Chi era Krizia: tutto sulla stilista del prêt-à-porter

Artista della moda controcorrente e dalla personalità eccentrica ed innovatrice: ecco chi era Krizia, la stilista rivoluzionaria.

Il mondo della moda italiana può annoverare tra i tanti i nomi illustri anche quello di Krizia. La compianta stilista originaria di Bergamo ha lasciato il segno con la sua originalità e la sua rivoluzione che ha reso la moda davvero alla portata di tutti.

Scopriamo di più sulla vita e la carriera della donna, morta all’età di 90 anni a causa di un malore.

Chi era Krizia: la stilista del prêt-à-porter

Maria Mandelli, soprannominata “Mariuccia”, nacque il 31 gennaio 1925 a Bergamo. Da ragazza intraprese gli studi in Svizzera e, una volta conclusi, vinse un concorso per diventare maestra. La sua vera passione però è sempre stata la moda, per questo nel 1954, insieme all’amica e socia Flora Dolci, decise di aprire un laboratorio per la produzione di abbigliamento femminile, che poi rivendevano in boutique sparse per l’Italia.

L’occasione di tentare il vero salto arrivò grazie ad una giornalista di Grazia, che parlò di Krizia e dell’attività che gestiva insieme all’amica, sulla rivista di moda. Si aprirono così, per la giovane stilista, tutte le opportunità per farsi conoscere.

krizia chi era

Gli esordi

Krizia entrò nel mondo della moda in un tempo in cui questa si ispirava allo stile ricercato e bon ton della First Lady Jackie Kennedy. In un momento in cui i grandi brand erano concentrati sull’haute couture e sul lusso, Krizia si dedicava all’elaborazione di linee più semplici e alla portata di tutte, contribuendo alla rivoluzione del mondo della moda che diventava prêt-à-porter.

Nel 1964 Krizia debuttò nel mondo della moda presentando la sua prima sfilata autonoma a Palazzo Pitti, a Firenze, vincendo il premio “Critica della moda”. Iniziavano gli anni dell’emancipazione femminile e Krizia decise di dare il proprio contributo alla causa esibendo ad una delle sue sfilate dei pantaloncini cortissimi. Una provocazione, quella di scoprire le gambe, fino ad allora pudicamente coperte. Ma questa provocazione le valse un premio. Proprio grazie a quei pantaloncini infatti, Krizia vinse a Capri il Tiberio d’oro, un festival, sulla falsa riga della cerimonia degli Oscar, ma dedicato ovviamente alla moda.

krizia chi era

Gli anni del successo e la vendita del brand

Gli anni ’80 sono un periodo d’oro per Krizia e il suo brand. Aveva infatti lanciato una linea maschile e una per bambini e ragazzi. Aveva creato un profumo, fondato l’esclusivo resort K Club sull’isola di Barbuda, ai Caraibi. Erano anche gli anni di Andy Wahrol, che la immortalò in una delle sue serigrafie. Nel 1986 insieme ad altri stilisti e colleghi come Giorgio Armani, Gianfranco Ferré, Gianni Versace e Valentino Garavan, venne nominata commendatore della Repubblica da Cossiga, che allora era appunto il presidente della Repubblica Italiana.

Tra gli anni ’90 e i primi anni 2000, Krizia gira il mondo partecipando a diverse mostre in suo onore. Una tra tutte, quella intitolata “Krizia Moving Shapes”, organizzata dal Museo di Arte Contemporanea di Tokyo, che racconta quasi mezzo secolo del lavoro della stilista. Nel 2014 invece, il brand venne acquistato da un gruppo cinese e un anno dopo, il 6 dicembre 2015, l’amatissima stilista venne a mancare all’età di 90 anni a causa di un improvviso malore che la colse mentre era nella sua casa a Milano.

krizia chi era

Curiosità sulla stilista

Krizia ha preso in prestito il suo nome d’arte, nonché al nome del suo brand, da uno dei dialoghi di Platone che parlava della vanità femminile.

Le idee di Krizia erano considerate eccentriche. Questo perché la stilista amava sperimentare con diversi materiali, dalla gomma alla paglia e soprattutto perché era sempre quella controcorrente. I suoi capi erano riconoscibili per via delle stampe raffiguranti frutti, e animali come orsi, tigri e serpenti. Studiava le tendenze del momento, per poi fare esattamente l’opposto. Un’idea vincente, che le valse il soprannome di “Crazy Krizia” dalla stampa americana e che la consacrò tra gli stilisti più amati di tutti i tempi.

Scritto da Arianna Giago
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Milano Fashion Week 2021: il calendario dell’evento

Sex And The City: la decisione di Kim Cattrall per il destino di Samantha

Leggi anche
  • single ma non troppo castSingle ma non troppo: il cast e la trama del film

    Single ma non troppo, il cast e la trama della commedia con Rebel Wilson e Dakota Johnson.

  • André Leon Talley chi eraChi era André Leon Talley, lo storico direttore artistico di Vogue America

    Icona di stile e direttore creativo di Vogue America: ecco chi era André Leon Talley, il primo afroamericano ai vertici del mondo della moda.

  • Chi era Janis JoplinChi era Janis Joplin: vita della cantante statunitense

    Janis Joplin e il percorso nel mondo della musica.

  • Chi è Alessandro HaberChi è Alessandro Haber: storia dell’attore

    Alessandro Haber tra cinema, musica e teatro.

Contents.media