Scozia, assorbenti e tamponi gratis per le donne: primo Paese a farlo

La Scozia sta per diventare il primo paese al mondo a distribuire in modo del tutto grautito assorbenti e tamponi alle donne.

La Scozia sta per diventare il primo paese al mondo a rendere gratuiti assorbenti e tamponi alle donne che ne hanno bisogno. Il parlamento ha approvato un nuovo disegno di legge che garantisce tutti i prodotti necessari durante il ciclo mestruale a quante non hanno le possibilità economiche di acquistarli in modo autonomo.

Scozia: assorbenti e tamponi gratis

Il parlamento scozzese, con ben 112 voti a favore, ha approvato un nuovo disegno di legge che vuole far diventare gratuiti assorbenti e tamponi. La Scozia ha intenzione di rendere disponibili tutti i prodotti necessari durante il ciclo mestruale oltre che nelle farmacie anche nei luoghi pubblici come centri sociali e di aggregazione giovanile. Attualmente si tratta di un disegno di legge, per cui ci sono ancora dei passi da compiere prima che diventi una legge a tutti gli effetti.

Advertisements

La proposta, quindi, potrebbe subire alcune modifiche nel caso venissero proposti degli emendamenti, ma a grandi linee le intenzioni della Scozia sono chiare. Il parlamento, con questo primo passo, vorrebbe mettere fine alla cosiddettaperiod poverty. Garantendo i prodotti di prima necessità, come quelli che occorrono alle donne durante il periodo mestruale, il governo aiuterebbe quella fascia della popolazione che non si può permettere di acquistare mensilmente assorbenti e tamponi.

La proposta

Il parlamento scozzese aveva già proposto la prima bozza di questa legge, Period Products Scotland Bill, nel 2017 e nel 2018 aveva ottenuto un primo successo: assorbenti e tamponi erano stati resi gratuiti in tutte le scuole, college e università del Paese. Secondo alcuni studi, le donne che hanno un ciclo mestruale standard, ovvero della durata di 5 giorni, possono arrivare a spendere circa 12 euro al mese e sono molte quelle che non riescono più a sostenere un costo simile.

Non a caso, un sondaggio effettuato da Young Scot su un campione di 2000 ragazze ha rilevato che circa una ragazza su 4 tra quelle intervistate in scuole e università scozzesi fa fatica ad acquistare prodotti necessari durante il ciclo.

Nel Regno Unito i risultati sono un po’ diversi: il 10% delle ragazze non può permettersi di acquistarli, il 15% fa fatica e il 19% è passato a prodotti meno adatti proprio a causa dei costi.

Il problema della cosiddetta “tampon tax” è in discussione già da tempo in molti Paesi. In Italia, ad esempio, l’Iva al 5% è applicata solo per tamponi e assorbenti compostabili e biodegradabili mentre per gli altri è ancora al 22%.

Il progresso della Scozia

Mentre in Italia siamo ancora lontani anni luce da una proposta del genere, la Scozia ha già mosso parecchi passi avanti. Anche se non è ancora diventata una legge, il fatto che gli assorbenti e i tamponi siano disponibili in modo del tutto gratuito presso le scuole, i college e le università del Paese è un segno di progresso non indifferente. Speriamo che il nostro Parlamento prenda qualche spunto dagli scozzesi perché il ciclo mestruale non è un ‘bene di lusso‘.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Scarpe sportive da donna: i trend

Chi è Baptiste Giabiconi, curiosità sul modello e cantante

Leggi anche
  • oscar 2020Oscar 2020, quattro italiani in giuria

    L’Academy ha reso pubblica la lista dei nuovi 842 membri della giuria per gli Oscar 2020. Tra questi, abbiamo quattro italiani

  • royal babyRoyal Baby, la famiglia di Meghan Markle: “Vogliamo vedere Archie”

    La famiglia di Meghan Markle dalla parte di padre è pronta a ricorrere alle vie legali pur di riuscire a far parte della vita del Royal Baby Archie.

  • royal babyRoyal Baby: il principe Harry sente la mancanza di Lady Diana

    In Olanda per un evento ufficiale, il principe Harry ha confessato di sentire la mancanza di Lady Diana dopo la nascita del suo primo Royal Baby.

  • 
    Loading...
  • eros ramazzottiEros Ramazzotti preoccupa i fan: “Mi devo operare alle corde vocali”

    Operazione alle corde vocali per il cantante Eros Ramazzotti, che ha dovuto interrompere il tour americano, ma tranquillizza i fans sui social.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.