Fabio Fazio attaccato da Davide Maggio: “Poca trasparenza”

Fabio Fazio sotto accusa: Davide Maggio fa a pezzi i dati auditel sbandierati da Che Tempo Che Fa.

Fabio Fazio è stato attaccato da Davide Maggio suo popolarissimo sito che viene costantemente aggiornato dall’esperto di comunicazione televisiva e che porta il nome del suo curatore. Il conduttore di Che Tempo Che Fa è proprietario anche de L’Officina, la casa di produzione che si occupa di realizzare il programma: secondo Maggio L’Officina ha diramato dati Auditel reali ma “truccati”.

Fabio Fazio nel mirino: “Nessuna trasparenza”

Fabio Fazio è spessissimo al centro di polemiche e proteste: la pietra dello scandalo nella maggior parte dei casi è costituita dai compensi altissimi che a quanto pare il giornalista riceverebbe dalle casse del servizio televisivo pubblico.

Naturalmente uno stipendio stratosferico sarebbe parzialmente giustificato dalla qualità del servizio televisivo offerto dalle trasmissioni del giornalista in questione e soprattutto dal successo di share dei suoi programmi.

Fatte queste debite premesse è comprensibile che L’Officina (di proprietà dello stesso Fazio) tenda a gonfiare i dati Auditel al fine di migliorare in maniera fittizia le prestazioni del programma e del suo conduttore.

Secondo Davide Maggio questa alterazioni dei dati d’ascolto non viene eseguita in maniera palese, ma con una serie di piccoli trucchi e accorgimenti che mettono a confronto le parti più forti del programma con competitors più deboli.

Davide Maggio contro Fabio Fazio

Sul sito davidemaggio.it si legge:

Il primo artificio è confrontarsi anche con Paperissima Sprint, il secondo è togliere la parte denominata Il Tavolo dalla sovrapposizione con L’Isola Di Pietro, il terzo è considerare solo i valori assoluti (ieri Fazio ha perso pure con le vecchie papere).

Oltre a questa serie di accorgimenti, pare che gli ascolti di Fazio vengano anche registrati a partire da un momento favorevole e non al principio del segmento più debole:

Il trucchetto è doppio: per alzare la media de Il Tavolo, sofferente, la rilevazione Auditel inizia prima che il Tavolo cominci (domenica 28 Ottobre il talk show corale è iniziato intorno alle 23.15, ma la rilevazione auditel è partita alle 22..52).

Gli ascolti di Fazio sono una menzogna?

Nonostante il fatto che abbia letteralmente smontato il tanto sbandierato primato di ascolti di Che Tempo Che Fa e dei suoi segmenti successivi, Davide Maggio non è poi così duro nei confronti del programma di Fazio.

L’esperto continua a rimarcare sul fatto che gli ascolti di Fazio sono buoni, anche se non così buoni come la casa di produzione vorrebbe far credere ai telespettatori più ingenui e agli addetti ai lavori che capiscono meno i meccanismi televisivi alle spalle del successo di una trasmissione.

Quello che Maggio però invoca a gran voce è un comportamento coerente da parte di Fazio, il quale da sempre si è fatto portavoce del desiderio di trasparenza e di legalità di una certa fascia di popolazione.

Dov’è la trasparenza tanto invocata dal conduttore ligure?

Con questa domanda, che probabilmente rimarrà a lungo senza risposta, Davide Maggio conclude il proprio intervento volto a fare a pezzi il tanto sbandierato successo di pubblico che Che Tempo Che Fa avrebbe conquistato.

Scritto da Olga Luce
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • Valeria GraciValeria Graci: chi è, vita privata, lavoro e amore

    Valeria Graci è una comica che ha esordito insieme a Katia Follesa a Zelig, un divertentissimo duo che dopo molti anni ha deciso di dirsi addio. 


  • Gianluca GazzoliGianluca Gazzoli, chi è: vita privata e carriera

    Gianluca Gazzoli è un giovane conduttore radiofonico, che lavora per Radio Deejay.

  • Reazione a catenaI Monelli di Reazione a Catena: chi sono e da dove vengono

    I Monelli di Reazione a Catena vincono quattro volte e arrivano a una somma elevatissima: scopriamo chi sono e da dove provengono

  • Vacanze ai CaraibiVacanze ai Caraibi: trama e cast

    Vacanze ai Caraibi è una pellicola italiana diretta da Neri Parenti, con Christian De Sica e Massimo Ghini.

Contents.media