Come diventare più creativa sul lavoro: 5 consigli utili

Lo sapevi che la creatività è una qualità che si può acquisire? Creativi ci si può nascere ma anche diventare: alcuni consigli utili per essere sempre più creative.

Per creatività si intende l’abilità di trovare soluzioni alternative e innovative ai problemi e questa è una qualità che oggi giorno viene sempre più richiesta sul luogo di lavoro. Se dunque ti stai chiedendo come diventare più creativa sul lavoro, sei nel posto giusto.

Come diventare più creativa sul lavoro

Durante un colloquio viene sì esaminato il nostro percorso di studio, le esperienze e le hard skills, ma a caratterizzarci sono proprio le soft skills. Un’azienda ormai si distingue per quanto è creativa e per esserlo ha bisogno di menti creative.

A differenza di altre qualità e caratteristiche, la creatività si può allenare e migliorare. Esistono persone che hanno il dono naturale e che spiccano grazie al loro pensiero creativo, ma con esercizi quotidiani anche chi è “meno fortunato” può riuscire ad essere più creativo. Ecco i 5 trucchetti che ti aiuteranno piano piano a diventare una persona più creativa.

Cambia prospettiva

Può sembrare banale, ma non lo è affatto. Spesso, specialmente a lavoro, siamo schiavi della routine, che da un lato ci mette a nostro agio e ci crea la nostra sicurezza, ma dall’altro reprime la nostra creatività. Quindi per stimolare la nostra mente, dobbiamo uscire dalla nostra zona di comfort, e come? Cambiando prospettiva!

Guardare le cose da un’altra angolazione significa mettersi nei panni di qualcun altro e analizzare le situazioni e i progetti in base alle esperienze degli altri. Questo ti aiuterà a cambiare il focus del tuo lavoro e a proporre idee originali.

Esci dalla comfort zone

Come già anticipato prima, cambiare prospettiva significa anche uscire dalla propria zona di comfort. Per percorrere strade nuove, devi buttarti, il momento giusto non esiste e non arriverà mai. Sii curiosa, interessati a nuove cose, domandati il perché qualcosa si fa in un certo modo e non in un altro.

Non sarà di certo semplice, uscire dalla comfort zone è sempre difficile. All’inizio potresti trovarti a disagio o stressato, ma perseverando ti sentirai sicuramente più appagato.

Concediti il tempo per pensare

Siamo spesso di fretta e non ci fermiamo mai. L’idea creativa però, non viene a comando. Se stai lavorando a più progetti, e su uno ti senti bloccato e non sai trovare soluzioni che ti convincano a pieno, lascialo da parte e focalizzati sul resto.

Paradossalmente le idee creative vengono proprio nei momenti più inaspettati e meno opportuni, come sotto la doccia o mentre stai dormendo. Ciò che accomuna questi due momenti è l’essere rilassato, quindi più ti focalizzerai sul problema e più vorrai trovare la soluzione, meno la otterrai.

Concediti un momento di svago

Lo stress è anche lui un nemico del pensiero creativo. Sì è vero che a lavoro siamo pieni di scadenze, ma se continui a chiederti come diventare più creativa sul lavoro, concediti una pausa e rilassati.

Se puoi fai pausa fuori dall’ufficio. Non pranzare davanti allo schermo, esci in giardino, fai una passeggiata, bevi un caffè al bar. Sono tutte semplici cose che però ti aiuteranno ad essere più rilassato ed ad affrontare meglio la tua giornata lavorativa.

Pensa all’esatto contrario

Per cambiare prospettiva e uscire dalla tua zona di comfort a volte basta pensare all’esatto contrario. Scrivi su un foglio la tua idea ‘standard’, ovvero quello che di base subito faresti. Poi scrivi l’esatto opposto di quello che hai scritto. All’inizio quello che hai scritto ti sembrerà paradossale e improponibile, ma questo è un ottimo esercizio per sforzarsi e indurre un pensiero creativo naturale.

Inoltre una cosa tira l’altra, magari la frase scritta è paradossale, ma è di ottimo spunto per un’idea più fattibile. Alla fine durante un brain storming mica si devono utilizzare tutte le idee, si generano, si analizzano e si scelgono le migliori da perfezionare. Qui giocheranno il tuo istinto e la tua esperienza.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Pamela Prati: “Angelo Rifino? Prima era fan, poi il mio amico speciale”

William Petersen in ospedale: si è sentito male sul set di CSI

Leggi anche
Contents.media