Ritenzione idrica: integratori e tisane per combatterla

La ritenzione idrica è una patologia curabile. Si può debellare con la dieta, con degli integratori, con tisane e attività fisica mirata.

Uno dei disturbi più diffusi, specialmente tra le donne, è quello della ritenzione idrica. Essa porta a sviluppare la cellulite. Vi sono, però, molti metodi per combatterla. Possiamo assumere degli integratori, ma anche delle benefiche tisane.

Ritenzione idrica

Oltre il 30% delle donne italiane soffre di ritenzione idrica. E’ un’inestetismo molto odiato che, spesso, proviene da uno stile di vita sbagliato. Apportando, quindi, alcune correzioni alla nostra vita, si possono avere notevoli benefici. In alcuni casi, purtroppo, all’origine del problema vi possono essere gravi malattie, come infiammazioni forti, reazioni allergiche, ma anche disfunzioni cardiache o renali.

Con questo termine, in medicina si intende la tendenza che hanno le persone a trattenere i liquidi all’interno dell’organismo.

Advertisements

Il ristagno di tali liquidi spesso avviene nelle zone del corpo che già sono predisposte all’accumulo di grassi. Ne sono un esempio, quindi, l’addome, le cosce, i glutei, ma anche le braccia. Il segno principale è rappresentato dall’edema, ovvero dal gonfiore. Questa è una condizione che porta ad un anomalo rigonfiamento dei tessuti, a causa dell’accumulo dei liquidi. In questo modo, la circolazione venosa e quella linfatica vanno a ristagnare e si formano alcune tossine.

Esse alterano il metabolismo cellulare, già compromesso a causa del ridotto apporto di ossigeno e nutrienti alle cellule del nostro corpo.

E’ un problema che spesso è sopravvalutato. Molte donne, infatti, erroneamente pensano che la ritenzione idrica sia un disturbo legato all’aumento di peso o del sovrappeso. Non è così: di ritenzione idrica possono soffrire anche le donne molto magre. Dobbiamo, però, confermare che il sovrappeso contribuisce a rallentare la diuresi, andando a favorire la ritenzione idrica.

Vi sono dei test per capire se effettivamente si soffre o meno di ritenzione idrica. Andando a svolgere le analisi del sangue, controllando il peso specifico delle urine, si può verificare ciò. Se il numero è più alto del normale, avremo una possibilità di ritenzione idrica.

Se invece, il numero è basso possiamo stare tranquilli. Esiste, infine, un altro modo per valutare il tutto: dobbiamo premere con forza il pollice sulla parte superiore della coscia per pochi secondi.

Se dopo aver tolto il dito, l’impronta rimane ben visibile, avremo quasi con certezza un po’ di ritenzione idrica.

Combattere la ritenzione idrica

Combattere la ritenzione idrica è senza dubbio possibile. Vi sono molti accorgimenti per porre fine al problema. Innanzitutto, dobbiamo bere molta acqua (anche nella forma di té leggeri o tisane). Dobbiamo andare a correggere le cause che hanno dato origine al disturbo: abbiamo visto, infatti, che il maggior responsabile di questo problema è lo stile di vita.

Dobbiamo evitare le cause come il fumo, gli alcolici consumati in modo eccessivo, l’uso di molto sale, farmaci, caffé, abiti troppo attillati che rallentano la circolazione, il sovrappeso, l’uso smodato di tacchi troppo alti, stare troppo seduti o, al contrario, sempre in piedi. Chi svolge un lavoro in piedi, infatti, dovrebbe ogni tanto provare ad alzarsi sulle punte dei piedi: in tale modo, si può stimolare la circolazione ed il ritorno venoso. Può, inoltre, essere utile posizionare un cuscino sotto al materasso, di modo che potremo dormire in posizione sollevata dalla parte dei piedi. Ciò favorirà la nostra circolazione.

L’attività fisica è, inoltre, fondamentale per combattere la ritenzione idrica. Il movimento, infatti, va a rinforzare e a riattivare il microcircolo. Vanno bene anche delle semplici passeggiate, se non vogliamo proprio fare sport. Dobbiamo considerare, inoltre, che esistono degli sport che, al contrario, sono proprio controindicati, poiché prevedono frequenti impatti con il terreno. Questi sono la corsa, l’aerobica, il sollevamento pesi, lo spinning, il tennis, la pallavolo, il jogging. Molto buoni, invece, sono il nuovo e la bicicletta (va bene anche la semplice cyclette). Sarà utile, al termine dell’attività fisica, abbinare esercizi di controllo respiratorio eseguiti con le gambe in alto. Questa operazione favorirà il ritorno venoso e l’eliminazione delle tossine prodotte.

Anche la dieta è importante per aumentare la motilità intestinale ed allontana il pericolo della stitichezza. Dobbiamo consumare molte fibre alimentare. Consumare molta frutta e verdura, specialmente quella ricca di vitamina C (chiamata anche acido ascorbico) ci permette di proteggere i capillari sanguigni. Gli alimenti più ricchi di questa sostanza sono gli agrumi, i kiwi, le fragole, le ciliegie, l’ananas. Tra le verdure, invece, vanno preferite la lattuga, il radicchio, gli spinaci, i broccoli, cavoli, cavolfiori, peperoni, pomodori, patate.

E’ possibile, ogni tanto, effettuare una dieta disintossicante molto ricca di liquidi, con grandi quantitativi di tè, tisane e succhi di frutta rigorosamente senza zucchero. Vanno bene anche i centrifugati di verdura. E’ molto importante, inoltre, per stimolare ulteriormente il drenaggio dei liquidi corporei, effettuare una bella sudata in palestra, oppure una sauna o un bagno turco rilassante, che aiuterà ad eliminare le tossine. Fare, inoltre, dei bagni tiepidi immersi in acqua salata è un rimedio molto valido per smuovere i liquidi dal corpo. Per effetto dell’osmosi, infatti, il sale richiama l’acqua presente nel corpo al suo esterno e la ritenzione idrica diminuirà.

