Georgette Polizzi sul parto: “Come rivivere la diagnosi di sclerosi multipla”

Georgette Polizzi, affetta da sclerosi multipla, è diventata mamma della piccola Sole, concepita attraverso procreazione medicalmente assistita.

Georgette Polizzi è diventata mamma della piccola Sole, concepita attraverso procreazione medicalmente assistita. La donna, affetta da sclerosi multipla, ha deciso di raccontare l’esperienza vissuta su Instagram.

Georgette Polizzi è diventata mamma della piccola Sole

Georgette Polizzi è diventata mamma per la prima volta: il 21 marzo, infatti, è venuta al mondo la piccola Sole, nata dall’amore con il compagno Davide Tresse attraverso procreazione assistita.

La donna, ex protagonista di Temptation Island, ha deciso di raccontare su Instagram la nuova avventura che ha cominciato a vivere e la gioia provata per l’arrivo della bambina, dopo aver scoperto di soffrire di sclerosi multipla. Polizzi, infatti, ha ricevuto la diagnosi nel 2018 e, giorno dopo giorno, sta lottando contro la malattia.

Nel suo racconto, la donna ha paragonato l’esperienza del parto a quella della scoperta della sclerosi multipla, soprattutto per gli effetti che ha avuto sul suo corpo l’anestesia spinale alla quale si è sottoposta per procedere con il taglio cesareo.

“Il parto come rivivere la diagnosi di sclerosi multipla”

A proposito della connessione che si è instaurata tra il parto e la diagnosi di sclerosi multipla, Georgette Polizzi ha spiegato: “All’inizio ero serena e tranquilla, ma quando la spinale ha iniziato a fare effetto ho cominciato a non sentire più le gambe. Ho provato la stessa sensazione di quando mi sono ammalata di sclerosi multipla. Il mio esordio al tempo mi ha preso inizialmente da sotto il senso fino alle gambe, provavo a muoverle ma non riuscivo”.

La donna, quindi, ha rivelato di essere stata colta da un improvviso attacco di panico che le ha fatto dimenticare il parto: “In quel momento lì, mi è venuto un attacco di panico. Ho iniziato a rivivere tutto, ho scordato che ero lì per partorire, la mia mente era proiettata a quel tempo, non mi stavo godendo il parto”.

Scritto da Ilaria Minucci

Lascia un commento

Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com