Sviluppo cognitivo al primo anno di vita

I bambini crescono in fretta, ma i primissimi mesi di vita sono quelli più importanti per il suo sviluppo cognitivo. La sua mente infatti è elastica e riesce ad immagazzinare moltissime informazioni, che non ricorderà in modo palese ma che entreranno a far parte per sempre del suo bagaglio di conoscenze pregresse.

Durante i primi due mesi di vita, il neonato impara a riconoscere il volto di sua madre, che segue costantemente, ridendo per un riflesso incondizionato. In seguito, inizia a rispondere anche a degli stimoli esterni, girando la testa se viene chiamato, e a sorridere in risposta, ovvero con un movimento volontario.

Tra i quattro e i sei mesi si notano cambiamenti più significativi, perchè il bambino comincia a ricordare: ad esempio, se vede il biberon, sa che è ora della pappa.

Advertisements

Inoltre inizia ad emettere i primi suoni, in imitazione a quello che sente. A nove mesi comincia ad avere una percezione più esatta del mondo che lo circonda, in quanto apprende che gli oggetti esistono anche fuori dal suo campo visivo, ed ha paura degli estranei.

A dodici mesi inizia a scandire le parole, inizialmente soprattutto “mamma” e “papà”, e a rispondere ai comandi.

Scritto da Cristina Marziali
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Bambini scomparsi in Italia

Quando iniziare a mangiare da soli

Leggi anche
  • baby sitterCome trovare la baby sitter perfetta: i consigli

    La baby sitter perfetta esiste: tutti i consigli utili su come trovare quella più adatta ai vostri bambini.

  • mamme lesbicheMamme lesbiche, come vive una famiglia omogenitoriale

    Cosa vuol dire vivere in una famiglia omogenitoriale e che tipo di vita sociale possono avere queste persone? Scopriamolo meglio.

  • disabileAbbandona il figlio disabile

    Abbandona il figlio disable: 17 anni dopo il riscatto del piccolo Gabe. Dal Brasile allo Utah grazie ad una foto vista quasi per caso

  • 
    Loading...
  • georgia tannGeorgia Tann rubò ai poveri 5000 bimbi per darli ai ricchi

    Georgia Tann, tra gli anni ’20 e gli anni ’50, rubò più di 5000 bambini ai poveri per venderli alle famiglie ricche.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.