La dieta mayo: come funziona e su che principi si basa

La dieta Mayo si basa su alcuni principi e regole tipiche. Vediamo quali sono e come funziona questa particolare dieta.

In prossimità delle vacanze o per perdere quei tre o quattro chili in eccesso, si tende a cercare diete che siano rapidi ed efficaci. Si cercano diete che permettano di farci perdere peso in poco tempo. Una di queste diete è appunto la dieta Mayo.

Un regime alimentare ipocalorico in quanto permette di perdere circa 7 chili in due settimane.
In questa guida cercheremo di analizzare e di scoprire tutto quello che c’è da sapere riguardo la dieta Mayo, compreso come funziona e quali sono i principi su cui si basa. Molto probabilmente, dopo averne sentito parlare, vorrai cominciarla immediatamente per verificare da subito i risultati.

Dieta Mayo

La dieta Mayo comporta pochissime calorie e fornisce un apporto di energia considerato molto basso.

Un apporto di energia basso porta il nostro corpo ad avere problemi e a creare danni all’organismo. Una dieta di questo tipo non va seguita oltre le due settimane. Gli alimenti che si possono consumare in una dieta di questo tipo sono davvero pochi. L’apporto calorico giornaliero equivale a circa 800-1000 calorie, un numero veramente minimo.

Siccome è una dieta molto rigida, si consiglia di seguirla a chi è davvero determinato e non si scoraggia.

Sarebbe meglio essere seguiti da un medico nel caso si decidessi di cominciare una dieta di questo tipo. Un medico potrebbe aiutare a tenere sotto controllo alcuni valori che possono risultare alterati con questa dieta. Non è una dieta equilibrata e i medici non la consigliano proprio per i molti rischi a cui è sottoposto il corpo. I carboidrati sono eccessivi e i grassi non sono sufficienti e comporta un aumento del colesterolo. >

Un regime di questo tipo comporta una rapidità nel perdere peso, ma non è consigliata per una serie di problemi che arreca. Si possono perdere fino a 12 kg in poco tempo. Va seguita per 14 giorni, di cui due giorni sono dedicati al riposo.

Storia

La dieta Mayo nasce tantissimi anni fa. Nasce durante gli anni 40. Lungo il corso del tempo, ha subito delle modifiche per poi essere stata messa a punto e diventata molto popolare e conosciuta negli anni 80. Non si sa nulla dell’origine e del nome di questa dieta. Molti l’hanno associata alla clinica americana, ovvero la Mayo Clinic di Rochester, ma non c’è nessun collegamento tra le due. La Mayo Clinic di Rochester ha pensato a una dieta che porta lo stesso nome, ma non ci sono nessi con il nome della dieta. Molti siti inglesi chiamano la clinica Real Mayo Clinic Diet, proprio per evitare di confonderla con la dieta Mayo. La dieta della Mayo Clinic si basa su un modello a piramide alimentare che non ha nessun nesso con la dieta Mayo.

In questo tipo di dieta si tende a privilegiare e a mettere in evidenza tre alimenti: il pompelmo, le uova e la carne.

Come funziona

La dieta Mayo non è sicuramente considerata l’ideale per dimagrire. E’ una dieta molto rigida e monotona in quanto gli alimenti da consumare sono davvero limitati. Gli alimenti che si possono consumare in una dieta di questo tipo sono veramente minimi. Si possono consumare alimenti come il pompelmo o il succo, le uova, la carne e la pancetta, ma solo a colazione. Altri alimenti da consumare in una dieta di questo tipo sono le insalate, anche se le patate e alcune verdure non si possono mangiare. Sono vietati i cereali, il pane e i legumi. E’ una dieta ricca di proteine, quindi iperproteica e anche definita dieta dell’astronauta. E’ un regime alimentare dove sono banditi i formaggi e tutti i derivati dei latticini.

Non vi sono porzioni, quindi puoi mangiare fino a quando vuoi e fino a quando non ti senti sazio. In questo regime alimentare vi sono 12 giorni di dieta e i restanti due giorni sono dedicati al riposo. Nei due giorni di riposo, che di solito coincidono con la domenica, si può mangiare quello che si vuole. I 12 giorni di dieta sono utili solo per ottenere il peso desiderato. Non vi è una dieta di mantenimento, che permetta di mantenere i chili persi, ma si ricomincia con la solita dieta e i soliti alimenti.

E’ un tipo di regime in cui le uova sono l’alimento principale. In una dieta di questo tipo puoi mangiare fino a sei uova al giorno. Le uova sono ottime in quanto ricche di proteine e sono poco caloriche e aiutano a saziarti. Nel caso non fossi amante delle uova, puoi sostituirle con del pesce o della carne, cucinati alla griglia o bolliti.

La frutta e la verdura sono limitate. Per quanto riguarda la frutta, puoi consumare solo il pompelmo, mentre per la verdura sono consentiti cetrioli, spinaci, sedano, lattuga, pomodori e zucchine. I farinacei non si possono mangiare, ma puoi consumare una fetta biscottata o di pane. Sì a bevande come acqua, tè, tisane, ecc. No agli alcolici e alle bevande zuccherose.

Scritto da Simona Bernini
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Gf Vip: Daniele Bossari rientra nella casa, spiega tutto ai compagni

Quanti passi bisogna fare al giorno per essere in forma

Leggi anche
  • dieta del rientro dalle vacanzeCome tornare in forma con la dieta del rientro dalle vacanze

    Perdere peso dopo le vacanze non deve essere un dramma: poche semplici e sane abitudini che vi aiuteranno a ritrovare il vostro peso forma ideale.

  • marilyn monroe dietaLa dieta di Marilyn Monroe: tutto sulle abitudini alimentari dell’attrice

    Sono tornati all’asta i ricettari appartenuti a Marilyn Monroe. Al loro interno bigliettini contenenti appunti, ricette e la rigorosa dieta della diva.

  • jennifer aniston dietaJennifer Aniston cambia dieta: ammessi di nuovo i carboidrati

    Bellissima anche dopo i 50 anni, ha deciso di non fare più rinunce. Jennifer Aniston cambia dieta, ma non il suo stile di vita sano ed equilibrato.

  • dieta omad come funzionaDieta Omad: come funziona, quali sono i benefici e le controindicazioni

    La dieta Omad consiste nel digiuno ad intermittenza, programmato secondo schemi precisi. Scopriamo insieme come funziona e quali sono i suoi effetti.

Contents.media