Come gestire gli attacchi di panico: i consigli

Gli attacchi di panico non sono momenti facili da affrontare, ma non bisogna nemmeno nasconderli: vediamo come gestire il tutto.

Gli attacchi di panico si manifestano d’improvviso, quando meno ce lo si aspetta, e il più delle volte sono associati a periodi di forte ansia, stress e stanchezza. Dietro il loro carattere imprevedibile, però, si nascondono sintomi somatici e cognitivi, angoscia, paura o stress post trauma.

Ne soffrono molte persone, ma non tutte hanno il coraggio e la forza di esprimerli e di farsi aiutare. Ma quindi ome gestire gli attacchi di panico? Ecco qui di seguito i consigli su come farlo al meglio. 

I sintomi degli attacchi di panico

Gli attacchi di panico possono durare all’incirca 10 minuti e seppur improvvisi e imprevedibili, si possono riconoscere e “prevenire”, riconoscendo alcuni sintomi fisici. Certo, con questo non significa che se si avvertono determinate sensazioni o reazioni, allora si può evitare l’attacco di panico.

Advertisements

Ma sicuramente col tempo si può imparare ad essere più attenti e pronti a intervenire nell’immediato. 

I sintomi più frequenti degli attacchi di panico che coinvolgono il corpo sono:

  • rossore in viso
  • senso di debolezza (come di perdere i sensi)
  • senso di stordimento 
  • parestesie (formicolii nelle mani, nei piedi o in viso)
  • difficoltà respiratoria (sensazione di soffocamento)
  • aumento della sudorazione 
  • comparsa improvvisa di brividi
  • nausea 
  • sensazione di chiusura della bocca dello stomaco
  • tachicardia o palpitazioni
  • tremori o scatti.

Legate ai sintomi fisici, possiamo trovare sintomi o sensazioni più emotive:

  • paura di perdere il controllo
  • paura di impazzire
  • paura di essere sul punto di morte
  • sensazione di depersonalizzazione
  • crisi di pianto isterico
  • sensazione di non appartenere alla realtà.

Ultimo ma non ultimo per importanza, è la sensazione e il desiderio di voler fuggire dal luogo in cui si trova con conseguente soffocamento o claustrofobia. Questa sensazione è legata alla paura di non potersi controllare in quel momento, di non poter uscire da luoghi o situazioni dai quali risulta complicato allontanarsi.

Essa viene chiamata anche agorafobia

come gestire gli attacchi di panico

Come gestire gli attacchi di panico

Una volta imparati a conoscere i diversi sintomi, è possibile imparare a riconoscere il momento difficile che sta per arrivare e cercare di limitare gli eccessi.

Certo, come detto prima, se l’attacco di panico deve arrivare, non si può evitare. Ma attraverso la pratica di alcune semplici azioni o gesti, è possibile imparare a gestirli. Come? Ecco qui di seguito i consigli e alcune pratiche da seguire:

Non avere paura di chiedere aiuto

Come abbiamo già detto prima, ignorare sintomi di malessere interiore o addirittura nasconderli è peggio. Bisogna avere il coraggio di chiedere aiuto ai nostri parenti o farsi aiutare da uno specialista, che ci possa indicare la strada più giusta per noi.

Respirare con calma

La prima cosa concreta da fare sul momento è quella di respirare con calma, cercando di combattere l’agitazione, le palpitazioni e i tremiti. Solo concentrandosi sul respiro, facendo respiri lenti e profondi, ci si tenderà a “rilassarsi” e a far passare la crisi più velocemente.

Rilassare i muscoli

La conseguenza del respiro lento e profondo è il rilassamento dei muscoli. Certo, non è una cosa facile soprattutto quando l’ansia è in preda al panico e coinvolge il corpo. Ma appena si avvertono i primi segnali, cercare di rilassare i muscoli o se è possibile, stendere il corpo, se ne trarrà beneficio immediato. 

come gestire gli attacchi di panico

Accettare la paura

Forse l’azione più difficile da fare è accettare la paura e l’attacco di panico. Accettare significa accogliere, nonostante tutto e nonostante le conseguenze. Se si inizia a pensare di poter accogliere anche il dolore e le cose negative, si inzierà a percepire le situazioni che si vivono in maniera differente. Gli stessi attacchi di panico verranno visti in modo diverso. Certo, ci saranno e forse saranno anche belli forti, ma saremo noi ad accettarli, a viverli e a ad affrontarli con più consapevolezza e con meno paura. 

Ma soprattutto continuare a soffocare e a reprimere i propri sentimenti peggiorerà la situazione. Concediamoci il diritto di lasciarci andare, di perderci per ritrovarci, di soffrire, di sentirci fragili, perché alla fine passerà!

Scritto da Marta Vitulano
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Violenza sulle donne nel 2020: i dati non sono incoraggianti

Abbigliamento per fitness in casa: quale scegliere il più adatto

Leggi anche
  • pressoterapia benefici e controindicazioniPressoterapia: cos’è, benefici e controindicazioni

    In cerca di un trattamento estetico per dimagrire? Avete già provato la pressoterapia? Qui di seguito cos’è e come funziona.

  • fisioterapia quando serveFisioterapia: i consigli per capire quando serve realmente

    In cerca di un fisioterapista? Qui di seguito i consigli per capire se serve realmente oppure no.

  • dipendenza da sigarettaDipendenza da sigarette: conseguenze e come smttere

    La dipendenza da sigaretta si può sconfiggere con il miglior prodotto naturale che permette di smettere di fumare in modo sano.

  • 
    Loading...
  • problemi di uditoProblemi di udito: quale amplificatore acustico scegliere

    I problemi di udito possono minare la propria vita, ma grazie al migliore amplificatore acustico si possono risolvere.

Contents.media