera giornata. Non si basa quindi tanto su quello che si mangia (anche se è importante per un discorso antinfiammatorio), quanto il momento in cui vengono assunti gli alimenti. Questo perché è un tipo di dieta che va a rispettare i ritmi fisiologici dell’organismo, prediligendo cibi a basso rischio infiammatorio.

Advertisements

Infatti, il nostro corpo non potrebbe assumere tutti gli alimenti che consumiamo in egual modo in tutte le ore del giorno. Ci sono alcuni che possono essere consumati verso le ore più tarde tra pomeriggio e sera e altri che possono essere presi dalla mattina fino a metà pomeriggio. I carboidrati, ad esempio, non sono indicati per la sera, ma al contrario per il pranzo.
dieta circadiana menu settimanale

Come funziona?

Proprio per questi motivi, è bene bilanciare le dosi e i diversi cibi nell’arco dell’intera giornata. Come? Abbinando ad esempio i giusti cibi tra di loro per non ottenere l’effetto contrario, ovvero uno stress alimentare. Tutto questo ovviamente seguendo le variazioni degli ormoni del nostro corpo. Ci sono infatti dei momenti in cui gli ormoni attivi sono quelli che prediligono l’accumulo di grasso e altri in cui favoriscono la perdita di peso più rapidamente.

Ciò significa che bisogna associare ad ogni momento il cibo giusto. In altri termini, in base all’orario in cui ci troviamo e al tipo di ormoni che lavorano, dovremo assumere determinati tipi di alimenti. Gli ormoni che bisogna prendere in considerazione sono:

  • GH
  • cortisolo
  • insulina.

Il GH, detto anche ormone della crescita, favorisce l’aumento della massa muscolare e di conseguenza, l’assunzione dei grassi buoni come energia. Lavora molto di più verso sera, il suo picco è intorno alle 24, mentre lavora pochissimo dalle 8 alle 20.

L’insulina, invece, è l’ormone che favorisce l’accumulo di grasso e come conseguenza, l’abbassamento della glicemia. Lavora non ad orari ma in relazione ai carboidrati. Il cortisolo, infine, va a contrastare l’azione dell’insulina, lavora quindi di più intorno alle 3 di mattino e si abbassa notevolmente intorno alle 22.

Dieta circadiana: il menu settimanale

Vediamo qui di seguito un esempio di menu settimanale. Si tratta di uno schema semplificato e generalizzato che può essere preso in considerazione da chiunque. Ma è bene farsi seguire da uno specialista per un piano alimentare più dettagliato e personalizzato in base alle specifiche esigenze. Il menu settimanale è da seguire almeno per 15 giorni prima del giorno con il pasto libero.

Lunedì

  • colazione: thé, fette biscottate con miele;
  • pranzo: riso e lenticchie con insalata;
  • cena: carne ai ferri con verdure di stagione.

Martedì

  • colazione: thé, pane e marmellata;
  • pranzo: pasta integrale con verdure di stagione;
  • cena: pesce al forno con verdure.

Mercoledì

  • colazione: muesli con latte di riso;
  • pranzo: polenta al sugo con insalata;
  • cena: frittata con verdure.

dieta circadiana menu settimanale

Giovedì

  • colazione: thé, fette biscottate con marmellata;
  • pranzo: pasta e ceci;
  • cena: bresaola e rucola.

Venerdì

  • colazione: thé e biscotti;
  • pranzo: riso integrale con verdure;
  • cena: pesce al forno con verdure.

Sabato

  • colazione: tisana, pane con miele;
  • pranzo: legumi, pane integrale e verdure;
  • cena: polpette con contorno di verdure.

Domenica

  • colazione: muesli con latte di riso;
  • pranzo: pasta e patate, verdure;
  • cena: formaggi e verdure.

dieta circadiana menu settimanale

Scritto da Marta Vitulano
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Metodo Bianchini: i benefici della dieta

Vaginismo: cos’è, i sintomi e quali sono i rimedi

Leggi anche
  • rimpicciolire il nasoRimpicciolire il naso: come fare con i tutori nasali

    Rimpiccolire il naso è possibile usando tutori e correttori nasali che esulano dal bisturi e dalla chirurgia estetica.

  • dolori alle gambe ciclo rimediDolori alle gambe durante il ciclo: rimedi e consigli utili

    Arriva il ciclo e avete dolore alle gambe? Qui di seguito i rimedi per migliorare la situazione.

  • pressoterapia benefici e controindicazioniPressoterapia: cos’è, benefici e controindicazioni

    In cerca di un trattamento estetico per dimagrire? Avete già provato la pressoterapia? Qui di seguito cos’è e come funziona.

  • 
    Loading...
  • fisioterapia quando serveFisioterapia: i consigli per capire quando serve realmente

    In cerca di un fisioterapista? Qui di seguito i consigli per capire se serve realmente oppure no.

Contents.media