Mattel lancia sul mercato la Barbie con disabilità

In occasione dei suoi 60 anni, la Mattel lancia sul mercato una nuova serie di Barbie: quelle con disabilità

Barbie, la baby doll che ha accompagnato generazioni e generazioni di bambini, si appresta a festeggiare i 60 anni dalla sua nascita e, per l’occasione, Mattel ha deciso di lanciare sul mercato una serie di nuove Barbie con disabilità.

Come verrà accolta la novità? L’azienda che da sempre le produce crede che sia un passo necessario da fare per essere realmente al passo con i tempi e promuovere l’inclusione.

I primi 60 anni di Barbie

Barbie compie 60 anni. Detta così può sembrare una barzelletta, visto che la baby doll più amata di tutti i tempi è sempre bellissima, perfetta, senza rughe e senza neanche un minimo accenno ad una smagliatura.

Era il 9 marzo 1959 quando la Mattel lancia sul mercato una bambola fashion, facendo impazzire milioni di bambini, soprattutto quelli che non potevano permettersi un acquisto del genere e che aspettavano Natale o il compleanno per vedere realizzato il proprio desiderio. Il suo vero nome è Barbara Millicent Roberts ed è nata a Willow, nel Wisconsin. Barbie è stata e rimane la bambola più venduta al mondo e il prodotto di punta della Mattel.

Quella più venduta è stata la Totally Hair Barbie, uscita nel 1992, con capelli lunghi fino ai piedi e con la possibilità di farle le acconciature più disparate. Come se non bastasse, Barbie è stato anche il primo giocattolo ad avere una buona strategia di mercato alle spalle, basata soprattutto sulla pubblicità televisiva. Per molti anni, gli spot della fashion baby doll sono stati accompagnati dalla melodia di Georgy Girl, hit del gruppo musicale The Seekers. Ad oggi, si stima che siano state vendute oltre un miliardo di Barbie in almeno 150 nazioni, tanto che la Mattel ha dichiarato che ne vengono vendute tre al secondo. Nessun altra casa di produzione di giocattoli ha ottenuto un simile risultato e proprio per festeggiare questo importante traguardo, i ‘genitori’ di Barbie hanno pensato di adeguarsi ai tempi e di produrne una serie molto particolare.

La nuova Barbie con disabilità

Dal 1959 ad oggi sono cambiate molte cose e la Mattel ha pensato che per festeggiare i primi 60 anni della sua adorata Barbie, ci siano alcuni cambiamenti da apportare. Stravolgere la bambola di plastica è fuori discussione, per cui i vertici dell’azienda hanno pensato di lanciare una serie di bambole con disabilità. Una scelta che punta all’inclusività e che vuole mostrare ai bambini che anche su sedia a rotelle o con le protesi agli arti si può essere perfetti. Barbie infatti, con la sua ‘life in plastic’, è la fashion doll che da sempre insegna ai bambini che è possibile essere ciò che si vuole, dall’ingegnere robotico all’astronauta. Queste nuove Barbie saranno in vendita a partire da giugno e tra loro, oltre che alle “curvy doll”, vedremo corpi meno perfetti e dalle diverse carnagioni e colori di capelli, ma anche una fashion doll su sedia a rotelle e una con protesi alla gamba. Con questa nuova collezione, la Mattel vuole cercare di eliminare dall’infanzia ogni forma di pregiudizio. Curt Decker, il direttore esecutivo dell’americano National Disability Rights Network, ha affermato: “Un’icona del calibro di Barbie può palesare che ci sono diversi tipi di persone che possono essere attraenti e dare ispirazione per giocattoli con cui i bambini vogliono giocare”. La Mattel, per produrre la Barbie con le protesi, ha chiesto aiuto a Jordan Reeves, una 13enne attivista per i diritti dei disabili nata senza l’avambraccio sinistro e famosa per aver progettato una protesi unicorno che spara glitter. Per quanto riguarda invece la creazione della Barbie su sedia a rotelle, già tra le più richieste, la casa di produzione di giocattoli più famosa al mondo ha lavorato fianco a fianco dell’ospedale pediatrico di Los Angeles UCLA Mattel Children’s. La Mattel ci ha tenuto a specificare che queste nuove Barbie sono solo l’inizio di un percorso importante che hanno deciso di intraprendere e che a breve ci sarà il lancio sul mercato delle case di Barbie create ad hoc proprio per la nuove fashion doll affette da disabilità. Un passo importante, che sicuramente verrà accettato dai fan della Barbie con molto entusiasmo.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Gucci vende scarpe sporche per 690 Euro

Soleil Sorge, chi è la naufraga dell’Isola dei famosi

Leggi anche
  • schwa cos'èCos’è lo schwa, il simbolo del linguaggio inclusivo

    Dall’Alfabeto Fonetico Internazionale si fa strada l’uso sempre più frequente dello schwa, una vocale neutra per indicare un gruppo misto di persone.

  • svizzera matrimonio gayLa Svizzera legalizza il matrimonio gay

    Un momento storico per la Svizzera, che dopo un lungo iter in Parlamento e un referendum approva le nozze omosessuali.

  • 11 settembre 202111 settembre 2001 – 11 settembre 2021: una tragedia mai finita

    11 settembre 2001 – 11 settembre 2021: ripercorriamo le tappe di una tragedia mai finita.

  • legge aborto texas nazioni uniteTexas, la legge anti-aborto condannata dalle Nazioni Unite

    Continuano le proteste per la legge anti aborto del Texas approvata dalla Corte Suprema: arriva anche la condanna delle Nazioni Unite.

Contents.media