Integratori

Esistono molti tipi di integratori per contrastare efficacemente la ritenzione idrica. Su Internet, ma anche nei negozi specializzati come le erboristerie, abbiamo la possibilità di trovarne a bizzeffe. Vi sono molti integratori anche su Amazon: facendo un giro su questo sito ne troverete di sicuro. Il Drenante Detox Forte, ad esempio, è molto efficace per effettuare un rapido drenaggio per il corpo. Lo troviamo a circa 17 euro. E’ una preparazione che si trova allo stato liquido, che deve essere diluita in un litro e mezzo di acqua.

Il suo sapore è fruttato ed è l’unico drenante capace di essere 4 volte più concentrato rispetto agli altri. Vi sono 10 piante super forti all’interno, concentrate per un effetto duraturo nel tempo. Riesce a purificare l’organismo aumentando la sazietà, il metabolismo e la diuresi. Elimina, inoltre, le tossine in eccesso e riesce a purificare dalle scorie, facilitandone il transito ed eliminando i liquidi. Vi permetterà, così, di ritrovare la linea in poco più di 6 settimane.

Anche gli integratori a base di betulla bianca sono molto utili. Questa pianta aiuta al drenaggio di liquidi corporei e dà così una mano a ridurre la ritenzione idrica. Meglio scegliere formulazioni che sono naturali al 100%. Questi integratori, oltre ad essere disponibili allo stato liquido, possiamo trovarli anche in forma di capsule, tavolette o compresse, da deglutire con abbondante acqua o succhi di frutta.

Tisane

Passiamo, infine, alle tisane. Anche ai supermercati ne possiamo trovare di moltissime. Facendo un giretto ai super, sugli scaffali abbiamo l’imbarazzo della scelta: drenante, detox, detossinante, depurativa e molto altro ancora. Le tisane a base di tarassaco, ad esempio, sono molto utili per la lotta alla ritenzione idrica. Anche il té verde è molto drenante e, stimolando la diuresi, ci aiuta a smuovere i liquidi in eccesso nel nostro corpo.

In alcuni casi dobbiamo stare particolarmente attenti, poiché queste erbe hanno spesso un effetto diuretico. Ciò può provocare una diminuzione della pressione arteriosa in soggetti predisposti. Se, quindi, soffriamo di ipotensione, è sempre meglio chiedere consiglio ad un medico o ad un farmacista, specialmente se siamo già in cura per debellare la pressione bassa. Ne esistono di moltissime che sono anche adatte ad un’alimentazione vegetariana, oppure vegana. In molti casi, sono anche senza glutine: anche coloro che sono intolleranti questa sostanza possono quindi consumare queste tisane in tutta tranquillità.

Oltre alle tisane, non dobbiamo mai farci mancare l’acqua. Sceglierla è fondamentale: ci vuole quella poco ricca di sodio e con un basso residuo fisso. L’acqua dovrebbe essere consumata nella misura di almeno un litro e mezzo per le donne, due per gli uomini. Le persone che fanno sport, invece, devono consumarne di più, per reintegrare i sali minerali dispersi con la sudorazione. Anche in estate, a causa dell’eccessiva sudorazione, dobbiamo ricordare di bere più acqua rispetto all’inverno. Da evitare le bevande zuccherate e gassate: lo zucchero, infatti, a pari del sale, può favorire la ritenzione idrica.

Vi sono degli alimenti particolarmente sconsigliati, specialmente quelli molto salati. E’ il sodio il nemico giurato numero uno della ritenzione idrica. Dovremo diminuirlo, favorendo invece l’uso di spezie aromatiche, che spesso sono anche drenanti e diuretiche. Attenzione anche al sale nascosto, come negli alimenti conservati (sottolio, sottaceto, in scatola). Meglio limitare l’uso delle pietanze confezionate. Da tenere presente che, in ogni caso, il sodio è fondamentale per il nostro organismo. Eliminarlo del tutto non va bene. La sua eliminazione totale dalla nostra dieta creerebbe effetti collaterali del calibro di nausea, affaticamento, apatia mentale, crampi muscolari.

Con alcuni piccoli accorgimenti, non sarà difficile eliminare (o comunque ridurre) la ritenzione idrica dal corpo. La silhouette sarà subito rimodellata e sarà possibile sentirsi più leggeri e meno affaticate. Eliminando le tossine dal corpo, inoltre, si avrà modo anche di sentirsi meno stanchi a livello mentale. Le tossine infatti, sono materiali di scarto che intossicano l’organismo. Senza di esse si vive meglio e si tengono anche lontane malattie.

Scritto da Erika Vettori
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Domenica Live: il messaggio della d’Urso a mamma Rodriguez

Alex e Alessandro dopo la scelta: il segreto del tronista

Leggi anche
  • metabolismoMetabolismo: i problemi e che dieta seguire

    Il metabolismo è una parte importante dell’organismo ai fini del dimagrimento e della perdita di peso in eccesso.

  • glutei perfettiGlutei perfetti: come fare con dieta ed esercizi

    Per avere glutei perfetti, una dieta ipocalorica e una attività fisica costante sono sicuramente la mossa giusta.

  • cerotti deto patchDeto Patch: recensione sui migliori cerotti detox

    Deto Patch sono cerotti detox che eliminano le tossine apportando tantissimi benefici all’organismo.

  • 
    Loading...
  • cerotti detoxCerotti detox piedi: funzionamento e benefici

    I cerotti detox sono una soluzione ottimale in quanto garantiscono un benessere completo a 360°.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.