S.O.S. tata, quando il reality dà il buon esempio

Ormai "reality" è diventato quasi un sinonimo di televisione spazzatura e c'è poco da prendersela con i pregiudizi: dopo anni di Grande fratello, Isola dei famosi e La Talpa appare un'impresa disperata far cambiare idea al telespettatore minimamente consapevole. Eppure invece esistono anche dei reality di qualità, seppure sui generis, come questo Sos tata che va in onda da qualche anno sui canali della Fox e poi, in seconda visione, su La 7.

Le protagoniste del programma sono, appunto, tre tate, tre esperte educatrici, che vengono chiamate da genitori disperati a mettere pace e ordine negli inferni domestici in cui questi ultimi si sono cacciati. Gli spaccati di vita famigliare italiana che vengono fuori risultano a volte più terrorizzanti delle prove estreme dei reality più sadici: padri assenti, madri distratte e soprattutto bambini che saltano pranzi e cene, che mangiano solo schifezze, che si rifiutano di fare i compiti, che guardano ore e ore la tv da soli e che mandano senza tanti problemi al diavolo papà e mamma ai quali, sembra, non riconoscono un briciolo di autorità.

Le tate però sono bravissime e di solito, in soli sette giorni, riescono a riportare un po' di pace e tranquillità nella vita di queste famiglie. Come? In genere dando semplici suggerimenti basati sul buon senso: si pranza e si cena tutti insieme e con la televisione rigorosamente spenta, si cerca di passare del tempo di qualità insieme ogni volta che si presenta l'occasione, si stabiliscono delle regole che devono valere per tutti e che i genitori devono far rispettare e via di seguito.

Nulla di straordinario, ma per dei genitori che appaiono privi di qualsiasi capacità pedagogica è già tantissimo.

Alla fine è probabile che il montaggio televisivo esageri la portata dell'happy end e i benefici dell'intervento delle tate e che i protagonisti, genitori e bambini, si sforzino di migliorare e di seguire le indicazioni delle educatrici giusto perché ci sono le telecamere e sanno di finire in televisione. In fondo, nel nostro tempo è difficile trovare qualcuno che possa godere di maggiore considerazione e autorità dell'obiettivo di una telecamera. Ma se anche fosse così, e se anche una volta partita la tata tutto in quelle famiglie tornasse come prima, il programma resta comunque un felice esperimento televisivo, che comunica esempi positivi a chi lo guarda. E queste tate sembrano così brave che verrebbe voglia di inserirle in qualche programma di assistenza sociale, chissà se Tremonti riuscirebbe a trovare i soldi!

(Nella foto: le tre super tate protagoniste della trasmissione).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Nina Senicar e Marco Borriello: flirt tra l’ex di Belen Rodriguez e la naufraga dell’Isola dei famosi

Invictus da oggi nelle sale italiane: Rugby 1823 lo promuove

Leggi anche
  • Cornelia Jakobs chi èChi è Cornelia Jakobs: la cantante svedese dell’Eurovision 2022

    Tutto quello che sappiamo su Cornelia Jakobs, la cantante svedese che parteciperà all’Eurovision Song Contest 2022 con il suo brano Hold Me Closer.

  • mara carfagna chi èChi è Mara Carfagna: vita privata e curiosità sulla ministra

    Laureata in Giurisprudenza, sesto posto a Miss Italia, alle spalle una legge contro lo stalking: la carriera della Ministra per il Sud Mara Carfagna.

  • Recensione nuovo film "Animali Fantastici - I segreti di Silente"Recensione del nuovo film “Animali Fantastici – I segreti di Silente”

    “Animali Fantastici – I segreti di Silente”, nuovo film intenso e sempre sul filo del rasoio, concentra l’attenzione sui tragici intrecci di Albus Silente.

  • freaks outFreaks Out: trama e cast del film

    Freaks Out è un film del 2021 dai grandiosi effetti speciali e con un grande cast, la cui trama ha tocchi di fantasy e dramma.

Contents.media