Kim Kardashian, Lady Gaga, Alicia Keys e tanti altri: via da Facebook e Twitter per la lotta all’Aids

Keep a Child Alive. Ogni 1 dicembre si celebra la Giornata mondiale della lotta all’Aids, che quest’anno si arricchisce con un’iniziativa curiosa e al tempo stesso significativa. Star di tutto il mondo che muoiono per beneficenza.

L’iniziativa è stata lanciata da Alicia Keys, che resterà offline da Facebook e Twitter per sostenere l’associazione da lei fondata, Keep a Child Alive.

I suoi profili resteranno disattivati finché non sarà raggiunta la somma di 1 milione di dollari.

Alla morte digitale benefica si sono già aggiunte numerose star della musica e non solo: fra questi Lady Gaga, Kim Kardashian, Justin Timberlake, Justin Bieber e il rapper Usher, la tennista Serena Williams e gli attori Elijah Wood e Jennifer Hudson.

E’ la stessa Alicia Keys a spiegare il messaggio dell’iniziativa: «Cerchiamo di dire alla gente una cosa semplice: perché vi addolorate tanto per la morte di una persona famosa, mentre non vi commuovete per milioni e milioni di persone che muoiono ogni anno?».

Qui sotto alcune foto dei personaggi citati (clicca sulle immagini per ingrandirlefoto Lapresse).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com