Il ragazzo con la sindrome di Down che ha creato il ristorante più felice del mondo

 

La routine di Tim è semplice ma insolita…

Tim si sveglia tutte le mattine alle 5.30 e percorre 7 miglia a piedi per giungere al suo locale. Ama così tanto il suo lavoro, che, come lui stesso racconta, si mette a ballare durante il cammino.

Tim è proprietario di un ristorante di Albuquerque, ed è affetto dalla sindrome di down. Tim’s Place, questo il nome del locale, è aperto sette giorni su sette, a colazione e a pranzo. Il suo padrone e gestore, Tim Harris, 28 anni, è noto ai clienti non solo per la sua cucina. “È il luogo più felice del mondo – ha raccontato Tim a un giornale americano -. È un ristorante di colazioni, pranzi e abbracci. Gli abbracci sono la parte migliore…”.

Advertisements

Secondo Tim, gli abbracci sono la parte più importante del menù: “sono molto più potenti rispetto al cibo; il cibo è solo il cibo”, ha detto.

L’idea di questo giovane era di avere un ristorante dove le persone, non venissero esclusivamente per mangiare, ma potessero sentirsi meglio.

Tim, infatti, ha l’abitudine di abbracciare i suoi clienti e tiene a questa pratica al punto che ha installato uno speciale “contatore di abbracci”: al termine di ogni giornata di lavoro, egli stesso enumera quante persone ha abbracciato.

Aprendo un ristorante, Tim ha realizzato il sogno di una vita, coltivato dall’età di quattordici anni. “Non ho permesso che il mio handicap mettesse fine ai miei sogni. Le persone disabili possono realizzare qualsiasi obiettivo si pongano davanti. Siamo doni per il mondo”, ha affermato il giovane.

La storia di Tim Harris sembra davvero la realizzazione del noto aforisma di Walt Disney: “Se una cosa puoi sognarla, tu puoi farla”.

Non è un caso che questa frase sia stata riportata sul sito del suo ristorante, nella sezione espressamente dedicata a Tim e alla sua storia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

intimo maschile: Le 20 mutande peggiori che un uomo può portare al primo appuntamento

Le sneakers slip-on di Joshua Sanders

Leggi anche
  • pubblicità assorbenti nuvenia sangueLa pubblicità di assorbenti Nuvenia mostra il sangue mestruale: è polemica

    Nuvenia rompe il web con il suo nuovo spot con assorbenti sporchi di sangue. Il lavoro dell’azienda e del social media manager sta creando una nuova normalità, oltre i tabù.

  • girls in museums chi sonoChi sono le girlsinmuseums: il progetto che unisce arte, cultura e donne

    #girlsinmuseums un hashtag che ha unito le ragazze di tutto il mondo attraverso fotografie scattate in gallerie d’arte con la volontà di ricreare un equilibrio nei ruoli.

  • corsi da seguire onlineCorsi da seguire online per imparare qualcosa di nuovo durante la pandemia

    Non sai come impiegare le tue giornate a casa? Alcune idee per approfondire un hobby che avevi accantonato per mancanza di tempo.

  • 
    Loading...
  • regali di natale a meno di 10 euroRegali di Natale a meno di 10 euro: le idee originali

    Tante idee e consigli originali per i regali di Natale avendo a disposizione un budget super ridotto.

Contents.media