Come farsi restituire i soldi da un amico: consigli pratici e utili

Tutti hanno quell'amico a cui hanno prestato soldi che non hanno mai rivisto. Come farsi restituire il denaro?

Tutti, chi più e chi meno, hanno quell’amico o quel parente a cui hanno prestato dei soldi che non hanno più rivisto. In situazioni come queste mantenere la calma non è semplice, ma le statistiche ci dicono che più tranquilli si resta e più possibilità ci sono di poter riavere indietro il nostro bel gruzzoletto di soldi.

Quali sono i consigli pratici e utili per farsi restituire dei soldi?

Come farsi restituire i soldi da un amico

Un vecchio detto popolare recita: “Chi presta all’amico perde quello e il denaro”. Mai frase fu più azzeccata e vera come in questo caso. Prestare dei soldi ad un amico è un grandissimo errore, così come decidere di intraprendere un’attività o andare a convivere con chi si crede quasi un fratello/sorella.

Ammesso il fatto che voi abbiate un credito nei confronti di qualcuno e che siate con lui in rapporti civili, potete cercare di riavere la somma data in prestito cercando di seguire la cosiddetta ‘via bonaria’. Innanzitutto dovete ricordare di mantenere la calma e non farvi vedere dal vostro pseudo best friend troppo arrabbiati. Secondo una statistica, infatti, più si dimostra di essere agitati e più diminuiscono le possibilità di rivere indietro il prestito.

Quindi, armatevi di tanta pazienza, sfoggiate il sorriso più bello che avete e chiedete un appuntamento al tizio. Quando arriverete all’incontro, potrete chiedere all’amico, ovviamente sempre mantenendo una buona dose di self control, di riavere indietro la somma prendendo come scusa la classica ‘spesa improvvisa‘. Che sia una lavatrice, una macchina o qualsiasi altra cosa, cercate di non mostrarvi mai pietosi, ma fategli credere che il denaro che dovete riavere indietro è un po’ come se fosse un loro regalo.

Sì, so già cosa state pensando: fare tutto ciò senza perdere la calma è impossibile. Se questa opzione non vi garba più di tanto, c’è un’altra via che potreste seguire: chiedere allo pseudo amico di comprarvi un qualcosa che abbia un costo pari alla cifra che dovete avere indietro.

Andare per vie legali

Le possibilità sopraelencate sono fattibili soltanto se il denaro che dovete riavere indietro non è tantissimo. Se lo pseudo amico vi deve una cifra superiore ai mille euro abbandonate in partenza la soluzione ‘bonaria’ e passate direttamente alle vie legali. Qui vale la pena fare una premessa: l’amicizia, laddove non lo abbiate ancora capito, è finita e non c’è possibilità di ritorno. Partendo dal presupposto che un amico non chiede soldi in prestito e che anche se lo dovesse fare restituisce la somma senza nessuna richiesta specifica, quando la cifra è consistente l’unica soluzione è quella di affidarsi ad un bravo avvocato. Il legale, in base ai soldini che dovete riavere e al modo in cui è stato contratto il debito, vi consiglierà sul da farsi. Solitamente si procede partendo da una semplice lettera che verrà inviata al debitore e che è anche la soluzione che costa meno. Se questa non sortisce nessun effetto nella coscienza dello pseudo amico si passerà alla diffida. Se il tizio ha qualche bene intestato si arriverà al pignoramento e via discorrendo. Ovviamente, queste sono ‘soluzioni’ che vanno valutate dall’avvocato e che possono essere attuate soltanto quando ci sono dei requisiti, se così possiamo chiamarli. Un esempio pratico? Con il vostro grande amico decidete di aprire un’attività e, in un momento di pazzia, scegliete di dare vita ad una Snc (società in nome collettivo). Bene, dopo qualche anno, vi accorgete che qualcosa non va nel verso giusto e vi ritrovate sommersi dai debiti. Chiudete baracca e burattini con la promessa di pagare il debito insieme, ma, tempo un paio di settimane, l’amico sparisce. Bene, in questo caso sarete voi, sempre che abbiate qualcosa da perdere come ad esempio una casa, a pagare l’intero debito e soltanto in un secondo momento potrete chiedere al socio di restituirvi parte del denaro. Insomma, anche per concludere ci viene in aiuto un vecchio detto popolare: È meglio regalare che prestare e costa suppergiù lo stesso”.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Barbara D’Urso in lacrime a Pomeriggio 5: “Scusatemi, posso farcela”

Gli uomini più sexy del mondo dell’ultimo ventennio: le foto

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.