Stress giovanile diminuisce con l’equitazione

Stress: una parola divenuta ormai di uso comune. Siamo tutti stressati, la vita oggi pare divenuta sin troppo complicata per darci il tempo di goderla un po’.
Anche bambini e ragazzi sono vittime di stress; in particolare lo stress giovanile si presenta durante l’adolescenza, età di transizione, di conflitto e crescita in cui proprio lo stress può avere un impatto negativo sulla salute fisica e mentale che farà sentire i suoi effetti anche più tardi nella vita ed in età adulta.

Si può fare qualcosa per combattere questo disagio pericoloso?
Certo che si: ed una efficacie risposta risiede nei rapporti uomo -animale.
In particolare una nuova ricerca della Washington State University ha rivelato come i giovani che lavorino con i cavalli sperimentino una sostanziale riduzione dello stress.
Tutti gli adolescenti in quel momento della loro esperienza di vita in cui il confronto con l’altro passa attraverso pubertà e sconvolgenti cambiamenti fisici ed interiori , infatti, troverebbero supporto nella naturale predisposizione del cavallo a “bilanciare l’immagine di sé” ed i relativi comportamenti.

L’interazione uomo-equino, a detta della professoressa Pendry, madrina e promotrice della ricerca, manterrebbe ottimali i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress.

Scritto da Stefania Roin

Scrivi un commento

1000

Ecografia: perché farla?

Storia di Pig: la cagnetta deforme abbandonata

Leggi anche
  • baby sitterCome trovare la baby sitter perfetta: i consigli

    La baby sitter perfetta esiste: tutti i consigli utili su come trovare quella più adatta ai vostri bambini.

  • mamme lesbicheMamme lesbiche, come vive una famiglia omogenitoriale

    Cosa vuol dire vivere in una famiglia omogenitoriale e che tipo di vita sociale possono avere queste persone? Scopriamolo meglio.

  • disabileAbbandona il figlio disabile

    Abbandona il figlio disable: 17 anni dopo il riscatto del piccolo Gabe. Dal Brasile allo Utah grazie ad una foto vista quasi per caso

  • georgia tannGeorgia Tann rubò ai poveri 5000 bimbi per darli ai ricchi

    Georgia Tann, tra gli anni ’20 e gli anni ’50, rubò più di 5000 bambini ai poveri per venderli alle famiglie ricche.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.