Approvata la legge anti aborto in Polonia: scoppiano le proteste

Approvata in Polonia una legge che rende illegale l'aborto in quasi tutti i casi: in più di 20 città scoppiano proteste e manifestazioni.

Scoppiano le proteste in Polonia a causa di una legge che limita il diritto all’aborto. Il governo, infatti, ha da poco annunciato la pubblicazione ed entrata in vigore con valore di legge di una sentenza della Corte Costituzionale che vieta l’interruzione di gravidanza salvo pochissimi casi specifici.

Per questa ragione più di venti città polacche si sono unite nella protesta.

Legge anti aborto in Polonia: le proteste

L’ondata di protesta è stata lanciata dal movimento Strajk Kobiet, (letteralmente, sciopero delle donne) grazie a svariati appelli sui social. Una delle due leader, Klementyna Suchanow, aveva scritto “Si annuncia una notte difficile”. Il motivo risiede nell’entrata in vigore e nella contemporanea pubblicazione in Gazzetta Ufficiale nella serata di ieri di una sentenza della Corte Costituzionale con valore di legge che rende praticamente illegale l’aborto.

Tale sentenza risale al 22 ottobre scorso e dichiarava incostituzionale interrompere una gravidanza perché non conforme agli articoli della Legge fondamentale sulla protezione della vita del nascituro, anche in caso di malformazioni gravi e letali del feto. Le uniche eccezioni contemplate sono le interruzioni di gravidanza chieste da donne vittime di incesto o stupro, o nel caso che si profili un pericolo per la vita della madre. Da quella sentenza è nato e ha preso sempre più piede il movimento d’opposizione Strajk Kobiet.

Se il governo ha scelto l’inferno per le donne, noi cucineremo un inferno per questo governo”, ha detto Suchanow incitando le donne polacche alla protesta.

Leggi anche: Argentina: l’aborto diventa legale

La Polonia, Paese prevalentemente cattolico, ha una delle leggi più restrittive in Europa in fatto di aborto, legge che provoca, secondo media indipendenti e ONG, oltre 200mila aborti clandestini. Migliaia di donne polacche già dopo la sentenza di ottobre avevano espresso il loro dissenso nelle piazze delle maggiori città, le proteste erano durate giorni nonostante le restrizioni per Covid. Le notevoli dimensioni delle manifestazioni avevano allarmato il Governo che aveva schierato esercito e aveva deciso, per il momento, di ritardare la pubblicazione della sentenza. Anche la Chiesa si era allarmata: per la prima volta nella storia polacca dei giovani hanno interrotto le cerimonie religiose per contestare il forte legame fra la Chiesa e l’attuale apparato di potere. Il Parlamento europeo si era espresso contro tale sentenza dichiarando che rendere illegale l’aborto nei casi di gravi e irreversibili malformazioni fetali “mette a rischio la salute e la vita delle donne”. A nulla però sono valse le opinioni contrarie. La sentenza è stata pubblicata il 27 gennaio in Gazzetta Ufficiale facendo riscoppiare le manifestazioni in più di 20 città polacche.

Leggi anche: Coronavirus, alle donne sembra essere negato il diritto all’aborto

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Giovanni Rizzo: tutto sull’istruttore de “La Caserma”

Chi è Renato Daretti: tutto sull’istruttore de “La Caserma”

Leggi anche
  • kasia lenhardt morta indagato boatengKasia Lenhardt trovata morta in casa: indagato Boateng per violenza

    Jerome Boateng è indagato per violenza fisica sull’ex fidanzata e modella Kasia Lenhardt, trovata morta suicida lo scorso 9 febbraio.

  • francia assorbenti gratisFrancia, assorbenti gratis da settembre per tutte le studentesse

    Con l’avvio del nuovo anno scolastico, migliaia di studentesse francesi troveranno assorbenti gratis nelle università e residenze studentesche.

  • donne dirigenti nel mondoDonne dirigenti nel mondo: nel 2021 in aumento ma non in Italia

    I risultati emersi dalla ricerca “Women in business 2021” parlano chiaro: le donne dirigenti sono in aumento ma rimangono ancora troppo poche.

  • Eldina Jaganjac chi èChi è Eldina Jaganjac, la ragazza che ha sfidato i canoni di bellezza

    La trentunenne danese Eldina Jaganjac dal marzo 2020 ha smesso di depilarsi e invita tutte le donne a liberarsi dalle costrizioni sociali.

Contents.media