Lista nascita: gli elementi essenziali di cui hanno bisogno i neonati

Per celebrare al meglio uno dei momenti più attesi e più felici nella vita di ogni coppia, una lista nascita può essere un aiuto prezioso per dare il benvenuto al piccolo di casa.

La gravidanza è uno dei momenti più attesi e desiderati da tante donne e non solo. Lo spirito materno viene appagato e, in attesa di abbracciare per la prima volta il proprio bebè, le mamme fantasticano tra possibili nomi e nuove avventure. Quando la famiglia si allarga aumentano anche le esigenze. L’arrivo di un neonato, si sa, è una gioia incontenibile non solo per i genitori, ma anche per gli affetti più stretti. I futuri nonni immaginano la loro nuova vita, pronti a coccolare e crescere il proprio nipotino. Gli zii sono pronti a concedere qualche vizio in più al nuovo arrivato della casa e gli amici non vedono l’ora di farlo divertire. Un tripudio di emozioni: la tensione per il parto viene scalfita dalla felicità più grande, profonda e intensa. Il bebè sarà coccolatissimo, amato e perché no, anche un po’ viziato. La new entry della famiglia per i primi mesi è una star vera e propria, protagonista delle giornate di genitori e parenti vari, che sono pronti a concedere qualsiasi regalo al piccolo di casa. Qual è la lista perfetta per un bebè?

La lista di regali per i neonati

Più o meno utili, quando arriva un bambino le sorprese sono all’ordine del giorno. Amici, genitori e familiari per mesi si dedicano alle compere, affinché al nascituro non manchi proprio niente. Insomma, il modo migliore per arrivare preparati al parto, senza farsi cogliere impreparati e godendo di tutto l’occorrente. Ma quali sono i regali per neonati di cui davvero non si può fare a meno?

Per arrivare preparati ed evitare doppioni, che causano imbarazzo e mettono non poco in difficoltà, è possibile stilare una lista nascita. Nell’elenco non devono mancare:

  • Abiti e body di cotone, sia a manica corta per i mesi più caldi sia a manica lunga per la stagione fredda. Per l’inverno, le magliette cotone dentro e lana fuori o fatte con caldo cotone sono l’ideale. C’è però chi preferisce i body alle magliette, in quanto non si sollevano e non lasciano scoperta la schiena. Inoltre, evitare bottoncini, lacci e ricami può essere un utile consiglio: in alcuni bambini potrebbero svilupparsi delle irritazioni cutanee. Sconsigliata, per lo stesso motivo, anche la lana a contatto diretto con la pelle del bebè;
  • Come rinunciare a tutine di ciniglia, cotone felpato o cotone leggero (a seconda della stagione)? Si tratta dell’abbigliamento tipico dei suoi primi giorni di vita, immancabile quindi nel guardaroba del bambino;
  • Per i giorni più freddi non possono mancare felpe e golfini, fino alla tuta imbottita adatta ai mesi invernali, capi importantissimi per coprire il bambino ed evitargli brutti colpi d’aria;
  • Impossibile poi dimenticarsi le calzine di cotone, perfette per tenere i piedini protetti e al caldo in ogni stagione. Per l’inverno, si possono scegliere anche le calzine in lana anallergica;
  • Imprescindibili per i neonati, che nei primi mesi di vita vengono imboccati e sono più soggetti ai rigurgiti: i bavaglini non sono mai troppi e ce ne sono davvero di ogni genere, per soddisfare tutti i gusti, sia quelli più semplici ed essenziali (che potranno optare per gli “usa e getta”) sia quelli più decorati e sofisticati;
  • Da non dimenticare i paracolpi, fondamentali da posizionare intorno alle sbarre del letto per evitare che il piccolo si faccia male muovendosi;
  • Un nuovo arrivato necessita anche di nuova biancheria. Si comincia con le lenzuola per la culla o il lettino, a cui aggiungere il coprimaterasso. Ma non è finita qui: al neonato serve anche il lenzuolo per la carrozzina. In entrambi i casi è bene che il coprimaterasso sia impermeabile, per evitare che una fuoriuscita di pipì rovini il materasso. Per coprire il bambino, ovunque si trovi, non può mancare la copertina, sia per la culla sia per il passeggino. Per i mesi caldi l’ideale è usare una copertina in cotone, mentre per l’inverno il neonato necessita piumino con copripiumino, per tenerlo avvolto nel caldo;
  • Serve anche l’accappatoio: in tal caso, possono andare bene sia i modelli tradizionali sia quelli “a triangolo”, composti cioè solo dal cappuccio, senza le maniche. Questi ultimi sono preferiti da molti per la loro maggiore comodità.

Le attrezzature per il bebè

Come dimenticare poi l’innumerevole attrezzatura per neonati? Si comincia con il passeggino, di diverse dimensioni e formati a seconda dell’età. I passeggini modelli “trio” offrono il 3 in 1, includendo la carrozzina, la navicella e il seggiolino omologato per auto: sicuramente sono più costosi rispetto ai modelli più semplici, ma chi è disposto a fare uno sforzo economico risparmierà poi sull’acquisto del seggiolino per auto, che è un altro elemento imprescindibile all’interno della lunga lista nascita. Ognuno può scegliere il passeggino che preferisce, ma è sempre importante prestare attenzione alla sicurezza e alla qualità del prodotto. Non solo carrozzina e seggiolino: prima che il bebè venga al mondo è fondamentale avere a disposizione una culla, comoda e confortevole. Crescendo, i genitori dovranno prediligere un lettino.

