Notizie.it logo

Selvaggia Lucarelli vs mamma Diletta Leotta: “Scemenze imbarazzanti”

selvaggia lucarelli

Selvaggia Lucarelli, attraverso Facebook, si è scagliata contro la mamma di Diletta Leotta.

Selvaggia Lucarelli si è scagliata contro la mamma di Diletta Leotta, ‘colpevole’ di aver difeso la figlia dalle critiche che il suo monologo sanremese ha scatenato. La signora Ofelia ha scritto un post rivolto a tutte le persone che hanno attaccato la pargoletta e, a quanto pare, la giornalista de Il Fatto Quotidiano si è sentita chiamata in causa.

Selvaggia Lucarelli vs mamma Leotta

Selvaggia Lucarelli ha scritto un post Facebook dedicato alla mamma di Diletta Leotta, con tanto di fotografia di ‘famiglia’. Le due donne potrebbero non avere nulla di cui parlare, ma cerchiamo di procedere con ordine. La conduttrice sportiva, scelta da Amadeus come valletta del 70° Festival di Sanremo, ha portato sul palco dell’Ariston un monologo sulla bellezza che ha suscitato numerose critiche.

Da Francesca Barra a Monica Leofreddi, passando per la Lucarelli: sono state molte le Vip che si sono scagliate contro Diletta. Selvaggia, nello specifico, oltre a darle un bel3 in ‘pagella’ ha scritto: “(…) Il vero problema sono stati tutti i siparietti di ieri sera, da quelli calcistici a quello, catastrofico, del monologo sulla bellezza. Che voglio dire, era pure un’idea centrata, ma solo se avesse detto non ‘La bellezza capita’, bensì ‘Mi capita spesso di incontrare Giacomo Urtis‘. (…) Quel far finta di accettare la bellezza come un dono piovuto dal cielo, quel suo fingere di abbracciare l’idea delle rughe con amore, quando è evidente che questa alla prima ruga tira un urlo che crepa lo specchio, sono scenette che non hanno convinto manco la nonna seduta in platea.

Nonna, per giunta, con i lineamenti così tirati da insinuare in tutti noi il sospetto che quella rigidità d’espressione non fosse tanto imbarazzo, no, ma l’accettare le rughe almeno quanto la nipote”. Insomma, Selvaggia non c’è andata leggera e, dopo aver visto che la mamma della Leotta si è risentita per le critiche, ha rincarato la dose.

L’attacco di Selvaggia

La Lucarelli, attraverso il suo profilo Facebook, ha scritto: “Leggo che la madre della Leotta è indignata per le critiche delle donne alla figlia, critiche per giunta legittime alle scemenze imbarazzanti dette sul palco e non alla Leotta in sè, affermando che ‘le donne sono le peggiori’. Al di là del fatto che le critiche sono state piuttosto trasversali, peccato che la signora, così come la figlia, non abbia mai speso una parola per le schifezze che gli uomini peggiori scrivono sotto le foto di Diletta.

O forse, e qui sta il dramma, quelli per lei sono apprezzamenti”. La signora Ofelia, dopo che Diletta è finita al centro delle polemiche, ha scritto via social: “Come al solito siamo proprio noi donne le peggiori odiatrici, le peggiori nemiche di noi stesse, ci facciamo prendere non so da cosa. Il monologo di Diletta voleva essere un inno ironico rivolto a tutti, specialmente alle giovani donne, alle ragazze, per spronarle a studiare a fare sacrifici pur di realizzare i propri sogni. Una grande delusione assistere agli attacchi di donne, giornaliste e donne dello spettacolo. (…) Tiriamo fuori bassezze come il rifarsi, la chirurgia, cattiverie da peggiori hacker, forse così si tira fuori la propria insoddisfazione, la propria rabbia, con cattiveria, cattiveria rivolta anche contro mia madre, una nonna che ha amato la famiglia”.

Questa diatriba si placherà? Molto probabilmente, visto che il 70° Festival di Sanremo si è concluso con la vittoria di Diodato, anche le varie polemiche finiranno pian piano nel dimenticatoio. Ovviamente, questo non sarà il destino del Morgan-Bugo Gate destinato a prendere il posto di Pratiful.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Fabrizia Volponi
Fabrizia Volponi nata ad Ascoli Piceno nel 1985. Laureata in "Scienze Storiche" e in "Scienze Religiose", sono da sempre appassionata di lettura e di scrittura. Divoro libri e li recensisco sul mio Blog Libri: medicina per il cuore e per la mente. Lasciatemi in una libreria, possibilmente piccolina e vintage, e sono la donna più contenta del mondo.
Leggi anche
Leggi anche