Chi è Jen Psaki: curiosità sull’addetta stampa di Joe Biden

Jen Psaki, la donna a capo dello staff di comunicazione di Joe Biden nonchè nuova portavoce della Casa Bianca.

Avere un team di esperti per la comunicazione è fondamentale in ambito politico. Riuscire a cambiare le dinamiche di genere di questa stessa squadra è già il primo passo per lanciare un messaggio molto chiaro. Lo ha capito Joe Biden che ha deciso di creare un gruppo interamente al femminile capeggiato da Jen Psaki, la nuova portavoce della Casa Bianca.

Chi è Jen Psaki

Jen Psaki, pseudonimo di Jennifer Rene (Stamford, 1º dicembre 1978), è una giornalista statunitense, attualmente addetta stampa della Casa Bianca. Di sangue parzialmente greco e polacco nasce nel Connecticut e studia per specializzarsi in politica, un settore che la appassiona molto.

chi è jen psaki

Riesce a diventare collaboratrice del partito democratico e unirsi allo staff di Barack Obama durante la sua campagna elettorale del 2008. Con la vittoria alle presidenziali viene assunta come vice del portavoce Robert Gibbs per poi diventare vicedirettrice delle comunicazioni.

La crescita lavorativa tra presidenziali e vita aziendale

Nel 2011 decide di lasciare l’incarico alla Casa Bianca per il ruolo di vicepresidente di un’importante società di pubbliche relazioni.

Il ruolo a Washington per la Global Strategy Group dura un solo anno e successivamente torna a lavorare con Obama per la sua seconda candidatura nel 2012.

chi è jen psaki

Nel frattempo il presidente la sceglie anche come portavoce del Dipartimento di Stato degli USA portandola ad avere stretto contatto con la stampa internazionale. La vittoria di Obama le permette di diventare direttore delle comunicazioni della Casa Bianca fino alla fine del suo mandato, incarico che abbandona con l’arrivo dell’ex presidente Trump. In questo periodo lavora per la CNN ma con la nuova candidatura Biden-Harris decide di tornare in azione.

La nomina di portavoce della Casa Bianca

Con la vittoria del partito democratico ottiene il suo incarico di portavoce della Casa Bianca. L’insediamento del nuovo presidente la pone subito sotto l’attenzione della stampa che la interpella per gli argomenti più disparati. Riesce a rispondere alle domande mostrandosi all’altezza del ruolo e dimostrando il cambio rotta rispetto al governo precedente che aveva quasi rotto i rapporti con la stampa.

chi è jen psaki

Il suo comportamento non ha nulla a che fare con l’aggressività di Sean Spicer, l’uomo che l’ha preceduta in questo incarico, ma si mostra invece estremamente civile e pacata. Nel suo primo briefing afferma inoltre di voler combattere le fake news e che questo deve essere un obiettivo comune per il suo team e la stampa. Consapevole della possibilità di scontro tra i due organi Jen Psaki non perde di vista il suo scopo.

Scritto da Alessandra Coman
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Rosita Missoni, la donna che ha rivoluzionato la moda Made in Italy

Chi è Nina Palmieri: vita della giornalista e inviata de Le Iene

Leggi anche
  • -Tampon tax in Italia: quando verrà rimosso il fatidico 22% di Iva?

    La Tampon tax in Italia continua a gravare sui redditi delle donne con un’applicazione dell’Iva sugli assorbenti al 22%.

  • nuove abitudini adolescenti covidNuove abitudini degli adolescenti nell’era Covid: cybersex e solitudine

    Tra solitudine e social network, gli adolescenti hanno cambiato le loro abitudini con l’inizio della pandemia e ora una ricerca ne svela i risultati.

  • colombia cosa succedeCosa succede in Colombia: il Paese sudamericano protesta contro la riforma fiscale

    L’economia colombiana, già in declino da tempo, stava per subire un’ultima batosta finale con la riforma fiscale proposta dal Presidente Iván Duque Márquez che ha causato scontri e misure repressive.

  • omotransfobia legge zanOmotransfobia e legge Zan, cos’è e perché è importante parlarne

    La legge Zan contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo è stata da poco calendarizzata in Senato, cosa prevede e quali critiche ha riscosso?

Contents.media