Olio di calendula fai da te: il procedimento per farlo a casa

L'olio di calendula è ricchissimo di proprietà e si presta a molti usi, lo si può preparare anche a casa seguendo questi passaggi.

L’olio di calendula si presta a moltissimi usi. Il suo beneficio principale è a livello cutaneo perché ristabilisce le condizioni normali della pelle quando è soggetta a irritazioni, screpolature o arrossamenti. Avere sempre in casa quest’olio può essere utile ma non è necessario comprarlo, lo si può fare da soli seguendo questi semplici passaggi.

Olio di calendula fai da te

Come abbiamo detto, l’olio di calendula è indicato ogni volta che si rende necessario ristabilire le normali condizioni fisiologiche della pelle. Quest’olio gode di proprietà cicatrizzanti e lenitive, è un ottimo calmante e svolge funzioni antiarrossanti, antinfiammatorie e idratanti. I suoi usi pertanto, sono molteplici, e può anche essere utilizzato per ridurre i sintomi provocati da scottature, dermatiti, reazioni allergiche o punture di insetto, come prurito, fastidio e bruciore.

Inoltre, l’olio di calendula è così delicato e ben tollerato da poter essere impiegato anche sulla pelle dei bambini per prevenire e contrastare le irritazioni da pannolino. Accelera anche la guarigione delle ferite e, per tale ragione, il suo utilizzo si rivela di grande aiuto nel trattamento di ulcere e ragadi.

Ingredienti e procedimento

Si può preparare questo oleolito anche a casa e, come prima cosa, devi scegliere l’olio vegetale in base al tuo tipo di pelle.

Ad esempio puoi optare per l’olio di jojoba se hai la pelle grassa o impura, l’olio di avocado o di mandorla per la pelle secca, l’olio di germe di grano per una pelle molto giovane o l’olio di rosa mosqueta per le pelli più mature.

Fatto questo, quello che ti occorrerà è 500 ml dell’olio vegetale scelto, 100 gr di fiori essiccati di calendula, un barattolo di vetro, una bottiglia di vetro scuro e un telo. Ecco il procedimento:

  • Prendi il barattolo di vetro e mettici dentro i fiori di calendula secchi, è importante che i fiori siano ben essiccati per evitare la formazione di muffe e l’irrancidimento dell’olio;
  • Versaci sopra l’olio vegetale scelto e mescola schiacciando bene i fiori per immergerli completamente nell’olio;
  • Chiudi il barattolo. Se fai questo procedimento in estate esponilo al sole per 20 giorni, se invece è inverno metti il barattolo in un luogo caldo ma non direttamente sulla fonte di calore;
  • Ogni giorno agita il barattolo per evitare la formazione di muffe e permettere ai fiori di calendula di rilasciare le loro preziose sostanze nutritive;
  • Trascorso il periodo indicato, utilizza un telo di cotone per filtrare l’olio, che puoi ricavare ad esempio da un vecchio lenzuolo, e strizza bene il tessuto in modo da far fuoriuscire anche il residuo;
  • Versa l’olio in una bottiglia di vetro scuro provvista di tappo.

L’oleolito di calendula realizzato con questo procedimento si conserva per 8 mesi in un luogo fresco e buio, ad esempio in un mobiletto. Va conservato in una bottiglia di vetro scuro per preservarlo dalla luce. Puoi utilizzarlo direttamente sulla pelle o come ingrediente per preparare creme, detergenti e oli profumati da massaggio.

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Allenamento in bicicletta: come fare e i benefici

Chi era Evita Peron: vita e curiosità dell’ex First Lady argentina

Leggi anche
  • ritenzione idrica rimediI rimedi contro la ritenzione idrica: dall’alimentazione ai trattamenti

    La ritenzione idrica è davvero fastidiosa e in alcuni casi anche debilitante. Ecco quindi quali sono tutti i rimedi dall’alimentazione ai trattamenti.

  • botox capelliBotox per capelli, il trattamento ringiovanente per la nostra chioma

    Botox anche per i capelli? Ma non è come sembra. Ecco tutto quello che sappiamo sul trattamento ringiovanente dedicato esclusivamente alla nostra chioma.

  • make up natale filmMake up per Natale: lasciatevi ispirare da quelli sfoggiati dei film

    Make up per Natale? I più belli si ispirano a quelli sfoggiati dalle protagoniste dei film e non sono neanche difficili da replicare! Ecco alcuni esempi.

  • come fare treccia alla franceseCome fare la treccia alla francese: tutorial e consigli di stile

    Sentite il bisogno di un look diverso ma non volete cambiare i vostri capelli? La treccia alla francese può essere la giusta soluzione! Ecco come farla.

Contents.media