Come igienizzare le unghie combattendo virus e batteri: i consigli

Per la pulizia delle unghie vi affidate solo al lavaggio delle mani? Forse può non bastare, ecco come igienizzare le unghie eliminando i batteri.

Se la pulizia del corpo è estremamente necessaria, lo è ancora di più quella delle parti più esposte agli agenti esterni, tra cui le unghie. Spesso la cura delle unghie è ridotta a una semplice manicure dimenticando il fatto che queste sono di fatto un rifugio sicuro per virus e batteri. Vediamo alcuni consigli e metodi per un’adeguata pulizia.

Come igienizzare le unghie

Il tema della pulizia delle unghie è abbastanza sottovalutato: pensiero comune è che basti lavarsi bene le mani. In realtà per assicurarci un’igiene profonda anche di questa parte del corpo si possono seguire alcuni semplici consigli:

  • Proprio come siamo abituate ad una skin care per il nostro viso, così dovremmo avere una morning routine per le unghie. Appena sveglie, la prima cosa che possiamo fare è lavarci le mani, ancora meglio usando una spazzolina e un sapone disinfettante.
  • Buona abitudine è tenere le unghie corte. Tagliamo il bordo e limiamole ai lati per conferire loro una forma arrotondata. Una lunghezza ridotta aiuta a prevenire l’accumulo di batteri.
  • Appena rientrate a casa può essere utile igienizzare le unghie: perossido di idrogeno, noto come acqua ossigenata, o semplice acqua e limone, andranno benissimo per contribuire ad una pulizia più accurata di quella che farebbe un normale sapone.

Unghie ingiallite: i rimedi

Un problema comune è l’ingiallimento delle unghie, o Xantonichia. I motivi sono i più svariati ma di solito questo disturbo è indice di uno stile di vita poco sano e perciò sarebbe bene indagarne gli elementi scatenanti. Tra le cause possiamo trovare il fumo: tra gli innumerevoli disturbi che può dare c’è l’ingiallimento sia dei denti che delle unghie. Un altro fattore probabile è la carenza di vitamine e di sali minerali, che possiamo risolvere assumendo integratori specifici, fino ad arrivare anche a patologie più gravi.

Tra i rimedi consigliati c’è sicuramente adottare un corretto stile di vita evitando vizi dannosi per tutto l’organismo come il fumo e possibilmente assumendo una giusta dose quotidiana di vitamine e sali minerali. Se ciò non dovesse bastare si consiglia un trattamento a base di limone: tagliate un limone a metà e inserite le unghie all’interno della polpa per qualche minuto. La sua azione antibatterica andrà a eliminare l’eventuale presenza di micosi delle unghie, responsabile del loro ingiallimento. In alternativa si può utilizzare una soluzione di succo di limone, acqua e bicarbonato e, dopo averci immerso le unghie, massaggiarle con gel a base di aloe vera.

Onicofagia: come smettere

Un altro problema che affligge molte donne è la cattiva abitudine di mangiarsi le unghie: l’onicofagia. Non sapete come smettere? Il primo passo per risolvere un problema è averne la consapevolezza. Facendo questo avrete più il controllo sullo stimolo e potrete riuscire a dirottarlo altrove. Come? Masticando ad esempio un chewing-gum (meglio senza zucchero). Tenetele sempre a portata di mano in modo da iniziare a masticarle quando avvertite lo stimolo. Sopratutto in momenti di tensione. Saper gestire lo stress vi poterà benefici per tutto l’organismo.

Scritto da Evelyn Novello

Lascia un commento

Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com