Polonia, donna morta mentre aspettava un aborto: ripartono le proteste

Una donna è morta in ospedale mentre aspettava un aborto. Secondo l'avvocato sarebbe vittima delle leggi della Polonia.

Una donna è morta in ospedale mentre aspettava un aborto. Scoppia la polemica per le leggi della Polonia. La donna è deceduta in ospedale per via delle complicazioni legate alla gravidanza. 

Polonia, donna morta mentre aspettava un aborto: vittima della legge anti-aborto

L’avvocata polacca Jolanta Budzowska è convinta che la donna morta in ospedale sia una vittima della legge anti-aborto in vigore in Polonia. La donna è deceduta in ospedale a causa delle complicazioni legate alla gravidanza. Le autorità hanno deciso di non rendere note le sue generalità. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Associated Press, la donna è stata ricoverata perché il suo feto era privo di liquido amniotico. Invece di procedere con un aborto per salvarle la vita, i medici hanno aspettato che il feto morisse, come spiegato dall’avvocato, specializzata in negligenze da parte dei medici.

In seguito è morta anche la madre.

Polonia, donna morta mentre aspettava un aborto: ripartono le proteste

Dopo che la notizia è circolata sul web, molte persone hanno acceso delle candele davanti al Tribunale costituzionale di Varsavia. Si tratta della corte che l’anno scorso ha emesso una sentenza che ha inasprito ulteriormente una delle leggi sull’aborto più restrittive d’Europa. Alcuni manifestanti, come riportato da Euronews, indossavano un costume rosso come le protagoniste della serie The Handmaid’s Tale, ispirata al romanzo Il racconto dell’ancella, che è ambientata in un regime totalitario in cui le donne sono sottomesse. 

Polonia, donna morta mentre aspettava un aborto: le indagini

Le indagini sono partite e dovranno fare chiarezza sul decesso della donna. Intanto, i gruppi del mondo cattolico e conservatore hanno invitato a mantenere la calma. Secondo le regole, la paziente avrebbe avuto il diritto di interrompere la gravidanza se la sua vita fosse stata in pericolo. Al momento resta da chiarire se si sia trattado di un caso di malasanità dovuto ad una sottovalutazione del rischio o se i medici hanno agito intimoriti dalla legge polacca o nella convinzione che l’aborto non fosse giustificato. 

Scritto da Chiara Nava
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • PensioniCalderone sulle pensioni: “Prendiamo Quota 41 come riferimento”

    La ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, ha parlato dei prossimi interventi sulle pensioni: a riferimento Quota 41

  • Catherine DahmerCatherine Dahmer: chi era la nonna di Jeffrey Dahmer

    Catherine Dahmer era la nonna di Jeffrey Dahmer, serial killer e cannibale, di cui si è parlato anche nella famosa serie Netflix.

  • Sabrina MinardiVatican Girl: chi è Sabrina Minardi

    Sabrina Minardi è stata legata per ben dieci anni ad Enrico De Pedis, Boss della Banda della Magliana, conosciuto come Renatino.

  • Renatino De PedisVatican Girl: chi è Renatino de Pedis

    Enrico De Pedis, conosciuto come Renatino, è stato il boss della Banda della Magliana, ucciso nel 1990 a Campo de’ Fiori.

Contentsads.com