Chi era Piet Mondrian: tutto sul pittore olandese

Scopriamo la storia dell'uomo noto come uno dei pittori contemporanei più semplici, ma innovativi del XX secolo.

Conosciuto come il pittore dei colori primari Piet Mondrian è riuscito a farsi ricordare da tutto il mondo attraverso il suo modo di giocare con le linee, il giallo, il blu e il rosso.

Chi era Piet Mondrian

Pieter Cornelis Mondriaan, conosciuto come Piet Mondrian (Amersfoort, 7 marzo 1872 – New York, 1º febbraio 1944), è stato un pittore olandese.

Si approccia al mondo lavorativo come insegnante di italiano, ma coltiva contemporaneamente la passione per la pittura. Stilisticamente si avvicina molto all’arte impressionista e naturalista con molti paesaggi protagonisti della tela. In questo periodo, influenzato dai movimenti e ispirato dalla natura olandese non poteva fare altrimenti.

Chi era Piet Mondrian

Dei primi dipinti ci sono solo cenni di astrazione e scelta di colori primari (“Avond” è il primo in cui appaiono) ma è con il tempo che cambia stile. Inizia a legare le sue opere alla sua visione spirituale e filosofica, avvicinandosi ad artisti come Blavatsky che promuovevano una conoscenza della natura attraverso l’empirismo. Inoltre, impressionato dal cubismo, modifica completamente il suo lavoro creando un suo stile personale.

Le influenze cubiste e la sperimentazione

Decide di trasferirsi a Parigi dove inizia a sperimentare e allontanarsi dalla fase olandese. Qui subisce l’influenza dei lavori di Picasso e Braque e inizia a spostare la rappresentazione della natura verso linee più geometriche. Arriva però la guerra mentre si trova nei Paesi Bassi e costretto a passare il conflitto nella sua città natale conosce alcuni artisti tra cui Theo van Doesburg. Scopre di essere in linea con l’artista che sta sperimentando l’astrattismo e insieme scrivono i primi trattati per il movimento che si chiamerà “neoplasticismo”.

Chi era Piet Mondrian

Tornato in Francia ha le idee più chiare e le sue rappresentazioni ora sono quadri a griglia dalle forme sottili con i colori primari. Inizialmente i colori sono più sbiaditi finchè, raggiungendo una forma d’arte più matura, aggiunge linee nere e più spesse a separare i suoi quadrati. Nonostante il suo lavoro sembri piatto e minimalista racchiude molta più attenzione negli strati di colore intensità di quanto sembri.

Il successo a New York e gli ultimi anni

Nel 1938 decide di partire per Londra ma con lo scoppio della guerra decide di abbandonare completamente l’Europa e si trasferisce definitivamente a New York. I suoi ultimi lavori sono più difficili da definire, le linee sono aumentate e appaiono quasi in una forma di sovrapposizione. Inoltre, nonostante possa sembrare un piccolo cambio, sostituisce le linee nere con delle spesse linee colorate, determinando una nuova direzione.

Chi era Piet Mondrian

Queste novità sembrano portare verso un successo clamoroso, ma la carriera dell’artista si interrompe con la sua morte. I suoi progetti sono oggi amati in tutto il mondo e occupano molti dei musei più importanti di arte contemporanea. Inoltre attraverso alcune sue opere come “Broadway Boogie-Woogie” esposto al MoMa ispira la scuola di pittura astratta geometrica. Le sue opere sono spesso contestate per la loro semplicità ma gli studi di neoplastica hanno dato prova della complessità delle sue opere.

Scritto da Alessandra Coman
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi era Vivian Maier: storia della grande fotografa statunitense

Chi è Aung San Suu Kyi: vita della politica premio Nobel per la pace

Leggi anche
  • bianca nappi chi èChi è Bianca Nappi: curiosità e vita privata dell’attrice

    Carriera, vita privata e curiosità sull’attrice Bianca Nappi che interpreta il personaggio di Marietta nella serie “Le indagini di Lolita Lobosco”.

  • Daniele SIlvestri“Le cose in comune” di Daniele Silvestri: il testo e il significato

    Il testo e il significato del brano “Le cose in comune” di Daniele Silvestri, un connubio perfetto tra musica e parole.

  • chi è flavia pennettaChi è Flavia Pennetta: storia dell’ex tennista italiana

    Con numerosi traguardi sui più grandi campi da tennis del mondo, Flavia Pennetta è oggi considerata una delle più grandi tenniste nazionali.

  • chi è gianluigi donnarummaChi è Gianluigi Donnarumma: tutto sul calciatore italiano

    Classe 1999 e già una serie di traguardi spuntati sulla lista. Tutto sul grande portiere del Milan più giovane della storia.

Contents.media