Cimitero dei feti: cosa sono e perché fanno discutere

Cosa sono i cimiteri dei feti? Si tratta di luoghi di sepoltura che spesso hanno creato polemiche e posizioni contrapposte.

Il Cimitero dei feti, in alcune città noto come Giardino degli Angeli, è un luogo di sepoltura destinato ai bambini mai nati. Molte città italiane, così come tante altre località mondiali, hanno scelto di destinare uno spazio dei cimiteri classici alle famiglie che avvertono la necessità di elaborare il lutto perinatale in uno ‘spazio dedicato’. A Roma, ad esempio, c’è un’area di 600 metri quadri all’interno del cimitero Laurentino destinata agli ‘Angeli’, mentre in altre città come Trieste e Vicenza sono già iniziati i lavori per costruirne uno.

Il lutto perinatale, negli ultimi anni come non mai, sta trovando sempre maggiore spazio nella nostra cultura, tanto che ha anche una giornata mondiale dedicata. BabyLossAwarenessDay – questo il nome scelto per l’importante commemorazione – nasce negli Stati Uniti e approda in Italia nel 2007. Si celebra il 15 ottobre e per l’occasione vengono promossi eventi culturali, momenti formativi e manifestazioni.

Cimitero dei feti: perché sono nati

Il Cimitero dei feti è solitamente gestito da associazioni cattoliche ed è nato con l’intento di donare ai genitori che vivono il lutto perinatale un luogo dove elaborare il dolore. Ovviamente, sono molte le persone che non credono alla ‘buona fede’ che dovrebbe portare alla nascita di luoghi di questo genere. In tanti, infatti, vedono i Giardini degli Angeli come un nuovo tentativo di colpevolizzare la libera scelta dell’aborto.

Proprio per questo motivo, la nascita e la diffusione dei Cimiteri dei feti genera numerose polemiche. Queste, inoltre, sono incrementate anche dalla scelta di alcune associazioni di inserire le generalità della madre sulla tomba del bimbo mai nato.

Il parere degli esperti

Secondo gli esperti, i Cimiteri dei feti potrebbero rappresentare un valido aiuto per comprendere, accettare ed elaborare la perdita. Interrompere una gravidanza, qualunque sia il motivo, non è mai una scelta semplice e comporta ferite che difficilmente si possono rimarginare. Pertanto, avere un luogo ‘dedicato’ dove poter piangere il proprio figlio può risultare terapeutico, donando ai genitori la possibilità di scegliere se seppellire o meno il feto.

Ovviamente, insieme ai pareri favorevoli, ci sono anche quelli contrari. Non tutte le donne, infatti, vivono l’aborto come un trauma. Sono tante quelle che scelgono in modo volontario e consapevole di interrompere una gravidanza, per cui la presenza dei Cimiteri dei feti potrebbe essere un modo per colpevolizzarle della scelta fatta. Inoltre, i nomi scelti per indicare questi luoghi di sepoltura, potrebbe anche essere un escamotage per limitare un diritto acquisito, ovvero quello dell’aborto.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Come avere buon gusto nel vestire: consigli per essere sempre perfette

Chi è Francesco Baccini: tutto sul cantante italiano

Leggi anche
  • mondo beauty tiktokCome cambia il mondo del beauty con Tik Tok

    Il mondo del Beauty su Tik Tok è cambiato, lo si evince riflettendo sui milioni di contenuti che vengono quotidianamente pubblicati sui prodotti beauty

  • israele cosa sta succedendoCosa sta succedendo in Israele?

    Nuova escalation di scontri tra Israele e Palestina che oppongono manifestanti palestinesi e forze dell’ordine israeliane dopo gli sfratti da Sheikh Jarrah.

  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

Contents.media