Notizie.it logo

Emily Ratajkowski, copertina femminista: “Donne sentitevi libere”

Emily Ratajkowski, copertina femminista: “Donne sentitevi libere”

La modella Emily Ratajkowski posa per una copertina con una foto femminista e lancia un messaggio molto importante per tutte le donne del mondo.

La super modella Emily Ratajkowski ha lasciato ancora una volta di stucco i suoi fans con una foto femminista da copertina. Uno scatto bellissimo in bianco e nero con una particolarità bene in vista che non passa di certo inosservata. E accompagnato da un messaggio di cui lei si fa portavoce, ma che è già stato lanciato anni fa da altre donne famose, prima tra tutte Madonna. La modella ha pubblicato lo scatto su Instagram condividendo con i suoi 24 milioni di fans il suo pensiero e la campagna per cui si sta battendo da tempo in favore di tutte le donne del mondo.

Copertina femminista per Emily Ratajkowski

La foto da copertina che la modella Emily Ratajkowski ha pubblicato su Instagram poche ore fa sta facendo il giro del mondo.

Si tratta di uno scatto per la rivista ‘Harper’s Bazaar’ ed è decisamente una dichiarazione di stampo femminista per nulla velato. La splendida modella infatti appare in tutto il suo splendore, ma con i peli sotto le ascelle. Niente depilazione. Questo per ribadire un messaggio già lanciato anni fa dalla pop star Madonna, ma anche dall’attrice Julia Roberts e da moltissime altre dive dello spettacolo.

Diamo alle donne l’opportunità di essere qualunque cosa vogliono” scrive la modella su Instagram E spiega ai followers di aver scritto un saggio pubblicato su ‘Harper’s Bazaar’ in merito all’importanza del diritto delle donne di essere libere di scegliere. Di scegliere cosa? Come vestirsi, cosa pubblicare sui social, se depilarsi le ascelle oppure non farlo.

Senza doversi per forza omologare a quelle che sono le tendenze ed i canoni del momento. Una vera e propria esortazione a comportarsi come ci si sente di fare.

Emily Ratajkowski copertina femminista

Il saggio femminista della modella

Forte del suo ruolo di personaggio dall’influenza sterminata, la modella Emily Ratajkowski ha pubblicato su ‘Harper’s Bazaar’ un saggio che ha voluto scrivere di suo pugno. Tema: il femminismo. Ha spiegato che in alcuni giorni ha voglia di depilarsi, mentre in altri si sente comunque sexy anche con i peli sotto le ascelle. Non c’è una delle due versioni che si può considerare giusta e nemmeno sbagliata. Se è una sua scelta, libera e consapevole, è giusta.

La Ratajkowski parla anche di sessualità femminile: la cultura contemporanea ha paura della donna e del potere della sua sessualità. Se la donna prende coscienza di questa cosa, diventa molto potente. Ecco perché la società maschilista cerca di far sentire in imbarazzo la donna, in modo da farle perdere potere.

Quasi 2 milioni di persone le hanno dato ragione mettendo un like alla sua foto da copertina pubblicata su Instagram. Anche i commenti sono tantissimi, quasi 66 mila e arrivano da ogni parte del mondo.

In realtà non tutti sono d’accordo con lei, che spesso ostenta la sua bellezza e la perfezione del suo corpo sui social trasmettendo impressioni che con il femminismo e la forza della donna hanno poco a che vedere. La cosa peggiore è che, come sempre accade, in tanti non hanno nemmeno letto il messaggio che accompagna l’immagine e nei commenti ironizzano sul fatto che si è dimenticata di depilarsi le ascelle, ma è comunque bellissima, come in ogni sua fotografia.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Laura Anna Gritti
Architetto di formazione montessoriana, classe 1980 e bergamasca DOC, preferisco scrivere piuttosto che parlare. Ottima ascoltatrice e pessima osservatrice, con i miei testi mi piace riportare in maniera comprensibile a tutti anche gli argomenti più complessi. Appassionata di edilizia tradizionale e di jazz, adoro scrivere di trash per aggiungere quel pizzico di cinismo che riporta con i piedi per terra anche i sognatori incalliti.
Leggi anche
  • ZumbaZumbaLa zumba è una nuova disciplina corporea, che è stata messa a punto negli anni novanta in Colombia, da un coreografo e ...