Cos’è il GreenApes app: tutto sul social network per il pianeta

Tutto quello che sappiamo su GreenApes, il primo social network che premia le azioni ecosostenibili che ognuno di noi compie.

Arriva GreenApes! Un’app che premia chi ha a cuore il pianeta. Unendoti alla community e compiendo delle azioni ecosostenibili otterrai dei punti che potrai trasformare in premi! Scopriamo cos’è e come funziona!

GreenApes app cos’è?

Nata nel 2012, la GreenApes, è il prodotto di una startup, fondata da Gregory Erve, Renato Orsato e Francesco Zingales.

Questo portale, accessibile sia dai desktop che dai smartphone, è il primo esperimento social nato per spingere l’utente a compiere delle azioni ecosostenibili e premiarlo, rendendolo partecipe di un gioco tutto green. Lo stesso amministratore delegato ha affermato:

Ero in Svezia con il mio socio e ci arrovellavamo sui risultati di una ricerca: lo studio mostrava l’interesse della gente a una quotidianità a basso impatto, ma sottolineava anche la fatica di tradurre questa volontà in gesti. C’è un gap tra desideri e realtà e il nostro progetto vuole colmarlo.

La piattaforma GreenApes, combina incentivi morali, sociali ed economici per stimolare e gratificare chi ha già iniziato questo percorso ecosostenibile e chi ancora deve intraprenderlo. In pratica, una volta scaricata l’app, si crea il proprio profilo social e si entra a far parte di una giungla dentro una comunità di gorilla. Inizia il gioco! La piattaforma ha diverse prove collegate a tre R: RIDUCI-RIUSA-RICICLA. Ogni azione virtuosa fa accumulare i punti, i Bankonut, che poi si convertono in sconti, esperienze e premi.

Le tre prove

La prima challenge è quella che ha come obiettivo quello di ridurre C02. Come si fa? Basta scegliere di spostarsi una mobilità sostenibile, quindi spostarsi in bici, con i mezzi pubblici oppure a piedi. Aggiunge Gregory Erve:

Anche qui la nostra app ti aiuta, visto che è collegata con le funzioni contapassi e con altre applicazioni di salute, che ti mostrano subito i risvolti positivi della scelta.

Anche mangiare ha un impatto ambientale. Infatti, una dieta sana e sostenibile potrebbe far risparmiare fino a 2,9 kg di CO2 a persona. Proprio per questo bisognerebbe scegliere alimenti biologici e a km zero e ridurre l’uso della carne rossa.

La seconda challenge è quella del “riusa” o upcycling. In questo caso parliamo del mondo della moda che ha un impatto molto forte sull’ambiente. Infatti, l’industria della moda produce circa il 10% dell’emissioni di CO2 e milioni di microfibre dei tessuti di capi sintetici vengono rilasciati negli oceani. Cosa fare? Prediligere le fibre naturali, acquistare capi vintage o second-hand e dare una nuova vita ad un capo! In questo modo si può ridurre il consumo di materie prima e di energia, riduce l’inquinamento e le emissioni di gas serra.

La terza challenge è quella del riciclo. Sicuramente ogni giorno abbiamo tantissimi barattoli e tubetti da smaltire. Quest’app ti insegna a smaltirli nel modo corretto infatti Gregory Erve dice:

Anche questa gara è semplice perché la nostra app è collegata con Junker, che scannerizza il codice a barre presente su ogni prodotto e ti dice, per esempio, dove buttare il tappo e la boccetta del fondotinta.

Le noci di cocco

Come abbiamo detto i punti accumulati posso essere convertiti in veri e propri buoni acquisto. Grazie ai Bankonut si può accedere ad agevolazioni, esperienze, sconti e premi offerti da realtà locali e aziende online. Un modo per ringraziare chi si impegna verso un futuro più sostenibile. Inoltre, si potranno donare i propri punti per sostenere progetti ambientali e sociali.

Scarica GreenApes e diventa protagonista della green R-evolution!

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Fedez, il chirurgo che l’ha operato: “Alte possibilità di sopravvivenza”

Endometriosi: la Villa Reale di Monza si tinge di giallo

Leggi anche
  • burberry bando pelle esoticaBurberry mette al bando la pelle esotica: stop alle collezioni

    Burberry ha preso la decisione controversa di bandire l’uso delle pelle esotiche: da adesso nessuna collezione del brand le userà.

  • zara no resi gratuitiZara: addio ai resi gratuiti per il colosso spagnolo

    Zara ha deciso di dire addio ai resi gratuiti nel Regno Unito quando il reso non viene consegnato direttamente in negozio.

  • alessia marcuzzi espadrillasEspadrillas di Alessia Marcuzzi nuovo trend primavera 2022: quanto costano e dove trovarle

    Le espadrillas della Marcuzzi, visibili in una foto che ha condiviso sul suo profilo Instagram, hanno rilanciato il trend per l’estate 2022.

  • vestiti negozio seconda manoCosa fare per poter definire sostenibile un acquisto

    Quando possiamo definire sostenibile un acquisto? Scopriamo come comprare al meglio, risparmiando ed essendo sostenibili.

Contents.media