Harry: cos’è l’anello nero che porta sempre all’anulare?

Abbiamo scoperto cos'è il misterioso anello che Harry porta sempre all'anulare. Non si tratta di un vero e proprio monile ma tutt'altro.

Qualche giorno fa abbiamo parlato del braccialetto che Harry d’Inghilterra porta sempre al polso. Ora è la volta del misterioso anello nero, che ha all’anulare e che è stato notato da tantissimi seguaci della famiglia reale. Cos’è quell’anello? Si è ipotizzato di tutto: chi dice sia un pegno d’amore da parte di Meghan, di parla di un ricordo di Lady Diana, chi ipotizza un regalo della Regina in persona.

Niente di tutto questo!

L’anello nero di Harry

In realtà, l’anello nero di Harry non è nemmeno un gioiello. Si tratta di un dispositivo elettronico, una specie di fit-watch prodotto da una start up, che lo ha immesso sul mercato da poco. Harry, evidentemente, tiene alla sua salute e desidera monitorare ogni giorno il suo livello di attività fisica e la sua attività cardiaca. Sì, perché è questo ciò che fa questo misterioso anello nero sul quale tutti hanno detto la loro, senza mai indovinare.

Un gioiellino sì, ma di tecnologia innovativa.

Il fit-anello

Conosciamo tutti i fit-watch e molti di noi li usano quotidianamente. Si tratta di bracciali, che fungono anche da orologio, che monitorano diverse funzioni vitali. Servono per ottimizzare gli allenamenti fitness, per calcolare quanti passi si fanno ogni giorno, quante calorie si bruciano, come funziona il battito cardiaco e la frequenza respiratoria. Apparecchi innovativi e molto utili, soprattutto per gli appassionati di palestra o per chi ama controllare costantemente la propria forma fisica.

L’anellino di Harry fa esattamente questo. E’ un modello nuovo e innovativo di dispositivo fit, ideato e realizzato da una start up finlandese che si chiama Oura. Più piccolo, più pratico, più comodo. Harry, evidentemente, si è fatto conquistare e lo indossa ogni giorno.

Tante congetture per nulla

Sull’anello si era detto un po’ di tutto. In effetti non era facile capire cosa fosse, visto che il fit-anello non si era mai visto fin’ora. Qualcuno pensava fosse un dono della sua splendida neo-moglie, attualmente in attesa di un bambino, altri addirittura avevano correlato questo gioiello alla mamma Diana. Invece nulla di tutto ciò. L’atletico Harry vuole semplicemente sincerarsi di aver svolto ogni giorno un’adeguata attività fisica a tenersi in forma. Tutto qui.

Il bracciale: altra storia

Nei giorni scorsi c’è stato un altro accessorio di Harry che aveva catturato l’attenzione del pubblico. Parliamo del famoso braccialetto di stampo etnico, che porta sempre al polso. In questo caso invece, la storia commovente c’è eccome. Questo braccialetto, di poco valore, è un ricordo di un viaggio in Africa fatto con il padre Carlo d’Inghilterra, poco dopo la scomparsa di Lady Diana. Ai tempi Harry era solo un bambino e si affezionò immensamente a questo gingillo che, tutt’oggi, porta sempre e da cui non si separa mai. Niente a che vedere, insomma, con il tecnologico anellino conta-passi, che è tutt’altra storia.

Scritto da Maria Monaco
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Costantino Vitagliano a Uomini e Donne? É Maria che lo vuole

Giancarlo Magalli contro Del Noce: “Ne ha combinate tante”

Leggi anche
  • Chi era James Matthew BarrieChi era James Matthew Barrie: tutto sul padre di Peter Pan

    James Matthew Barrie si è fatto conoscere per aver scritto uno dei romanzi più amati di sempre: Peter e Wendy.

  • Chi era Saul BassChi era Saul Bass: vita dell’illustratore statunitense

    Resosi famoso per i suoi poster cinematografici, Saul Bass ha attuato una vera e propria rivoluzione del cinema in questo settore.

  • Chi era Paul GauguinChi era Paul Gauguin: storia del pittore francese

    Conosciuto oggi specialmente per le opere realizzate negli ultimi anni della sua vita in Polinesia, Paul Gauguin è uno dei pittori francesi più amati.

  • Chi era Eadweard MuybridgeChi era Eadweard Muybridge: tutto sul fotografo inglese

    Eadweard Muybridge è stato una mente fondamentale nel mondo di fotografia e cinema attraverso l’esperimento de “Il cavallo in movimento”.

Contents.media