GF Vip, Pamela e Marco fuggono dalle telecamere: confessioni notturne

GF Vip, Pamela Prati e Marco Bellavia fuggono dalle telecamere e si appartano in giardino: le confessioni notturne bloccate dalla regia.

Al termine dell’ultima puntata del GF Vip 7, Pamela Prati e Marco Bellavia si sono appartati in giardino, cercando di nascondersi dalle telecamere. Le confessioni notturne dei due piccioncini sono state interrotte dalla regia. 

GF Vip: Pamela e Marco fuggono dalle telecamere

Nel corso dell’ultima diretta del GF Vip, Alfonso Signorini ha messo spalle al muro Pamela Prati e Marco Bellavia. Il conduttore è riuscito a scovare un messaggio Instagram del 2016, che l’ex volto di Bim Bum Bam ha scritto all’ex primadonna del Bagaglino senza ricevere risposta. L’interesse del Vippone, quindi, non è dettato dalla voglia di emergere nel reality, ma da un’attrazione di vecchia data. Al termine della puntata, Pamela e Marco si sono appartati in giardino, cercando di nascondersi dalle telecamere. 

Le confessioni notturne di Pamela e Marco

La Prati e Bellavia si sono nascosti in un angolo del guardino che non è inquadrato dalle telecamere. L’audio, però, è chiaro. La showgirl ha confessato che non ha apprezzato la sua immagine emersa nei video trasmessi in diretta. Marco, quindi, ha provato a tirarle su il morale: 

Mi piaci tanto. Sai che così sei davvero bellissima? Te lo giuro! Tu truccata troppo? Ma che te frega, ma tu sei bella così. Ma chi se ne frega, tu sei così come vuoi essere. Tu sei bella così. Però non devi crearti la maschera perché c’hai paura. Devi essere di più, Pamela devi scoprirti di più. Devi avere quel coraggio e quello scatto. Perché nel momento in cui ti scopri di più…”. 

La regia stacca l’inquadratura

Proprio sul più bello, la regia ha staccato l’inquadratura da Pamela e Marco. I fan del GF Vip che stavano seguendo con attenzione le confessioni notturne dei due piccioncini si sono ritrovati a guardare Amaurys Perez alle prese con il lavaggio dei piatti. 

Scritto da Fabrizia Volponi

Lascia un commento

Leggi anche
Contentsads.com