Coronavirus, la corretta igiene per gli animali: consigli

Il Coronavirus non può essere contratto da cani e gatti ma, è bene occuparci di loro al meglio: come curare l'igiene degli animali?

Il Coronavirus, stando agli studi effettuati fino ad ora, non può essere contratto da cani e gatti. Nonostante tutto, è bene occuparci di loro al meglio. Considerando che il Ministero della Salute ha consigliato di tenere ben pulite le abitazioni, prendersi cura della loro igiene è opportuno.

Cosa fare per i nostri animali?

Coronavirus e igiene degli animali

Nonostante qualche zucca vuota – giusto per essere gentile – abbia abbandonato il proprio animale domestico a causa dell’emergenza Coronavirus, gli studi hanno dimostrato che cani e gatti non possono essere portatori di Covid19. I nostri amici a quattro zampe non contraggono il virus e non possono trasmetterlo, questo ormai dovrebbe essere chiaro.

Advertisements

Così come lo dovrebbe essere il fatto che gli animali non si abbandonano, mai. Immaginate di avere una madre, un padre, una sorella o qualsiasi altra persona cara che, di punto in bianco, si ammala. Che fate, la abbandonate al primo palo che incontrate? Mi auguro che la risposta sia negativa. Chiarito ciò, è bene soffermarci su un punto importante: l’igiene dei nostri animali domestici. Il Ministero della Salute, per cercare di contrastare la diffusione del contagio da Covid19, ha consigliato di igenizzare costantemente le abitazioni.

Pulire al meglio una casa e occuparci della pulizia del nostro cane o gatto è, quindi, opportuno.


Come curare cani e gatti

Gli esperti di Ca’ Zampa, il Gruppo di Centri pensati per il benessere degli animali, danno alcune semplici raccomandazioni per “disinfettare la cute da microrganismi nocivi e combattere virus, batteri e funghi”. Innanzitutto è bene spazzolare a lungo il pelo del nostro amico a quattro zampe. Che sia un gatto o un cane, poco importa. Non solo adesso che siamo in emergenza sanitaria: i pelosetti andrebbero spazzolati quotidianamente. Così facendo, infatti, eliminiamo il pelo in eccesso e riusciamo a tenere sotto controllo l’eventuale comparsa di zecche e pulci.

Secondo passaggio importante riguarda il bagnetto. È bene sottolineare che su questo argomento gli esperti del settore si trovano spesso in contrasto. Qualcuno consiglia di farlo ogni due settimane, mentre altri chiedono di non superare mai quattro lavaggi l’anno. Proprio per questo è bene chiedere il parere del proprio veterinario, che conosce il cane alla perfezione e sa quello che è meglio per lui. Nel dubbio potete sempre optare per uno ‘shampoo a secco’, facendo attenzione a testarlo prima su una piccola parte del corpo per vedere se ‘fido’ ha qualche reazione allergica. Un altro ‘trucchetto’ da non sottovalutare riguarda la clorexidina, agente antimicrobico in grado di eliminare virus e batteri. Ultimo consiglio per una igiene perfetta riguarda la corretta detersione di zampe e area genito-anale. Dopo l’uscita è bene pulire queste parti con salviette umidificate a base di clorexidina.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Jetsun Pema, curiosità e vita privata della Regina del Buthan

Pedicure curativo fai da te: come fare? Consigli e prodotti da usare

Leggi anche
  • gatto con il caldoCome aiutare il gatto con il caldo: tutti i consigli

    Avete un gatto e volete aiutarlo con l’incombere del caldo e dell’afa? Ecco i consigli da seguire

  • Alimenti che i gatti non possono assolutamente mangiareQuali sono gli almenti che i gatti non possono mangiare?

    Ci sono alcuni alimenti che i gatti non possono assolutamente mangiare perchè potrebbero causargli indigestioni e gravi malattie.

  • alimenti che i cani non possono assolutamente mangiare10 alimenti che i cani non possono assolutamente mangiare

    Sarebbe opportuno stare molto attenti a cosa scegliamo di dare da mangiare al nostro cane, perchè ci sono alimenti davero pericolosi.

  • 
    Loading...
  • Movimenti coda dei gattiGatti, cosa significano i movimenti di coda più comuni

    I gatti muovono la coda per comunicare: osservandola possiamo capire come si sentono o cosa stanno cercando di ottenere.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.