Per mangiare comodamente, importante anche l’acquisto di un seggiolone, senza dimenticare accessori originali che potrebbero rivelarsi delle sorprese gradite ai genitori: tutto pur di rendere confortevoli i primi mesi del bambino. Tra le opzioni, rientra la sdraietta (per aiutarlo ad addormentarsi e riposare poi godendo del massimo relax), il marsupio e la fascia portabebè, fino al fasciatoio (comodissimo quando si deve cambiare il piccolo) e la vaschetta per il bagnetto.

I prodotti per la cura del bambino

Non si possono tralasciare i migliori prodotti per coccolare e prendersi cura del proprio bambino. Anche questa è una scelta che si può aggiungere alla lista nascita. Tra questi prodotti sono importanti:

  • Bagnoschiuma e shampoo per bambini, prediligendo quelli biologici o che fanno poca schiuma (evitando così la secchezza della pelle);
  • La crema o l’olio idratante per il corpo, fondamentali in caso di cute secca o arrossata;
  • La spazzola e il pettinino con le punte arrotondate (per un bambino sempre in ordine e curato);
  • La forbicina per tagliare le unghie, che crescono in fretta e con cui spesso i bimbi si fanno brutti graffi.

I giochi per i più piccoli

Come dimenticare i giocattoli e altri accessori per bambini? Sono indubbiamene tra le scelte preferite per chi vuole fare qualche regalino ai nuovi arrivati di casa.

Non può mancare il ciuccio, di cui alcuni bambini sono “ghiotti”, ma anche il biberon, il termometro per bambini (quello a infrarossi è generalmente il più preciso e facile da usare), fino al sonaglio per il passeggino e la giostrina che si appende sopra il lettino o la culla, fungendo da ninna nanna e aiutando il bimbo a svagarsi.

Perché non pensare anche al benessere delle mamme? Nella lista nascita deve comparire anche il cuscino da allattamento, che aiuta a sostenere meglio la schiena, sebbene possa essere usato anche come normale cuscino. Insomma, due comodità in un solo prodotto.

Poi c’è la lista di giocattoli, che è pressoché infinita. Per fare il regalo giusto ci si può sempre confrontare con i genitori e seguire eventuali consigli. Scegliere il giusto gioco è spesso un’ardua impresa, vista la varietà di opzioni sul mercato. A seconda delle esigenze da soddisfare e dei gusti da rispettare, ci si potrà districare più facilmente tra gli scaffali.

Come scegliere i migliori capi per neonati

Tra i regali per neonati più gettonati ci sono sicuramente i vestiti, dagli abiti più carini per le bambine ai pantaloni più eleganti per i maschietti. Ma come scegliere i prodotti di qualità che siano comodi per i neonati e soddisfino anche le esigenze dei genitori?

La pelle delicata dei bebè ha bisogno di cura e protezione. Scegliere i capi giusti si rivela quindi di grande importanza. Ma in mezzo a una scelta vastissima, come districarsi?

I capi giusti per i bambini non devono solo godere di tessuti di qualità: è importante che siano anche comodi e traspiranti. I più piccoli amano correre e saltare: la libertà di movimento, garantita dal vestiario migliore, si rivela quindi un requisito fondamentale.

I capi migliori esprimono creatività ed eleganza e sono perfetti per i bambini che cominciano a scoprire il mondo. I piccoli, si sa, crescono in fretta e diventano sempre più movimentati, amano correre da una parte all’altra e indossare abiti durevoli è quindi essenziale. Libertà, qualità e durabilità sono tre punti cardine davvero impossibili da trascurare. La qualità è di primaria importanza, ma puntare sulla resistenza dei materiali si rivela altrettanto utile.

Importante anche scegliere un abbigliamento che contribuisce alla difesa dell’ambiente e favorisce un modello di economia circolare. Tutto pur di aiutare gli adulti del domani e sostenere le generazioni future. È fondamentale permettere ai bambini di divertirsi liberamente e contribuire concretamente alla difesa del nostro ambiente, affinché sia curato e tutelato.

I capi migliori devono trarre ispirazione proprio dai bambini, mostrandosi al passo con i tempi, innovandosi e non passando mai di moda. Così i più piccoli saranno liberi e comodi, mentre i genitori avranno la vita semplificata.

Scritto da Asia Angaroni
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Alessia Marcuzzi, in arrivo la vendetta: Belen trema?

Nero a metà 3: trama e cast della serie tv

Leggi anche
  • baby sitterCome trovare la baby sitter perfetta: i consigli

    La baby sitter perfetta esiste: tutti i consigli utili su come trovare quella più adatta ai vostri bambini.

  • mamme lesbicheMamme lesbiche, come vive una famiglia omogenitoriale

    Cosa vuol dire vivere in una famiglia omogenitoriale e che tipo di vita sociale possono avere queste persone? Scopriamolo meglio.

  • disabileAbbandona il figlio disabile

    Abbandona il figlio disable: 17 anni dopo il riscatto del piccolo Gabe. Dal Brasile allo Utah grazie ad una foto vista quasi per caso

  • georgia tannGeorgia Tann rubò ai poveri 5000 bimbi per darli ai ricchi

    Georgia Tann, tra gli anni ’20 e gli anni ’50, rubò più di 5000 bambini ai poveri per venderli alle famiglie ricche.

Contents.media