Cambiare il mondo con il baratto

In tempi duri come quelli che stiamo vivendo c’è una gran voglia di cambiamento.
Penserete: certo è vero, ma cambiare ricercando una migliore qualità della vita può costare molto ed in questa crisi economica dilagante come si fa?
Come cambiare senza spendere? Un modo c’è e si chiama BARATTO.

Il baratto ci insegna che dpende da noi rendere prezioso tutto ciò che ci circonda: le cose, il saper fare, un luogo.
Ecco i modi per cambiare il mondo con l’antica ed attualizzata tecnica del baratto:

  • Banche del tempo: ci si iscrive gratis e si partecipa alle attività dell’associazione offrendo e scambiando ciò che si sa fare.
  • People Supermarket, cooperative alimentari dove il conto alla cassa viene saldato da ore di lavoro.
  • Le reti di sostegno on line e non solo dove mammee papà scambiano vestitini, libri, giochi ed ore di babysitteraggio.
  • Scambio casa per una vacanza low cost.
  • Il car sharing dove chi ha un mezzo ditrasporto può condividerlo: si risparmia sui costi della benzina e si attua un gesto importante verso l’ambiente.
Scritto da Stefania Roin
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Come rassodare il seno

foresta tropicale: felini a rischio

Leggi anche
  • simboli contro violenza donneDalle scarpe rosse alla panchina: tutti i simboli contro la violenza sulle donne

    Dalle scarpe rosse alle panchine che colorano le piazze: ecco quali sono tutti i simboli più conosciuti contro la violenza sulle donne.

  • cosa significa demigirlCosa significa Demigirl e perché è importante saperlo

    Cosa significa essere Demigirl: la definizione e l’importanza di saper distinguere l’identità di genere dall’orientamento sessuale di una persona.

  • Giampiero Galeazzi malattiaGiampiero Galeazzi malato da tempo: “Non ho il Parkinson, ma il diabete”

    “Non ho il Parkinson, ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe”, aveva detto nel 2019 in una delle sue ultime apparizioni.

  • venezia top ginnastica ragazze 2Venezia, top di ginnastica vietato alle ragazze: “Distraggono i maschi”

    A Venezia ha fatto molto discutere la decisione di un’insegnante che ha vietato alle ragazze di indossare il top sportivo durante l’ora di ginnastica.

Contents.media