Colloquio di lavoro e parità di genere: le domande scomode e illegali

Quali sono le domande scomode e illegali poste più frequentemente alle donne durante il colloquio di lavoro.

Parità di genere durante i colloqui di lavoro: le domande illegali cui ci si deve rifiutare di rispondere.

Domande scomode e illegali al colloquio di lavoro

Il decreto legislativo 198/2006 detto Codice delle pari opportunità stabilisce all’articolo 27 che è vietata “qualsiasi discriminazione per quanto riguarda l’accesso al lavoro, in forma subordinata, autonoma o in qualsiasi altra forma, compresi i criteri di selezione e le condizioni di assunzione anche se attuata attraverso il riferimento allo stato matrimoniale o di famiglia o di gravidanza, nonché di maternità o paternità, anche adottive”.

Ci sono quindi delle domande scomode e illegali che non devono essere poste durante un colloquio di lavoro, specie se l’aspirante lavoratrice è una donna. Infatti esse possono costituire un discrimine importante tra l’assunzione e il restare a casa. Nella mente di chi svolge il colloquio agiscono dei pregiudizi e degli stereotipi che possono essere anche inconsci. La conseguenza è che se a rispondere ad una domanda è una donna o un uomo si producono determinate e diverse considerazioni del soggetto esaminato.

Ad esempio: se alla domanda “Vuole avere figli?” un uomo risponde di sì, allora il datore di lavoro sarà più portato a pensare di lui che sia una persona affidabile che riesce a sostenere il carico di responsabilità. Al contrario, se è una donna a rispondere in modo affermativo alla domanda, nel datore di lavoro si scateneranno probabilmente preoccupazioni riguardo le assenze date dalla maternità, viste come un danno per l’azienda.

LEGGI ANCHE: Catcalling: cos’è la molestia verbale?

Come comportarsi

Non solo “Vuole avere figli?”, sono illecite da porre anche altre domande durante il colloquio di lavoro come: “È fidanzata/sposata?”, “Ha figli?” ma anche “Qualcuno può occuparsi dei suoi figli in sua assenza?”. Ovviamente ciò vale per entrambi i sessi ma, come già spiegato, per le donne agiscono dei pregiudizi che spesso ostacolano l’ottenimento del posto di lavoro.

Se ci si sente rivolgere queste domande durante un colloquio di lavoro bisogna rifiutarsi di rispondere. Si tratta domande illegali secondo il D. Lgs. 198/2006 e che non tutelano la privacy del soggetto.

LEGGI ANCHE: Nel 1971 la pillola diventa legale in Italia: la storia

Scritto da Megghi Pucciarelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Come agisce sul nostro organismo l’olio di cbd e quali differenze è possibile trovare tra i vari prodotti in commercio

Non indossare il reggiseno fa bene: il perché spiegato dalla scienza

Leggi anche
  • israele cosa sta succedendoCosa sta succedendo in Israele?

    Nuova escalation di scontri tra Israele e Palestina che oppongono manifestanti palestinesi e forze dell’ordine israeliane dopo gli sfratti da Sheikh Jarrah.

  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

  • mamme donne realizzateNon è vero che le donne si sentono realizzate solo con la maternità

    Le donne solo se mamme, secondo l’opinabile parere dell’europarlamentare Antonio Tajani, acquisirebbero la loro realizzazione.

Contents.media