Virus intestinale: tutte le info su gastroenterite

Virus intestinale e gastroenterite: cause e rimedi anche naturali.

Tutti almeno una volta nella vita abbiamo contratto un Virus intestinale. Come si può sapere, quindi, se hai contratto la gastroenterite? Scopriamo assieme quali sono le cause e i rimedi per questo disturbo, anche naturali.

Cause virus intestinale

La gastroenterite, o virus intestinale, è un’infiammazione dell’intestino e dello stomaco che può scatenarsi per diverse cause.

Si contrae la malattia quando si viene a contatto con alcuni tipi di virus o batteri che creano disordini allo stomaco e all’intestino. Le sue origini possono quindi essere virali o batteriche.

Le cause della gastroenterite, nella maggior parte dei casi di origine virale, sono dovute a:

  • rotavirus;
  • adenovirus;
  • calicivirus;
  • astrovirus.

Può anche essere di origine batterica. Quindi, dovuta a salmonella, escherichia coli, o shigella. Altre volte, invece, potrebbe essere causata da cambiamenti nella propria dieta oppure la conseguenza dell’assunzione di antibiotici, allergie, abusi alimentari, cibi avariati, ed altro ancora.

Come si viene contagiati dal virus? Si può entrare in contatto con il virus tramite una persona infetta, oppure attraverso del cibo o acqua contaminati. Se non si esegue una corretta pulizia delle mani si potrebbe contribuire alla rapida diffusione del virus. Può accadere se, per esempio, non ci si lava bene le mani quando si cucina, o dopo aver cambiato il pannolino a un bambino o aver usato il bagno.

Inoltre, è facile che se un componente della famiglia si ammala, ne vengano infettati anche gli altri proprio per questi motivi.

Rimedi gastroenterite

I primi rimedi per risolvere il problema della gastroenterite, consistono nello stare a dieta per alcuni giorni, reidratarsi bevendo molti liquidi a base di sali minerali, e stare a riposo. Le cure consistono quindi nella reintegrazione dei liquidi persi, e nel alleviare i fastidiosi sintomi quali nausea, vomito e febbre.

Il vomito è uno dei sintomi più frequenti del virus intestinale perciò per calmarlo vengono prescritti dei farmaci anti-nausea. Nel caso in cui la gastroenterite è di origine batterica e non virale, il medico deciderà quali antibiotici somministrare.

Un altro rimedio utile è l’assunzione di probiotici. Un vero toccasana per combattere il virus intestinale perché riequilibrano il sistema digestivo. Ne sono ricchi lo yogurt e il kefir. In commercio esistono inoltre gli integratori probiotici che potranno essere prescritti dal vostro medico curante.

Comunque, è anche molto importante prendere le dovute precauzioni igieniche poiché la gastroenterite è contagiosa e può essere trasmessa ad altri molto facilmente.

La prevenzione è sicuramente il miglior rimedio al problema, perciò vogliamo darvi alcune indicazioni su come proteggervi nel caso in cui vi si presenti in famiglia o in comunità la possibilità di contrarre il virus. Sopratutto insegnate anche ai vostri bambini a farlo.

Queste sono alcune precauzioni. Non condividete stoviglie con una persona malata. Disinfettate tutte le superfici o gli oggetti comuni con candeggina. Lavatevi spesso le mani, sopratutto dopo essere andati al bagno o prima di mangiare. Non usate gli stessi asciugamani.

Rimedi naturali

Una volta superata la fase critica della malattia, ci si può aiutare nella ripresa iniziando a mangiare alcuni cibi leggeri. Vi consigliamo, quindi, riso o pasta in bianco, patate bollite, passati di verdure, pane tostato, carni magre, pesce azzurro, banane, succo di limone. Va anche molto bene mangiare del parmigiano e assumere dei probiotici. Alcuni rimedi naturali sono particolarmente indicati per poter far fronte al virus.

Ve ne elenchiamo alcuni:

  • Camomilla. Con le sue proprietà antinfiammatorie e antimicrobiche è un regolatore delle funzioni digestive. Inoltre allevia la nausea e i crampi addominali. Si può fare un decotto di fiori di camomilla e aggiungere del succo di limone e miele. Da bere, poi, 2 volte al giorno per 2/3 giorni.
  • Zenzero. Molto efficace in caso di virus intestinale in quanto ha notevoli proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e antivirali. Capace di curare le infezioni dello stomaco, riduce nausea, vomito, evacuazioni e crampi addominali. Potete tritare una radice di zenzero e metterla in una tazza colma di acqua bollente. Lasciare agire per circa 15 minuti. Aggiungere del miele e del limone. Bere 2/3 volte al giorno.
  • Basilico. E’ un antispasmodico naturale, ottimo rimedio in caso di crampi addominali. Si possono bollire un po’ di foglie di basilico in acqua e aggiungere del miele. Bere due volte al giorno per tre giorni.
  • Sale. Utile per prevenire la disidratazione e se non soffrite di ipertensione. Il sale contiene sodio che aggiunto all’acqua, aiuta a reidratare il corpo dopo aver perso i liquidi per vomito e diarrea. Inoltre, il sale aiuta a combatte le infezioni e riequilibra il ph del vostro apparato digerente. Ricetta: in un litro d’acqua, sciogliere 1 cucchiaino di sale, 2 cucchiai di zucchero e mescolare. Bere durante la giornata.
Scritto da Daniela Sanna
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

De Martino, anche Gilda alla festa a sorpresa pre-Isola

Outfit invernali:come vestirsi per evitare l’effetto fagotto

Leggi anche
  • labbra secche screpolate rimediI migliori rimedi per le labbra secche e screpolate

    Scrub, oli idratanti, sostanze emollienti e idratazione: quali sono gli step fondamentali per evitare l’insorgenza delle labbra secche e screpolate.

  • pancia gonfia stressPancia gonfia per lo stress: le cause e come risolverlo

    Pancia gonfia? Non è detto che sia quello che mangiate: qui di seguito le possibili cause legate allo stress.

  • ginnastica ipopressiva cos'èGinnastica ipopressiva: cos’è e a cosa serve

    Desiderate da sempre la pancia piatta? Basta addominali, provate la ginnastica ipopressiva: qui di seguito che cos’è.

  • intimo mestruale cos'èIntimo mestruale: cos’è e perché usarlo

    Problemi e fastidi durante i giorni di ciclo? Perché non provare l’intimo mestruale: comodo e pratico. Di seguito i dettagli.

Contents.media