Come aprire un baby parking in franchising

I baby parking sono ottime strutture in cui lasciare il proprio bambino per un breve lasso di tempo. Questi posti sono dunque dedicati a tutti quei genitori che hanno bisogno di lasciare i figli in custodia e necessitano di un luogo affidabile e sicuro.

I baby parking sono delle aziende private e assolutamente dotate di personale qualificato e professionale. Non è previsto però un servizio mensa e solitamente aprire un baby parking è molto più economico rispetto a un asilo vero e proprio.

I requisiti necessari all’apertura di un baby parking sono identici a quelli che servono per aprire un asilo in quanto vi sono delle leggi nazionali che regolamentano questo tipo di attività. Tuttavia le condizioni variano di zona in zona a seconda del Comune di appartenenza; vi invitiamo dunque a recarvi presso il vostro Comune per avere informazioni più dettagliate.

È sempre il Comune che stabilisce i requisiti per l’apertura di un nido o di un baby parking e che rilascia l’autorizzazione ad avviare l’attività che in genere ha una validità di 3 anni.

Oltre a questo vi sono l’apertura della partita IVA, conto fiscale, INPS, INAIL, tassa sui rifiuti, iscrizione al registro imprese ecc.., tutte pratiche tipiche dell’attività imprenditoriale.

Un’altra cosa molto importante è che il locale deve assolutamente avere i requisiti tecnici, igienico-sanitari e strutturali adeguati.

Anche la valutazione dell’idoneità del locale spetterà al Comune.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Come diventare assistente di volo Ryanair

Come mettere mensole in legno con tasselli a scomparsa

Leggi anche
  • baby sitterCome trovare la baby sitter perfetta: i consigli

    La baby sitter perfetta esiste: tutti i consigli utili su come trovare quella più adatta ai vostri bambini.

  • mamme lesbicheMamme lesbiche, come vive una famiglia omogenitoriale

    Cosa vuol dire vivere in una famiglia omogenitoriale e che tipo di vita sociale possono avere queste persone? Scopriamolo meglio.

  • disabileAbbandona il figlio disabile

    Abbandona il figlio disable: 17 anni dopo il riscatto del piccolo Gabe. Dal Brasile allo Utah grazie ad una foto vista quasi per caso

  • georgia tannGeorgia Tann rubò ai poveri 5000 bimbi per darli ai ricchi

    Georgia Tann, tra gli anni ’20 e gli anni ’50, rubò più di 5000 bambini ai poveri per venderli alle famiglie ricche.

Contents.media