Test psicometrici: quali sono, perché si usano e come superarli

I test psicometrici: quali sono e perché si usano? Tutto quello che c'è da sapere sulle prove.

I test psicometrici vengono utilizzati per misurare attitudini personali, competenze e profilo psicologico di un individuo. I campi in cui vengono somministrati sono tanti: scuole prestigiose, università, aziende e psicologia. Nello specifico, quali sono? In cosa consistono?

Test psicometrici: quali sono?

I test psicometrici permettono alle aziende o a qualunque ente di ottenere informazioni sulla personalità o altri aspetti cognitivi del candidato. Vengono somministrati e analizzati solo ed esclusivamente da uno psicologo esperto del settore. Valutano l’attenzione, la memoria, la risoluzione dei problemi e le attitudini verbali o spaziali di una persona. Sul web si trovano molti esempi di test psicometrici e tante persone li utilizzano per tenere allenata la mente o per puro divertimento.

Quelli utilizzati con maggiore frequenza sono:

  • Test di attitudine verbale: misurano la capacità di capire ed esprimere concetti attraverso le parole. Comprendono esercizi di ortografia, uso di sinonimi e contrari, comprensione verbale, frasi da completare e regole di ortografia.
  • Test logico-matematici: misurano la capacità di capire e lavorare con le operazioni numeriche. Comprendono problemi classici, somme, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni, frazioni, radici, percentuali, equazioni, etc.
  • Test di attitudine spaziale: richiedono di distinguere e riconoscere forme, volumi, distanze, posizioni nello spazio.

    Spesso presentano figure incomplete, rompicapo, figure da ruotare mentalmente per capire il contesto, etc.

  • Test di ragionamento astratto: analizzano la capacità di osservare e organizzare le informazioni in modo logico. Davanti ad una serie di lettere, figure, carte o monete, bisogna sfruttare al massimo le proprie capacità deduttive.
  • Test dell’attenzione e concentrazione: sempre presenti nei processi di selezione del personale in cui sia richiesta un’elevata attenzione, misurano la capacità di essere attenti anche di fronte a un compito ripetitivo e monotono. Gli esercizi comprendono: memoria visiva, capacità di memorizzazione di brani scritti, numeri o parole.

Test psicometrici: quando si usano?

Solitamente somministrati in modalità ‘risposta multipla‘, i test psicometrici sono dei quiz che hanno come scopo la misurazione di attitudini personali e competenze e la ‘definizione’ del profilo psicologico di un soggetto. Vengono utilizzati in molti ambiti:

  • Processi di selezione in ambito lavorativo: permettono di vedere se le competenze del candidato sono in linea con i requisiti base richiesti per la posizione da ricoprire.
  • Ambito educativo: servono a valutare le capacità intellettive di un alunno, i suoi progressi e le sue attitudini vocazionali.
  • Contesto clinico: le prove psicometriche fanno parte del lavoro abituale dello psicologo clinico. Servono a valutare personalità e attitudini, ma anche a formulare diagnosi, verificare la presenza di disturbi psicologici, demenze, etc.
  • Patente di guida e porto d’armi: permettono di valutare la capacità di attenzione e reazione, le abilità visuo-spaziali del futuro conducente o di capire se la persona che desidera possedere un’arma ne abbia i requisiti.

Come superare una prova psicometrica?

Per superare un test psicometrico bisogna innanzitutto imparare a gestire l’ansia. Se sappiamo di doverci sottoporre ad una prova del genere, è bene esercitarsi sul web. Ci sono anche comode applicazioni da scaricare sullo smartphone che possono essere utilizzate in qualsiasi momento della giornata. Provare i vari quiz con estrema calma e in una zona di confort vi aiuterà a temere meno il ‘fatidico’ momento della prova ufficiale. Inoltre, potrete imparare dagli errori fatti.

Durante la prova ufficiale ricordatevi sempre di leggere con calma le istruzioni e di seguire le regole dettate dall’esaminatore. Gli esempi che vengono proposti devono sempre essere letti con attenzione, anche quando ci sembrano banali e di facile risoluzione. Se vi accorgete che una domanda vi rimane difficile passate oltre, ma ricordatevi sempre di portare a termine tutti gli esercizi. Infine, appena terminata la prova, prendetevi alcuni minuti per rileggere quanto scritto.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Isabelle Adjani: tutto sull’attrice francese

Errori nei film: quali sono le 10 sviste che non hai notato?

Leggi anche
  • malattia della bellezzaMalattia della bellezza, l’ossessiva ricerca della perfezione fisica

    L’avvento dei mass media ha contribuito ad aspettative fisiche sempre più perfette ma difficilmente raggiungibili. Ecco cos’è la malattia della bellezza.

  • tecnica della bolla cos eTecnica della bolla: cos’è e come difendersi dai negativi

    La tecnica della bolla è un modo per proteggersi e difendersi da chi ci “preleva” troppa energia con discorsi negativi, come si attua?

  • perchè donne sempre in ritardoDonne sempre in ritardo: luogo comune o realtà?

    È vero che le donne sono sempre in ritardo? Una ricerca ci spiega il perché.

  • male gaze sguardo maschile significatoMale Gaze, guardarsi con “sguardo-maschile”: qual è il significato

    “Male gaze” o “sguardo maschile” è un’espressione dal significato radicato nella cultura mainstream e relega il ruolo delle donne a ciò che ci si aspetta da loro.

Contents.media