sviluppo cognitivo al primo anno di vita

cognitivo

Ogni neonato, nel suo primo anno di vita, attraversa le varie periodo di crescita che riguarda tutte le aree del suo sviluppo.

Nei primi 12 mesi, infatti, la crescita cerebrale è particolarmente notevole. Vengono a formarsi innumerevoli connessioni tra le cellule che sono chiamate sinapsi e che rappresentano la chiave dell’apprendimento e della memoria.

L’insieme di tutte le sinapsi permette la formazione del complesso centro di controllo per la percezione del mondo circostante e per l’acquisizione di funzioni specifiche: vedere, ascoltare , muoversi, sentire i sapori, pensare, percepire le sensazioni.

I primi due mesi sono i mesi della visione e della scoperta visiva.

Advertisements

Ma sono anche quelli del contatto che il neonato cerca con il seno della madre.

Dal secondo mese, il neonato inizia a essere attratto dall’ambiente che lo circonda e può rivelarsi essere molto abitudinario.

Dal quarto al sesto mese, inizia a vocalizzare. Questo è il periodo che segna il distacco dal seno materno, la comparsa del biberon e l’inizio dello svezzamento.

Nei successivi due mesi, il bambino inizia a riconoscere quei volti e quei suoni che gli sono familiari.

Arrivano poi i mesi in cui il bambino inizia a comunicare con i suoi interlocutori, si interessa all’ambiente che lo circonda, tende le braccia per essere preso in braccio, comprende i piccoli ordini, e la fase del sonno diventa prevalentemente notturna.

Scritto da Valeria Abate
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Dieta alcalinizzante cosa mangiare?

Come riciclare il gelato avanzato

Leggi anche
  • baby sitterCome trovare la baby sitter perfetta: i consigli

    La baby sitter perfetta esiste: tutti i consigli utili su come trovare quella più adatta ai vostri bambini.

  • mamme lesbicheMamme lesbiche, come vive una famiglia omogenitoriale

    Cosa vuol dire vivere in una famiglia omogenitoriale e che tipo di vita sociale possono avere queste persone? Scopriamolo meglio.

  • disabileAbbandona il figlio disabile

    Abbandona il figlio disable: 17 anni dopo il riscatto del piccolo Gabe. Dal Brasile allo Utah grazie ad una foto vista quasi per caso

  • 
    Loading...
  • georgia tannGeorgia Tann rubò ai poveri 5000 bimbi per darli ai ricchi

    Georgia Tann, tra gli anni ’20 e gli anni ’50, rubò più di 5000 bambini ai poveri per venderli alle famiglie ricche.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.