Riflessologia plantare: cos’è, benefici e controindicazioni

Cos'è la riflessologia plantare? Tutto quello che c'è da sapere su una tecnica che può apportare grandi benefici a livello psicofisico.

La riflessologia plantare è una tecnica molto efficace che sfrutta la digitopressione su punti specifici del piede per stimolare il benessere psicofisico dell’organismo. Utile per diversi disturbi, come mal di schiena, cistite, ansia e stress, sfrutta il massaggio seguendo una ‘speciale’ mappa.

Quali sono i benefici? Quali le controindicazioni?

Riflessologia plantare: cos’è?

Attraverso un massaggio fatto principalmente con i pollici della mano, la riflessologia plantare va a stimolare punti specifici con il fine di ristabilire l’equilibrio energetico del corpo. I piedi sono attraversati da tantissime terminazioni nervose e, massaggiando l’area giusta, si vanno a ‘toccare’ determinati organi. Secondo la ‘mappa’ che seguono gli esperti di riflessologia plantare, questa tecnica va ad inviare impulsi nervosi a determinate zone riflesse presenti appunto sulla pianta e dorso dei piedi.

Advertisements

riflessologia plantare

Pertanto, massaggiando l’area corretta è come se si andasse ad agire direttamente su quell’organo o apparato. Il riflessologo utilizza esclusivamente le dita delle mani e non utilizza né oli né altre sostanze.

Inoltre, non essendo un medico, non può fare diagnosi, prescrivere farmaci e curare. Grazie alle nozioni imparate, però, può aiutare l’organismo a funzionare al meglio.

Riflessologia plantare: i benefici

Stando a quanto sostengono numerosi documenti, la riflessologia plantare risale ad antiche usanze orientali. Pare, inoltre, che venisse utilizzata anche dalle civiltà precolombiane e dai pellerossa. In tempi più recenti, invece, la riflessologia plantare si sviluppa grazie alla fisioterapista Eunice Ingham.

Quest’ultima è considerata oggi la vera fondatrice della moderna riflessoterapia.

I benefici che un buon massaggio di riflessologia può apportare riguardano tre ambiti principali: congestione, infiammazione e tensione. E’ indicata per: mal di schiena, mal di testa, fastidio alla cavità degli zigomi (seni nasali), problemi alle ginocchia, ansia, insonnia, cistite, indigestione, cellulite, stress, crampi e artrosi. Inoltre, potrebbe essere un valido aiuto per smettere di fumare. L’obiettivo, un po’ come in tutte le tecniche orientali, è quello di eliminare gradualmente le tensioni e ristabilire l’equilibrio psicofisico.

Ovviamente, questo avviene nell’arco di diverse sedute.

Le controindicazioni

Pur essendo una tecnica naturale, la riflessologia plantare ha alcune controindicazioni. Innanzitutto è sconsigliata alle donne in gravidanza e durante il ciclo mestruale. L’ideale sarebbe sottoporsi ad un massaggio di questo tipo lontano dai pasti.

riflessologia plantare

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

La Tata: come sono diventati oggi gli attori del telefilm? Le foto

Crononutrizione: cos’è e come funziona il regime alimentare

Leggi anche
  • rimpicciolire il nasoRimpicciolire il naso: come fare con i tutori nasali

    Rimpiccolire il naso è possibile usando tutori e correttori nasali che esulano dal bisturi e dalla chirurgia estetica.

  • dolori alle gambe ciclo rimediDolori alle gambe durante il ciclo: rimedi e consigli utili

    Arriva il ciclo e avete dolore alle gambe? Qui di seguito i rimedi per migliorare la situazione.

  • pressoterapia benefici e controindicazioniPressoterapia: cos’è, benefici e controindicazioni

    In cerca di un trattamento estetico per dimagrire? Avete già provato la pressoterapia? Qui di seguito cos’è e come funziona.

  • 
    Loading...
  • fisioterapia quando serveFisioterapia: i consigli per capire quando serve realmente

    In cerca di un fisioterapista? Qui di seguito i consigli per capire se serve realmente oppure no.

Contents.media