Vespa Orientalis a Roma: è più aggressiva e velenosa

A Roma è arrivata la vespa orientalis, una specie più aggressiva e velenosa di quelle comuni. Sembra attratta dai rifiuti.

Nella Capitale stanno proliferando le vespe orientalis, definite più aggressive e velenose rispetto alle specie comuni che già conosciamo. Si distinguono per la presenza di particolari fascette gialle sia sulla testa che sull’addome. A Roma non veniva segnalata dagli anni ’50, secondo l’etologo e zoofilo naturalista Andrea Lunerti.

 

Vespa Orientalis a Roma: le parole di Andrea Lunerti

Andrea Lunerti spiega che le vespe orientalis hanno la capacità di orientare, in modo parziale, il pungiglione. Per questo possono colpire anche lateralmente rispetto al proprio corpo. Inoltre, sono più velenose.

A dispetto di quanto si possa credere, considerato il nome della specie, si tratta di esemplari presenti in Italia già da tempo, soprattutto al sud. Di recente però, sembra che si stiano spostando più a nord.

Nel 2020, ad esempio, erano state segnalate a Genova, in Liguria. 

A Roma, invece, potrebbero aver trovato l’ambiente giusto per proliferare. Lunerti dice “questa vespa si nutre solitamente di rifiuti organici. Per questo è attratta dall’immondizia e si dirige verso essa”. 

Vespa Orientalis a Roma: le misure di Gualtieri

A Roma non si è nuovi a invasioni poco gradevoli, come i cinghiali e i topi che avevano portato il sindaco Gualtieri ad accelerare le operazioni di smaltimento di rifiuti lungo le strade della città.

Secondo le sue dichiarazioni, l’emergenza sarebbe rientrata entro una settimana. Una promessa che però non è stata mantenuta del tutto: i netturbini del gruppo Lila, infatti, affermano che la situazione in periferia non è affatto migliorata e la Capitale versa in una condizione d’emergenza generale. 

L’azienda Ama invece tenta di correre ai ripari: “Sono state raccolte, negli ultimi 2 giorni, più di 5mila tonnellate di rifiuti indifferenziati. Perciò il complessivo di questi 9 giorni si alza ad oltre 20mila tonnellate”. 

Nelle zone di Monteverde vecchio, Trastevere e in strade come via D’Amelio e Val Cannuta sono intervenute delle squadre mirate per lo spazzamento e il lavaggio. 

Scritto da Alessia Lio
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • PensioniCalderone sulle pensioni: “Prendiamo Quota 41 come riferimento”

    La ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, ha parlato dei prossimi interventi sulle pensioni: a riferimento Quota 41

  • Catherine DahmerCatherine Dahmer: chi era la nonna di Jeffrey Dahmer

    Catherine Dahmer era la nonna di Jeffrey Dahmer, serial killer e cannibale, di cui si è parlato anche nella famosa serie Netflix.

  • Sabrina MinardiVatican Girl: chi è Sabrina Minardi

    Sabrina Minardi è stata legata per ben dieci anni ad Enrico De Pedis, Boss della Banda della Magliana, conosciuto come Renatino.

  • Renatino De PedisVatican Girl: chi è Renatino de Pedis

    Enrico De Pedis, conosciuto come Renatino, è stato il boss della Banda della Magliana, ucciso nel 1990 a Campo de’ Fiori.

Contentsads.com