Aceto di mele: cos’è, a cosa serve e come si consuma

L'aceto di mele è un prodotto utilizzato in molti campi: dalla cura dei capelli alla pelle alla cucina, per combattere la cellulite e per dimagrire.

L’aceto di mele è un alimento sempre più presente sulle nostre tavole, anche grazie soprattutto al suo gusto dolce e per questo diverso dall’aceto di vino o da quello balsamico. Questo prodotto è utile in cucina o in altri ambiti, ma è anche ricco di tantissime proprietà che possono solo fare bene a noi e al nostro organismo.

E’ un tipo di prodotto che si può usare in vari ambiti: dalla cucina, come condimento, sino a prodotto detergente per il viso o per i capelli ed è un ottimo alleato nella dieta, in quanto aiuta a dimagrire. Ecco a cosa serve questo alimento e come consumarlo.

Aceto di mele

L’aceto di mele si chiama in questo modo proprio perché si ottiene dalla fermentazione del sidro di mele. Lo zucchero viene usato per i batteri e i lieviti, per poi dissolversi in alcool e poi in aceto.

Il colore di questo alimento è giallo ed è venduto filtrato. Rispetto all’aceto di vino, è meno acido e viene usato spesso in cucina per condire insalate e piatti con verdure. E’ un tipo di alimento ricco di potassio, sodio, calcio, magnesio e beta carotene. Oltre a questi elementi, possiede le vitamine A, B1, B2, B6, C ed E, l’acido acetico, altri acidi della frutta e la pectina.

Lo stesso Ippocrate, padre della medicina, ne faceva largo uso, se ne serviva infatti per combattere la cattiva digestione e come rimedio per la tosse.

Nel 1958, uno studioso americano, ovvero DC Jarvis, ne studiò le proprietà ed i benefici, in un libro dal titolo “Guida per la buona salute di un medico del Vermont”. E’ un alimento che è sempre stato utilizzato, sin dalla storia antica: sia in Mesopotamia che in Cina, infatti, veniva usato come ottimo rimedio naturale.

E’ un ottimo antiossidante e viene consumato molto nelle diete, in quanto ogni cucchiaio di questo alimento contiene solo 3 calorie. E’ un tipo di prodotto che si può anche fare in casa. Gli ingredienti necessari per preparare l’aceto di mele sono pochi e facilmente reperibili e sono: mele biologiche, acqua e tanta pazienza, per via del lungo periodo di fermentazione a cui è sottoposto prima di poterlo imbottigliare e usarlo poi nel modo migliore.

A cosa serve

L’aceto di mele è utile in tantissimi ambiti e campi; vediamone alcuni. E’ un prodotto che viene utilizzati in moltissimi modi. Si può usare come disinfettante e purificante in quanto aiuta a liberare il fegato e l’intestino dalle tossine. E’ perfetto in una dieta nel caso si volesse perdere peso, anche per via delle poche calorie in esso contenute. In caso di problemi di colesterolo, aiuta ad abbassarne il livello nel sangue.

Le proprietà dell’aceto di mele sono ottime anche nel PH del sangue in quanto permette di riequilibrarlo. E’ un alimento ricco di potassio, quindi è utile per donare più luminosità alla pelle ed aiuta a combattere l’acne e le allergie. Ottimo per l’influenza, l’artrite, il diabete e anche altri problemi di salute.

E’ molto usato nell’ambito della cosmesi, per prendersi cura della pelle e dei capelli. Per quanto riguarda i capelli, basterà versarne un cucchiaio mentre si lavano e questo gli donerà più forza e lucentezza. Dato che si tratta di un alimento ricco di sali minerali, questa proprietà aiuta i capelli a risultare più sani e non rischiare di perderli. Se si hanno problemi di forfora, l’aceto di mele è considerato un ottimo rimedio per combatterla.

Se sei a dieta, è un ottimo alleato, in quanto favorisce la pancia piatta ed elimina la cellulite. Basterà consumarne uno o due cucchiai prima di ogni pasto per perdere con maggiore facilità i chili in più. Un ottimo rimedio per combattere la cellulite è anche quello di bere tantissima acqua, alla quale mescolare due cucchiai di aceto di mele oppure bere un bicchiere di acqua tiepida al mattino, insieme all’aceto di male e al miele per una decina di giorni, per stare subito meglio.

Come consumarlo

L’aceto di mele è un alimento che viene utilizzato molto sopratutto in cucina: vediamo come consumarlo. In cucina puoi usarlo come condimento, per insalate e verdure. Lo puoi usare come sostituto del limone o di altri tipi di aceto, come quello balsamico. Condire l’insalata o altre verdure con l’aceto di male ti aiuterà a sgonfiare la pancia e a farti sentire leggera. Se devi marinare del pesce o qualsiasi altro alimento, è davvero ottimo. Se ami fare i dolci, è l’ideale in quanto favorisce la lievitazione delle torte. Se sei vegana, è ottimo in quanto in alcuni dolci può sostituire l’uovo ed essere utilizzato nella preparazione di biscotti e torte.

Se vuoi ottenere maggiori benefici, sarebbe utile usarlo come condimento nei pasti. Puoi anche berne un po’ versando il cucchiaio in un bicchiere di acqua o in succo di frutta, per sentirti bene e in forma. Nei dolci, rende morbide le torte e i muffin. Per via dell’aiuto alla cagliatura del latte, è ottimo per preparare il tofu in casa.

Scritto da Simona Bernini
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Belen incinta del secondo bebé? Il pancino a Tu Si que Vales

Maschicidio: quando è la donna il carnefice

Leggi anche
  • Effetti dell'allenamento sul corpo: dopo quanto tempo si vedono?Effetti dell’allenamento sul corpo: dopo quanto tempo si vedono?

    Se hai deciso di rimetterti in forma e magari non hai ancora visto i primi effetti dell’allenamento sul corpo, non temere: questa è la spiegazione.

  • Non indossare il reggiseno fa beneNon indossare il reggiseno fa bene: il perché spiegato dalla scienza

    La scienza, ormai da tempo, ha sfatato un altro mito: non indossare il reggiseno fa bene, anche se ci sono alcune eccezioni da considerare.

  • -Aloe Ferox htf: recensione sul miglior integratore

    Aloe Ferox è l’integratore ideale per riuscire a dimagrire in modo sano e naturale senza controindicazioni.

  • slim jegginsSlim Jeggins: recensione sui migliori jeggings snellenti

    I Slim Jeggins sono i pantaloni ideale in quanto modellano il fisico nascondendo i rotolini e gli inestetismi.

Contents.media