Che cos’è una collezione cruise?

Tradotto “Collezione da Crociera”, all’inizio era una linea di moda ideata per la gente del jet-set che andava solitamente in crociera nel periodo invernale. Uscendo nei primi mesi freddi (novembre – dicembre), la linea cruise, di tutte le marche più prestigiose nel panorama mondiale, andava a soddisfare le esigenze delle più ricche signore.

Oggi è diventata semplicemente la collezione che anticipa quella di “primavera-estate”. Definita ormai “precollezione” oppure “resort”, la si vede in passerella già a maggio dell’anno precedente e compare nelle vetrine agli inizi della stagione fredda con i modelli che andranno di moda nei mesi caldi successivi.

Louis Vuitton, ad esempio, ha esordito lo scorso maggio a Monte Carlo, presentando la sua collezione cruise 2015 nel suggestivo Palace Square, dove avviene il famoso rituale del cambio della guardia.

Il legame tra la maison e la famiglia reale di Monaco, dura sin dal 1904, grazie ad un porta abiti in tessuto di coccodrillo e da allora non si è più sciolto.

Magliette traforate con cerchietti da cui si intravede la pelle nuda (quasi a richiamare le ciambelle di salvataggio – ndr); gonne morbide, di una lunghezza sobria, con fantasie che ricordano sommariamente le catene di ancoraggio navale; scarpe a decolté con punte, ma tacchi rettangolari e spessi, arricchite da un doppio giro di laccetti in pelle, ciascuno fermato con un grande bottone rotondo laterale.

Chanel invece sfila a Dubai, regalando atmosfere magiche medio-orientali con collane e bracciali intrecciati, color oro e rame; fermagli a mezzaluna; ampi pantaloni harem lavorati con pizzi e trasparenze; sandali rigorosamente bassi con fascette trasparenti oppure babouches nere: entrambi donano movenze leggere mantenendo la delicatezza femminile.

Dior, invece fa sfoggio di gonne portafoglio, svasate e lunghe fino al ginocchio, con top luminosi che ne risaltano la forma; spolverini che diventano ampi dopo l’abbottonatura, utilizzabili come vestiti in stile anni ‘50; stivaletti e tronchetti spuntati (neri o prevalentemente scuri): i primi, con laccetti chiari, annodati fin sopra la caviglia, mentre sui secondi, si innalza un foulard scuro e stretto, con fiocco laterale, che lascia scoperta la gamba dal polpaccio in su, slanciando la silhouette.

Non resta che aspettare la prossima primavera/estate per vedere se questa moda avrà preso piede o meno anche nella vostra città e magari prenderne spunto a prezzi nettamente più bassi.

Scritto da Anna Rita Di Lena
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • Miley CyrusMiley Cyrus: l’outfit più semplice diventa rock con gli accessori

    Miley Cyrus, classe 1992, è la regina assoluta della trasgressione. Icona fashion oltre che musicale, la cantante sfoggia accessori bold ed extra rock

  • Moda anni '60 tendenzeCome rendere contemporaneo un outfit anni ’60

    La moda è un cerchio di ispirazioni, di epoche e di stili che vanno e che vengono: la moda anni ’60 è tendenza fashion contemporanea

  • Alessandro Michele GucciAlessandro Michele lascia Gucci: gli abiti più iconici della sua era

    Un’era si è conclusa: Alessandro Michele lascia definitivamente Gucci dopo anni di successi e rivoluzioni e sono diversi gli abiti divenuti iconici

  • Alessandro MicheleAlessandro Michele: tutto sul famoso designer

    Alessandro Michele, visionario, rivoluzionario e da sempre appassionato di moda e del bello, dal 2015 è ufficialmente direttore creativo di Gucci

Contentsads.com