Imene: cos’è, a cosa serve e tutti i falsi miti da sfatare

È una membrana che si trova all'interno della vagina, su cui, ancora oggi ci sono dubbi: cos'è l'imene e a cosa serve.

È tempo di sfatare falsi miti e tabù e dare una spiegazione semplice e chiara su una parte del corpo femminile su cui ci sono ancora molte perplessità: cos’è l’imene e a cosa serve.

Imene a cosa serve e cos’è

Imene: una parola che nel corso del tempo è stata molto importante per determinare la condizione delle donne. È giunto il tempo di fare un po’ di chiarezza e spiegare cos’è e a cosa serve.

Innanzitutto, letteralmente, la parola “imene” vuol dire “membrana”. Ma non solo, nella mitologia greca e romana, il dio Imene era colui che camminava alla testa dei cortei nuziali, forse figlio del dio Apollo e di una musa, forse di Dioniso e Afrodite.

Insomma, sin dai tempi antichi era legato in qualche modo alla sessualità.

Si tratta di una membrana che circonda o ricopre l’apertura della vagina, che si estende da un lato all’altro. Può avere diverse forme, essere più spesso o più sottile, più rigido o più elastico. Alcune donne non lo hanno e altre, invece, hanno un imene che chiude completamente l’apertura. In quest’ultimo caso è utile sottoporsi a un piccolo intervento per permettere al flusso mestruale di uscire liberamente.

Pare che non abbia una funzione fisiologica particolare, ma con il trascorrere del tempo cambia forma e consistenza.

imene a cosa serve

Imene a cosa serve e i falsi miti

Un tempo, ma, purtroppo, in molti casi anche al giorno d’oggi, la parola imene è associata al sesso. In particolar modo, si credeva – e, come detto, parte della popolazione lo crede anche oggigiorno – che al primo rapporto sessuale di una donna, corrisponda, di conseguenza, la rottura dell’imene. Ciò determinava dunque il passaggio dalla purezza e dalla verginità a una condizione differente.

In realtà, non è così. Essendo l’imene una membrana, una corona, non può essere rotto a seguito di una penetrazione di un pene, di un dito, di un assorbente o quant’altro. Ciò che è vero, invece, è che l’imene è rigido e con la sollecitazione della prima penetrazione potrebbe causare un lieve sanguinamento. Ma non è detto che ciò accada e, soprattutto, non è detto che l’eventuale sanguinamento, a seguito del primo rapporto sia dovuto all’imene.

Tanto meno il dolore. Per il dolore, entrano in gioco moltissimi altri fattori che accompagnano il primo rapporto sessuale di una donna. Tra di essi, i più diffusi e ai quali si può imputare un senso di dolore ci sono sicuramente la mancata lubrificazione delle pareti vaginali e secchezza, eventuali piccole abrasioni dovute allo sfregamento e, da non sottovalutare, la rigidità dei muscoli causata dallo stato emotivo. Nessuna sparizione di questa membrana, dunque, a seguito di penetrazione, ma possibile maggiore flessibilità della stessa.

Insomma, per secoli e secoli, le donne (e in certi paesi ancora oggi) sono state sottoposte a umiliazioni, anche pubbliche, per dimostrare la loro verginità seguendo il principio dell’imene intatto-vergine, imene “rotto”-non più vergine.

Imene a cosa serve e il dibattito sul nome

Fare chiarezza su cosa sia l’imene non vuol dire solamente spiegare effettivamente come sia fatta una parte anatomica del corpo della donna, ma ridare dignità al genere femminile ed evitare che vengano così stabilite sentenze e creati giudizi sulla base di conoscenze errate, ma radicate.

Negli anni, nei paesi soprattutto del Nord Europa, si sono susseguiti dibattiti sulla giusta denominazione di tale membrana femminile. Nel lontano 2009 un’associazione svedese aveva proposto di sostituire la parola “imene” con “corona vaginale”. A seguito di questa proposta, accettata dall’istituto che si occupa dello sviluppo della lingua in Svezia, l’espressione “corona vaginale” è entrata ufficialmente a far parte della lingua, andando a sostituire “imene”.

Otto anni più tardi, anche in Norvegia c’è stata una rivoluzione simile. A partire dal 2017, infatti, il dizionario norvegese ha al suo interno l’espressione “ghirlanda vaginale” al posto del termine “imene”.

Leggi anche: “Esercizi di Kegel: cosa sono, a cosa servono e quali sono i benefici”.

Scritto da Chiara Caporale
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Elisabetta Belloni, la prima donna a capo degli 007 italiani

Chi è Francesca Manzini: curiosità e vita privata sulla comica

Leggi anche
  • dieta del segno zodiacaleDieta del segno zodiacale: come funziona per dimagrire

    La dieta del segno zodiacale aiuta a perdere peso sfruttando le caratteristiche dei segni dello zodiaco e l’alimentazione adatta a ognuno.

  • come migliorare qualità vitaCome migliorare la qualità della vita: i consigli per iniziare adesso

    Sei tornata dalle ferie con l’obiettivo di migliorare la qualità della tua vita? Ecco qualche consiglio su come fare. Cosa aspetti? Inizia adesso!

  • Esercizi per meditareEsercizi per meditare: quando iniziare, come farli e tutti i benefici

    La meditazione è un toccasana per corpo e psiche. Provare per credere! Ecco quali sono gli esercizi da fare e come creare l’ambiente perfetto per meditare.

  • topinamburTopinambur: benefici e come utilizzarlo in cucina

    Per una alimentazione sana e leggera perfetta per l’autunno, il topinambur è l’alimento adatto grazie alle sue tante proprietà e usi in cucina.

Contents.media