Reality di Matteo Garrone uscita: a quattro anni da Gomorra il regista si confessa

È attualmente nella cinquina dei migliori incassi del week end appena trascorso col suo ultimo film, Reality, un’affascinante riflessione sul labile confine tra realtà e illusione, tra coercizione televisiva e perseguimento di un sogno impossibile.

Matteo Garrone, in un’intervista rilasciata a Max, in uscita da domani, rivela quanto sia stato difficile ritornare a lavorare dopo il trionfo strabiliante di Gomorra, la pellicola tratta dall’omonimo libro di Roberto Saviano.

 

Un successo che ha rischiato di fargli più male che bene, un po’ come l’ipotetica possibilità di entrare nella casa del GF modifica la vita del pescivendolo Luciano:

Dopo Gomorra mi sembrava che ogni storia non fosse abbastanza forte. e per un anno ho fatto il rappresentante di quel film in giro per il mondo, non parlavo d’altro. Alla fine non sono neppure entrato nella cinquina dei candidati all’Oscar come miglior film straniero”.

Parla anche dei collegamenti che ha intravisto tra i due progetti, e della molla che l’ha spinto ad affrontare un tema molto rischioso, che portava con sé un alto rischio di dire banalità:

Fatte le dovute proporzioni, camorra e televisione sono pericolose uguale. Non siamo più esseri pensanti ma compranti. Non ci accontentiamo più della celebrità ma siamo pronti a rinunciare alla nostra vita per avere un posto in un paradiso che è solo quello televisivo.

Viviamo nel paese dei balocchi”.

Garrone ritorna anche sull’ipotesi Fabrizio Corona. Per chi non lo sapesse, il regista in precedenza era intenzionato a sviluppare il film a partire dalla vita e dalla presenza attoriale del paparazzo. L’idea è poi naufragata, forse giustamente:

Diciamo che con Fabrizio è stato un flirt. Di Corona mi affascinava il rapporto tra persona e personaggio: non sarebbe stato un film su di lui, ma lui avrebbe unito storie legate alla cronaca recente. mi sono disamorato perché mi sarei scontrato con immagini ancora troppo presenti nella testa e negli occhi della gente”.

Infine, una rassicurazione per tutti i cinefili. Non dovranno attendere quasi un lustro prima di gustare un altro film recante la sua firma:

Per lavorare ho bisogno di metodo, di disciplina. All’inizio trovare la storia è difficile: deve scattare l’eccitazione, è quasi come con le donne. ma per il mio prossimo lavoro non ho intenzione di aspettare altri quattro anni”.

LINK UTILI

Festival Cannes 2012: Reality, trailer del film di Matteo Garrone

Un sapore di ruggine e ossa: trama e trailer del film di Jacques Audriard  

Appartamento ad Atene: trama e trailer del film dal 28 settembre nelle sale  

Elles film: la prostituzione vista attraverso gli occhi di Juliette Binoche nei cinema 

Oscar 2013 candidati: Cesare deve morire dei fratelli Taviani per l’Italia 

L’era glaciale 4 – Continenti alla deriva 

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com