Trieste dice no alla violenza sulle donne, ecco il muro delle bambole

Costruito anche a Trieste il "Muro delle bambole" contro la violenza sulle donne, è stato inaugurato ieri 13 dicembre a Villa Bazzoni.

Nato come installazione artistica a Milano, è divenuto subito simbolo contro la violenza di genere. Si tratta del muro delle bambole, o wall of dolls, costruito in diverse città italiane e da ieri 13 dicembre anche a Trieste, all’ingresso di Villa Bazzoni.

Presenti all’evento l’assessore alle Pari Opportunità Francesca De Santis e le ideatrici Elisabetta Maresio e Jo Squillo.

Trieste, costruito il Muro della bambole

Il progetto di “Wall of dolls” nasce come opera di strada a Milano nel 2014 da un’idea della cantante Jo Squillo. Si tratta di una griglia appesa ad un muro cittadino su cui affiggere foto di alcune delle vittime e bambole in stoffa, sul modello delle classiche pigotte.

Alla sua realizzazione avevano partecipato 50 stilisti, 20 artisti e 30 associazioni no profit e l’obiettivo comune era quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla violenza contro le donne lanciando al tempo stesso un appello alle istituzioni. Da lì in poi i “muri delle bambole” sono apparsi in diverse città italiane, tra quelli più noti c’è quello inaugurato da Donatella Versace a Venezia nel 2019.

Dal 13 dicembre 2020 anche Trieste ha un wall of dolls sulle mura di Villa Bazzoni in Via Navali 9, nel quartiere di San Vito, grazie alla collaborazione dell’Onlus Wall of Dolls e parallelamente delle associazioni e realtà locali.

Presenti all’evento l’assessore alle Pari Opportunità, Grandi eventi, Giovani e Innovazione Francesca De Santis e l’ideatrice Elisabetta Maresio. Jo Squillo in collegamento web ha commentato: “Ringrazio le associazioni e l’Assessore De Santi. Il muro delle bambole in questi anni ha fatto il giro del mondo. La volontà è quella di creare dei punti di presidio nelle vie per cercare di cambiare questo fenomeno attraverso l’arte”.

“La violenza verso le donne è una piaga sociale che va contrasta in ogni modo, come amministrazione comunale stiamo cercando di contrastare tale fenomeno divulgando quotidianamente messaggi di contrasto, sensibilizzazione e campagne informative in merito e questo progetto rientra proprio in quest’ottica, cercare di contrastare il fenomeno e divulgare la cultura del rispetto nella nostra città!” ha dichiarato l‘assessore De Santis, che poco dopo ha appeso anche la sua bambola, simbolo di tutte le bambine vittime di violenza.

Leggi anche: Violenza donne 2020, i dati non sono incoraggianti

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Parigi, il Comune ha assunto troppe donne: costretto a pagare la multa

Come ricevere il regalo di Natale desiderato: i consigli

Leggi anche
  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

  • mamme donne realizzateNon è vero che le donne si sentono realizzate solo con la maternità

    Le donne solo se mamme, secondo l’opinabile parere dell’europarlamentare Antonio Tajani, acquisirebbero la loro realizzazione.

  • astrazeneca donneAstrazeneca, Antonella Viola: “Non per le donne sotto i 60 anni, è rischioso”

    Il dibattito sulla differenza di genere rimane aperto anche in tema vaccini dopo il parere dell’immunologa Antonella Viola secondo cui Astrazeneca non andrebbe somministrato sulle donne al di sotto dei sessant’anni.

Contents.media